Google+

Chi ha paura degli Ogm? «Li mangiamo da due decenni e non è successo mai nulla»

ottobre 24, 2013 Emmanuele Michela

Le biotecnologie portano vantaggi per tutti e abbassano i prezzi. E chi li ostracizza ha sempre opposto solo paure, bufale e accuse ideologiche. Lo scrive il Wall Street Journal

Ogm, piantiamola di averne paura. A lanciare l’appello è niente meno che il Wall Street Journal, che ieri ha ospitato sulle sue colonne una lunga analisi sull’agricoltura biotech firmata da Marc Van Montagu, docente di biologia dell’università belga di Gent. Il ricercatore di recente è stato insignito del World Food Prize, una sorta di Nobel nel campo alimentare assegnato a Des Moines, nello Iowa, in un’edizione che ha destato più di una polemica perché, insieme a lui, ad essere premiati sono stati Robert Fraley, vice presidente di Monsanto, e Mary-Bell Chilton, founding member di Syngenta, due tra le multinazionali leader dell’industria genetica in campo agricolo, oggetto costante di critiche ed attacchi da parte degli ambientalisti.

TUTTI I VANTAGGI. L’analisi di Van Montagu si basa su dati reali e su una prima considerazione tanto elementare quanto inattaccabile: è vent’anni che miliardi di persone mangiano cibo geneticamente modificato, e nessuno ha mai avuto problemi di salute, questo sebbene ormai il grano Ogm occupi quasi un quarto dei terreni agricoli, raccolto dal lavoro di più di 17 milioni di agricoltori.
I vantaggi offerti dalle nuove colture sono tanti, e vanno ben più a fondo dell’allargamento della forbice tra quantità di beni prodotti e prezzi sempre più bassi: basti pensare all’India che, grazie ai semi di cotone modificati per essere resistenti agli attacchi di parassiti, è passata da essere importatore a esportatore di questo bene.

E GLI AMBIENTALISTI COSA RIBATTONO? Di fronte ai dati dei biotecnologi, che cosa hanno da controbattere gli oppositori degli Ogm? Nulla, dice Van Montagu, solo paure, a partire dai continui studi sui rischi di cancro passando per i pericoli per api e farfalle monache, per arrivare fino alla tesi che il cotone indiano avesse provocato un boom di suicidi tra i contadini locali, storia smontata definitivamente nel 2008 da uno studio condotto da 64 organizzazioni governative e ong.
Eppure la campagna ambientalista continua a reggere i colpi, specie in Europa, dove la coltivazione di grano Ogm è vietata, o addirittura in Africa, dove stati come lo Zambia nel 2002 rifiutarono aiuti umanitari perché consistevano in cibo modificato geneticamente.

«OPPOSIZIONE IDEOLOGICA». Strano, nota il biologo belga: l’opposizione alla biotecnologia arriva da quelle stesse persone che nello scetticismo verso il global warming vedono posizioni anti-scientifiche. «Mi sembra che gran parte della resistenza al cibo Ogm non è basata sulla scienza, bensì su posizioni ideologiche o politiche, basate su paure di “sciacallaggio aziendale” o “colonialismo occidentale”».
Con un ironico colpo di scena finale: l’ostracismo verso gli Ogm ha portato ad un sistema di massima regolamentazione, che ha fatto così schizzare i prezzi per portare sul mercato i prodotti. «Ora solo le compagnie multinazionali e i grandi enti di ricerca possono permettersi di rispettare le regole».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Edo scrive:

    Nella metropolitana della città in cui vivo, Torino, giusto ieri ho visto un video che, oltre ad alcuni consigli di una banalità colossale, come mangiare meno carne e più frutta e verdura, dava quello di mangiare cibi Ogm-free. Son rimasto senza parole per l’irragionevolezza di quest’ultimo consiglio.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download