Google+

Chi è l’idolo dei giovani in Pakistan? Mumtaz Qadri, l’uomo che ha assassinato il politico difensore di Asia Bibi

maggio 2, 2014 Leone Grotti

L’imam della moschea intitolata a Qadri sta raccogliendo fondi per ingrandirsi: «La gente lo ama, sempre più persone vogliono pregare qui»

Una moschea costruita alla periferia di Islamabad è diventata così famosa in Pakistan che l’imam sta raccogliendo fondi per ampliarla. Trattandosi di un luogo di culto non ci sarebbe nulla di male se non fosse che l’uomo a cui la moschea è stata intitolata è Mumtaz Qadri.

L’OMICIDIO DI TASEER. Qadri è l’ex poliziotto che nel 2011 ha assassinato l’uomo che doveva proteggere, Salman Taseer, il potente governatore musulmano del Punjab che aveva osato proteggere Asia Bibi, la donna cattolica condannata a morte per false accuse di blasfemia. Taseer aveva anche osato definire quella sulla blasfemia una «legge nera»: Qadri l’ha ucciso perché il politico islamico voleva cambiare la legge.

«LA GENTE AMA QADRI». L’uomo è stato condannato a morte ma è diventato un idolo in Pakistan, dove l’islam radicale è molto diffuso tra la popolazione. Tanto che il giorno in cui si è presentato in tribunale, una folla di pakistani l’ha accolto lanciando petali di rosa. E il giudice che l’ha condannato a morte è stato costretto a fuggire dal paese.
Che l’estremismo sia sempre più radicato nei sentimenti della popolazione pakistana è dimostrato dal fatto che oggi tutti vogliono pregare proprio nella moschea intitolata a Qadri: «La gente ama Mumtaz Qadri (foto a fianco, ndr)», spiega al Guardian l’imam della moschea Mohammad Ashfaq Sabri. «Sempre più gente vuole venire qui a pregare».

MOSCHEA DA INGRANDIRE. L’imam ha lanciato una campagna fondi per raccogliere 7.500 sterline e costruire una nuova sola di preghiera sul tetto della moschea edificata tre anni fa nella città di Ghori, appena fuori dalla capitale, su un terreno donato da un ricco imprenditore.
«Tutti rispettano Mumtaz Qadri», racconta un giovane fuori dalla moschea. «Lui è stato pronto a proteggere la sua religione e ognuno di noi dovrebbe fare lo stesso».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. michele says:

    Se questi sono i pakistani, sono la spazzatura del pianeta!

  2. augusto says:

    Il Pakistan è una Nazione di me..a, con tutte le dovute eccezioni

  3. michele says:

    Più che altro ha un popolo di invasati come mai si è visto nella storia.

  4. Sergio says:

    Asia Bibi, Salman Tasir, Shabaz Bhatti erano Pakistani. Tasir era anche musulmano ed era un governatrore. Shabaz Bhatti era un ministro. Non è il Pakistan o i Pakistani.a fare schifo. E’ l’odio. E quello viene da satana. Gesù lo ha vinto con la Croce.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download