Google+

Chi è Arvind Kejriwal, il Beppe Grillo indiano che vuole dare una “ramazzata” a Sonia Gandhi

dicembre 11, 2013 Francesco Amicone

Lotta ai privilegi e ai lussi dei politici, sostegno alla democrazia partecipata e introduzione del vincolo di mandato. Italia e India hanno qualcosa in comune

L’India e l’Italia hanno oggi qualche cosa in comune. L’ascesa in politica dell’anti-politica. Mentre i due marò italiani, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, sono ancora imprigionati nel paese e corrono il rischio di una condanna a morte, si fa sempre più complicata la situazione politica del paese. Non solo le elezioni svoltesi domenica in quattro stati indiani sono culminate in una batosta per il partito del Congresso di Sonia Gandhi, al governo da quindici anni in India, ma nello stato più importante della federazione indiana, quello di New Delhi, è stato superato dal partito anti-politico dell’Uomo Comune.

VITTORIA DELL’OPPOSIZIONE. Complessivamente, il vincitore delle elezioni è il partito Bharatiya Janata, il centrodestra, che rappresenta in India il principale gruppo di opposizione e che però ha vinto in tutti e quattro gli stati al voto, conquistando a Delhi la maggioranza relativa con 31 seggi su 70. Il partito del Congresso guidato dai Gandhi, che dominava da tre legislature nella capitale indiana, ha raccolto solo otto seggi. Ad aver registrato un notevole successo, ai danni del partito del Congresso, è l’Aam Admi Party, il partito dell’Uomo Comune, che nello a Delhi ha conquistato 28 seggi su 70.

IL PARTITO DELLA RAMAZZA. Lotta ai privilegi e ai lussi dei politici, sostegno alla democrazia partecipata e introduzione del vincolo di mandato, sono gli obiettivi di Arvind Kejriwal, sorta di Beppe Grillo indiano e leader del partito dell’Uomo Comune (foto a sinistra), che per questo ha voluto come simbolo del movimento una ramazza indiana, allusione alla volontà del partito di ripulire le istituzioni da ladri e corrotti. Cavalcando il malcontento popolare, in poco più di un anno, Kejriwal, ex impiegato del fisco e membro della casta dei commercianti, è riuscito a portare il suo movimento al secondo posto nello stato della capitale indiana. Il successo del “Beppe Grillo indiano” ha ricevuto il riconoscimento anche del figlio ed erede politico di Sonia Gandhi, Rahul, che si è congratulato per la sua performance.

PROBLEMI INDIANI. Il rischio che il sistema politico indiano, finora bipolare, possa a breve trasformarsi come quello italiano, diviso fra destra, sinistra e un partito dell’anti-politica, non è così lontano. La denuncia di vari casi di corruzione della politica, l’inflazione e il rallentamento della crescita economica verificatisi negli ultimi anni in India, potrebbero portare il paese su questa strada. Chi si augura di arrivare a emulare il risultato di Beppe Grillo e del Movimento 5 Stelle, è ovviamente Kejriwal, che ai media indiani, dopo la vittoria elettorale ha dichiarato: «Il nostro compito è dare una spallata al sistema politico attuale e offrire un’autentica alternativa nelle elezioni parlamentari del 2014».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana