Google+

Chi chiama «islamico» lo «Stato islamico» offende i musulmani. Lo dice il ministro francese degli Esteri

settembre 12, 2014 Redazione

Laurent Fabius si è raccomandato di «non usare il termine “islamico”, perché crea confusione fra l’islam e i musulmani». Ora si tratta solo di andare a spiegare anche a loro

Chi chiama lo Stato islamico (Is) con il suo nome discrimina i musulmani. Ne è sicuro il ministro degli esteri francese, Laurent Fabius, che mercoledì, parlando di fronte all’Assemblea Nazionale, ha raccomandato di «non usare il termine “islamico”, perché crea confusione fra l’islam e i musulmani».
Il ministro, rivolgendosi ai politici e ai media, ha invitato tutti a usare il nome arabo del gruppo, Daesh, acronimo di al-Dawla al-Islamiya fi Iraq wa al-Sham, che si traduce come Stato islamico dell’Iraq e del Levante. Ancora meglio sarebbe definirli «sgozzatori del Daesh», perché secondo Fabius il califfato «non ha nulla a che fare con l’islam».

IL RICHIAMO DEGLI ULEMA. La richiesta è arrivata pochi giorni dopo quella dell’Unione mondiale degli Ulema, che ha esortato a non parlare di «Stato islamico», perché a rivendicare quel nome sono solo terroristi che «trasgrediscono tutti i princìpi islamici».
La sinistra francese è sempre molto attenta ai distinguo. Lunedì scorso anche il ministro della difesa, Jean-Yves Le Drian, ha definito l’Is «organizzazione terroristica Daesh». Mentre nel comunicato stampa per la Conferenza internazionale sull’Iraq lo stesso termine è stato ripreso da Francois Hollande.
Le premure verbali della gauche francese hanno anche banali motivazioni elettorali. I socialisti, infatti, sanno benissimo che è molto importante per le loro vittorie alle urne il sostegno dei musulmani. All’ultimo ballottaggio presidenziale, il 93 per cento di loro votò per Hollande.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Cecilia scrive:

    > ” non ha nulla a che fare con l’islam”
    > “trasgrediscono tutti i principi islamici”

    Buffo, e dire che i soldati dell’IS non fanno altro che seguire passo passo le orme di Maometto, sia in quel che ha fatto personalmente sia in quel che ha lasciato scritto di fare.
    Ma è evidente che Maometto non ha niente a che fare con l’islam, no?

    I francesi sono veramente patetici, quanto ai capi mussulmani, l’idea che si stiano preoccupando per la tenuta della fregnaccia “islam religione di pace” che comincia a traballare e vogliano correre ai ripari… be’ è difficile togliersela dalla testa.

    • miriam scrive:

      Ma scusa che cavolo dici? Ma tu l hai letto il corano? Sei musulmana? Stai zitta è la gente ignorante come te che sta rovinando il mondo.

  2. Cisco scrive:

    Nessuno ha registrato il copyright per l’utilizzo del nome “islamico”, quindi chiunque può usarlo. Se gliulema pensano che non si debba usare lo dicano a quelli dell’ISIS. E soprattutto spieghino in dettaglio per quale motivo non pò avere tale qualifica.

  3. angelom scrive:

    … se non sei cretino non sei di sinistra…

  4. Mappo scrive:

    Perché il signor Fabius non prende un aereo per l’Irak e lo spiega ai signori di ISIS che loro non possono usare il termine islamico? Con personaggi del genere l’Europa non ha bisogno di nemici esterni.
    Cupio dissolvi.

    • yoyo scrive:

      Il bello è che se si tratta di Cristo gli stessi politici francesi non si fanno problemi ad applaudire la profanazione di Notre Dame.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana