Google+

Che cosa hanno chiarito i cento giorni del governo Monti

marzo 8, 2012 Gianni Ferrari

Evaporata la divisione tra berlusconiani e antiberlusconiani, si è chiarito di che pasta sono fatti i partiti e i loro leader. I Di Pietro, i Vendola e i Ferrero, sono oggi costretti a rincorrere i cosiddetti antagonisti e i cultori dell’antipolitica in mutande per avere qualcosa da dire

Vorrei, dal mio modesto punto di vista, tentare un breve riassunto della situazione politica italiana e dei suoi sviluppi, soprattutto in questi ultimi mesi, dall’avvento del governo Monti. Il falso bipolarismo italiano contrapponeva due contenitori politici, entrambi tenuti insieme con del nastro adesivo di pessima qualità. I primi, il Pdl e i suoi alleati al governo gli altri, Pd e altrettanti alleati all’opposizione. Il tutto focalizzato pro o contro la figura del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

I primi liberisti, nel senso di voler essere liberi di farsi gli affari propri nel totale disinteresse dello Stato; i secondi incapaci di sintesi politica a livello propositivo e concentrati sull’assalto al premier. E’ intervenuto, saggiamente, il Capo dello Stato, ha tolto la marmellata di mano ai bambini, i primi, il Pdl, crollati nei sondaggi hanno finto di fare la voce grossa chiedendo le elezioni, i secondi, dati vincenti nei sondaggi per accreditarsi come forza possibile di governo, non le hanno chieste. Berlusconi, dopo anni di cura dei fatti suoi, ha permesso, con i suoi voti, la nascita del governo Monti, ha rotto con la Lega e, sorpresa, si è dimostrato, per la prima volta, uno statista. Antonio Di Pietro, pur di ottenere 2 punti percentuali in più avrebbe consentito il default dell’Italia e si è dimostrato un non statista, Vendola si è visto perso e adesso rincorre i No Tav, i cultori dell’antipolitica in mutande.

Questa fase di catarsi vede la politica divisa nettamente, finalmente chiaramente tra i cultori dello Stato, delle Istituzioni, pur nelle rispettive, legittime divergenze, e coloro i quali, privi di proposta politica (Di Pietro, Vendola, Ferrero, ecc ecc) sono oggi costretti a rincorrere i cosiddetti antagonisti per avere qualcosa da dire. Di fronte alla violenza dei loro pupilli tentano la “mossa subdola”: mettere sullo stesso piano No Tav e forze di polizia quasi fosse una guerra tra bande e non uno scontro tra legalità e illegalità.

Ancora una volta avevamo ragione noi socialisti, Berlusconi avversario politico ma non Belzebù e finti “progressisti” in realtà più conservatori dei conservatori, indebitamente a sinistra. Un saluto dallo spadaccino socialista

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download