Google+

Centrafrica, chiesa attaccata con le granate: almeno 15 morti, tra cui un sacerdote

maggio 29, 2014 Redazione

L’attentato è avvenuto nella capitale Bangui, alle porte del quartiere a grande maggioranza musulmano PK5 della capitale

Almeno 15 persone, ma potrebbero essere più di 30, sono rimaste uccise ieri a Bangui, capitale del Centrafrica, all’interno di un attacco da parte di milizie islamiche alla chiesa Nostra Signora di Fatima, alle porte del quartiere a grande maggioranza musulmano PK5 della capitale.

SPARI E GRANATE. Si sospetta che gli autori dell’attentato siano i ribelli Seleka, che dopo essere stati in parte allontanati dalla capitale sono riusciti a riorganizzarsi nel nord del paese, anche se non è certo. Ieri, fuori dalla chiesa, è cominciata una sparatoria: «Eravamo dentro quando abbiamo cominciato a sentire degli spari. Sentivamo delle urla e dopo 30 minuti c’erano corpi ovunque». A causa della sparatoria, centinaia di persone sono entrate nel compound cattolico della chiesa, quando uno degli assalitori ha lanciato oltre il muro una granata facendo una strage. Tra le vittime anche un sacerdote di 76 anni, Paul-Emile Nzale.

DISARMO NECESSARIO. Nonostante migliaia di soldati dell’Unione Africana, della Francia, dell’Unione Europea e dell’Onu siano schierati sul territorio, non sembrano in grado di risolvere il conflitto. Secondo Joseph Bidoumi, presidente della Lega centrafricana per i diritti dell’uomo, «le violenze continuano perché i membri della comunità internazionale, le numerose forze dispiegate in Centrafrica, non applicano la risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che chiede il disarmo dei belligeranti».

VIOLENZE SENZA FINE. Il Centrafrica, che oggi è a «rischio genocidio», è in guerra  da oltre un anno, da quando nel marzo 2013 la coalizione di ribelli Seleka guidata da Djotodia ha deposto il presidente Bozizé. Sono seguiti otto mesi di violenze atroci e persecuzioni di cristiani. Dopo l’intervento della comunità internazionale, Djotodia è stato deposto ma milizie animiste e in parte cristiane, gli  anti-balaka, che significa “antidoto”, hanno cominciato a vendicarsi sui musulmani delle violenze ricevute. Oggi anche i Seleka si sono riorganizzati e gli scontri non sembrano avere fine.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana