Google+

A cento anni dalla prima croce, in Antartide oggi ci sono undici chiese (una di ghiaccio)

febbraio 23, 2016 Leone Grotti

Nostra Signora dei venti, dell’oceano e degli uccelli: nel continente più inospitale, ci sono 11 cappelle permanenti nelle stazioni scientifiche. Manca solo l’Italia

Ci sono le panche, gli inginocchiatoi, l’altare, il crocifisso e le stazioni alle pareti. Rispetto a tutte le chiese del mondo, la Grotta di ghiaccio non manca di nulla ma poiché i suoi muri sono interamente costituiti da enormi blocchi di ghiaccio, la cappella cattolica più fredda e a sud del mondo non è molto ospitale e il crocifisso, così come tutto il resto, è solitamente congelato.

100 ANNI FA. La Grotta di ghiaccio non è l’unica chiesa dell’Antartide, il continente più inospitale del mondo dove la prima croce è stata eretta nel 1916, cento anni fa. Ce ne sono altre dieci, sparse per la sterminata landa ghiacciata, e ognuna serve una delle tante stazioni scientifiche (ce ne sono 90) popolate soprattutto nei mesi estivi.

LE 11 CHIESE. Oltre alla Grotta di ghiaccio, dunque, costruita nel 1955 alla base argentina Belgrano II, c’è la Cappella delle nevi (Ross island, foto in alto), eretta nel 1956, le ortodosse San Ivan Rilski Chapel e Trinity Church, costruita con legno siberiano per resistere ai venti, la cappella San Francesco di Assisi, dove i figli dei ricercatori cattolici fanno di solito battezzare i figli, la cappella Santisima Virgen de Lujan, alla quale i ricercatori argentini hanno consacrato la stazione di Marambio, la cappella Stella Maris sull’isola di Cape Horn, le cilene Cattedrale del Sacro cuore e Santa Maria Reina de la Paz, e infine le francesi Nostra Signora dei venti, Nostra Signora dell’oceano e Nostra Signora degli uccelli.

grotta-ghiaccio-antartide-adventure-network

PRETE POLARE. Il primo legame ufficiale tra Antartide e cristianesimo è stato stabilito grazie al capitano Aeneas Mackintosh, che ha eretto una grande croce sulla collina Wind Vane nel 1916 in memoria dei membri di una spedizione morti tra i ghiacci. La prima messa fu celebrata in una tenda temporanea nel 1946 da padre William Menster che spese la vita per «celebrare messa e benedire il continente dell’Antartide». Il primo sacerdote a vivere in pianta stabile in Antartide fu il gesuita Henry Birkenhauer, che passò 16 mesi tra nel 1957-1958 in una stazione americana, guadagnandosi il soprannome di “prete polare”.

MANCA L’ITALIA. Come riportato dal National Catholic Register, una delle poche basi a non avere una chiesa permanente è la stazione italiana Mario Zucchelli a Terra Nova Bay. Nonostante un gruppo di laici si sia offerto di costruirla gratuitamente e una compagnia navale tedesca abbia proposto di trasportarla gratis, ancora non è stato dato il consenso all’edificazione.

Foto Wikipedia e Adventure Network


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Susanna Rolli scrive:

    “Manca solo l’Italia”…. E te pareva!

    • Susanna Rolli scrive:

      PS.: Si fosse trattato di costruire una balera, non avrei nemmeno finito di pigiare questi tasti che avrei visto la posa della prima pietra! Esagerata? Macchè!!

      Giannino, che ne dici della coniugazione dei verbi? Grazie.

      • overtime scrive:

        In una di queste undici chiese, mandate Amicone, Lupi e Formigoni

        • Sebastiano scrive:

          E perché mai? Avete già esaurito i posti nel campo di rieducazione “Pol Pot”?

          • sebino nela scrive:

            Guardi, lei è un liberale, quindi fa parte di chi è fuori dalla Chiesa. Pol Pot sembra una marca di un purè giapponese: le solite parole d’ordine di chi non sa che dire, rimbambito dalla propaganda. Taccia e legga i documenti del Magistero della Chiesa fino al 1962.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana