Google+

A cento anni dalla prima croce, in Antartide oggi ci sono undici chiese (una di ghiaccio)

febbraio 23, 2016 Leone Grotti

Nostra Signora dei venti, dell’oceano e degli uccelli: nel continente più inospitale, ci sono 11 cappelle permanenti nelle stazioni scientifiche. Manca solo l’Italia

Ci sono le panche, gli inginocchiatoi, l’altare, il crocifisso e le stazioni alle pareti. Rispetto a tutte le chiese del mondo, la Grotta di ghiaccio non manca di nulla ma poiché i suoi muri sono interamente costituiti da enormi blocchi di ghiaccio, la cappella cattolica più fredda e a sud del mondo non è molto ospitale e il crocifisso, così come tutto il resto, è solitamente congelato.

100 ANNI FA. La Grotta di ghiaccio non è l’unica chiesa dell’Antartide, il continente più inospitale del mondo dove la prima croce è stata eretta nel 1916, cento anni fa. Ce ne sono altre dieci, sparse per la sterminata landa ghiacciata, e ognuna serve una delle tante stazioni scientifiche (ce ne sono 90) popolate soprattutto nei mesi estivi.

LE 11 CHIESE. Oltre alla Grotta di ghiaccio, dunque, costruita nel 1955 alla base argentina Belgrano II, c’è la Cappella delle nevi (Ross island, foto in alto), eretta nel 1956, le ortodosse San Ivan Rilski Chapel e Trinity Church, costruita con legno siberiano per resistere ai venti, la cappella San Francesco di Assisi, dove i figli dei ricercatori cattolici fanno di solito battezzare i figli, la cappella Santisima Virgen de Lujan, alla quale i ricercatori argentini hanno consacrato la stazione di Marambio, la cappella Stella Maris sull’isola di Cape Horn, le cilene Cattedrale del Sacro cuore e Santa Maria Reina de la Paz, e infine le francesi Nostra Signora dei venti, Nostra Signora dell’oceano e Nostra Signora degli uccelli.

grotta-ghiaccio-antartide-adventure-network

PRETE POLARE. Il primo legame ufficiale tra Antartide e cristianesimo è stato stabilito grazie al capitano Aeneas Mackintosh, che ha eretto una grande croce sulla collina Wind Vane nel 1916 in memoria dei membri di una spedizione morti tra i ghiacci. La prima messa fu celebrata in una tenda temporanea nel 1946 da padre William Menster che spese la vita per «celebrare messa e benedire il continente dell’Antartide». Il primo sacerdote a vivere in pianta stabile in Antartide fu il gesuita Henry Birkenhauer, che passò 16 mesi tra nel 1957-1958 in una stazione americana, guadagnandosi il soprannome di “prete polare”.

MANCA L’ITALIA. Come riportato dal National Catholic Register, una delle poche basi a non avere una chiesa permanente è la stazione italiana Mario Zucchelli a Terra Nova Bay. Nonostante un gruppo di laici si sia offerto di costruirla gratuitamente e una compagnia navale tedesca abbia proposto di trasportarla gratis, ancora non è stato dato il consenso all’edificazione.

Foto Wikipedia e Adventure Network


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Susanna Rolli says:

    “Manca solo l’Italia”…. E te pareva!

    • Susanna Rolli says:

      PS.: Si fosse trattato di costruire una balera, non avrei nemmeno finito di pigiare questi tasti che avrei visto la posa della prima pietra! Esagerata? Macchè!!

      Giannino, che ne dici della coniugazione dei verbi? Grazie.

      • overtime says:

        In una di queste undici chiese, mandate Amicone, Lupi e Formigoni

        • Sebastiano says:

          E perché mai? Avete già esaurito i posti nel campo di rieducazione “Pol Pot”?

          • sebino nela says:

            Guardi, lei è un liberale, quindi fa parte di chi è fuori dalla Chiesa. Pol Pot sembra una marca di un purè giapponese: le solite parole d’ordine di chi non sa che dire, rimbambito dalla propaganda. Taccia e legga i documenti del Magistero della Chiesa fino al 1962.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download