Google+

Celentano si “dimentica” la beneficenza e il comune di Roma batte cassa

aprile 5, 2012 Chiara Sirianni

Alemanno sollecita il Molleggiato, che aveva promesso di devolvere il proprio compenso sanremese ad alcune famiglie bisognose della capitale e di altre città italiane. Il clan Celentano fa sapere che «la Rai non ha ancora provveduto al pagamento», il Campidoglio risponde: «non potremmo che ringraziare la sua sollecitudine»

Chi ricorda del festival di Sanremo? Era solo un mese e mezzo fa, era il tempo della musica e delle polemiche sul cachet di Adriano Celentano, ritenuto da molti eccessivo. In una conferenza stampa erano stati forniti addirittura i dettagli: 350mila euro per un solo intervento, 700 nel caso le esibizioni fossero state due, 750 per interventi maggiori, e così via. L’ex ragazzo della via Gluck aveva deciso però, a sorpresa, di devolvere l’intero compenso in beneficenza. In parte a Emergency, e in parte a una serie di famiglie bisognose sparse in tutta Italia. Qualche telefonata ai sindaci di Milano, Roma, Firenze, Bari e Napoli e criteri di «oggettivo bisogno» da applicare. Tutto sembrava finito per il meglio: l’idea era quella di consegnare a un notaio un documento contenente i nomi delle famiglie e dei sindaci che le hanno indicate. Agli stessi sindaci spettava poi il compito di consegnare il denaro, in forma privata, e alla presenza di una persona di fiducia («forse Claudia Mori, o Morandi» aveva detto Gianmarco Mazzi, il direttore artistico del festival). Un bel gesto, anche piuttosto inusuale nel mondo dello spettacolo.

Peccato che i soldi non siano ancora arrivati. E ci ha pensato il capo di gabinetto del sindaco di Roma, Sergio Basile, a far notare la cosa, diramando una nota di sollecito. Oltretutto si fa riferimento alle «precedenti mail già inviate» da parte dell’Assessorato, per tentare di capirci qualcosa, e alle «diverse richieste di informazioni» pervenute dalle famiglie interessate. Insomma, con «cortese urgenza» si chiede una risposta, alla luce del fatto che i nuclei familiari in questione hanno condizioni economiche e di salute particolarmente precarie. Dal Campidoglio fanno sapere a Tempi.it che nessuno voleva scatenare una polemica, piuttosto «monitorare situazione, perché i destinatari versano in condizioni di indigenza. In particolare la c’è una famiglia numerosa che su questa cifra faceva molto affidamento». Il motivo del ritardo? Lo si è scoperto, infine, tramite un comunicato stampa della famiglia Celentano: «Basta chiedere alla Rai che non ha ancora provveduto al pagamento. Peraltro il mese e mezzo trascorso rientra nella tempistica normale dei pagamenti effettuati dalla Rai».

Da Roma spiegano che nessuno ha intenzione di “chiedere alla Rai” alcunché. «Se la tempistica è normale, aspetteremo. Stiamo parlando di situazioni oggettivamente complesse. Ci sono bambini malati. Insomma, le abbiamo indicate apposta, perchè rispondenti ai criteri della famiglia Celentano. C’è uno stato di bisogno estremo. Per questo ci si meraviglia del fatto che davanti a tanta disperazione non ci sia la sollecitazione dovuta». È la prima volta che capita un intoppo del genere? «Sinceramente sì». Qualcuno ha polemizzato: vista l’urgenza, Celentano non potrebbe anticipare le cifre richieste e poi recuperarle quando la situazione si sbloccherà? «È a sua discrezione, ovvio. È già stato molto sensibile nei nostri confronti, ed è stato un gesto che abbiamo davvero apprezzato. Certo, non potremmo che ringraziare per la sua sollecitudine». Un’idea di quando potrebbero arrivare le risorse? «La legge prescrive che le pubbliche amministrazioni debbano provvedere entro 60 giorni. Certo, usanza vuole che purtroppo i pagamenti si dilatino, anche oltre i 120 giorni. Si parla di quattro, cinque mesi. Possiamo solo aspettare». Nel frattempo, le famiglie vengono seguite dai servizi sociali, come sempre. Ma si tratta di un’assistenza minima. «Certo è che sarebbe stato bello, si parlava di diverse decine di migliaia di euro per ciascuna famiglia. Il Comune non ha disponibilità tali. E almeno per qualche anno, sarebbero stati coperti. Parliamo di 40.000 euro a famiglia, avrebbe fatto la differenza, decisamente. Speriamo». 

Twitter: @SirianniChiara

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download