Google+

Cdo: Cosa ci piace (e cosa no) del Decreto Scuola del Governo Letta

ottobre 9, 2013 Redazione

Bene che stanzi fondi anziché tagliarli, ma dal testo emergono contraddizioni nell’impianto generale, discriminazioni per gli alunni disabili delle paritarie e altre limitazioni

Pubblichiamo il comunicato stampa della Compagnia delle Opere –  Il Decreto Scuola presentato dal Governo, che stanzia fondi anziché tagliarli, è un segnale della volontà di rimettere il mondo scolastico al centro dell’attenzione politica. Nel testo emergono però alcuni limiti che, ci auguriamo, le Commissioni parlamentari possano correggere durante la discussione in corso.

Impianto generale. Tutte le norme del Decreto, ad eccezione di quelle sul fumo, sono riferite alle scuole statali, sebbene l’impianto generale del sistema educativo italiano comprenda anche le paritarie (Legge n. 62/2000); gli alunni che le frequentano restano dunque esclusi dagli interventi sul welfare degli studenti. In particolare, va sanata la inaccettabile discriminazione nei confronti degli alunni disabili: pur trovandosi nelle medesime condizioni dei coetanei iscritti alle scuole statali, questi ragazzi non ricevono alcuna forma di aiuto.

Orientamento. Il Decreto Scuola sembra privilegiare il sostegno all’orientamento all’università a scapito delle azioni per l’orientamento al lavoro e alle professioni tecniche pur previste dal d.lgs. n. 22/2008. Questa scelta, penalizzante per l’istruzione tecnica e professionale, è confermata sia dall’assenza di riferimenti alle misure del precedente Governo per la costituzione di poli tecnico-professionali (peraltro appena avviati in molte Regioni), sia dal mancato riconoscimento del ruolo svolto dai percorsi di istruzione e formazione professionale delle strutture formative accreditate dalle Regioni. Mentre proprio questi hanno dimostrato di rappresentare il baluardo contro la dispersione scolastica e di essere uno strumento efficace per  favorire l’occupazione dei giovani. Senza sbloccarli e potenziarli, il futuro di migliaia  di ragazzi è a rischio.

Assunzioni. Il Decreto privilegia l’assunzione degli insegnanti di sostegno, indice di un scuola intesa come risposta al disagio sociale anche nel reclutamento, mentre un nuovo sistema di assunzioni è ancora lontano da venire.

Formazione. Nel Decreto manca una valorizzazione delle associazioni professionali in ordine alle attività di formazione dei docenti e dei dirigenti. Non c’è alcun segnale in direzione di una valorizzazione della responsabilità delle reti di scuole autonome e dei docenti formatori che, pure, rappresentano una novità nel panorama attuale. Eppure, solo una logica sussidiaria può permettere di elevare la qualità della scuola.

Dirigenza scolastica. Le norme introdotte dal Decreto per la dirigenza scolastica ne riducono il ruolo a mera funzione di gestione burocratica di complessi scolastici, laddove il suo compito primario resta la direzione educativa e organizzativa di istituzioni scolastiche restituite alla loro autonomia. La paventata ipotesi del reclutamento centralistico da parte della Scuola Nazionale della Pubblica Amministrazione va esattamente nella direzione opposta e quindi deve essere stralciata.

Il nostro auspicio è che le forze politiche, impegnate in questi giorni nella conversione in legge del Decreto, con coraggio ed equilibrio riescano a restituire a tutta la scuola italiana quella centralità strategica che la Costituzione le assegna per lo sviluppo del Paese.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.