Google+

Messaggi della categoria Esteri

Tempi.it

Giappone: esce per cercare la fidanzata dopo il terremoto e resta contaminato – Rassegna stampa/1

All'ospedale di Kumagaya si effettuano controlli: due persone sono state contaminate dalle radiazioni prima dell'evacuazione, altre 38 sono sotto osservazione. Fumiaki dopo il terremoto è uscito per cercare la fidanzata ed è stato contaminato. Lei l'hanno ritrovata ieri, sta bene
Redazione 15 marzo, 2011
Tempi.it

Bahrein: gli Usa appoggiano l’ascesa democratica al governo degli sciiti

L'Arabia Saudita, al contrario, appoggia il monarca Hamad bin Isa al-Khalifa inviandogli truppe contro gli sciiti, che protestano chiedendo l'abolizione della monarchia, che è retta dai sunniti. Il 70% della popolazione, invece, è di fede sciita ed è esclusa dall'esercito e dalla polizia
Rodolfo Casadei 14 marzo, 2011
Tempi.it

Funzionamento, rischi e attuale stato delle centrali nucleari del Giappone dopo il terremoto e lo tsunami

Pubblichiamo un documento che descrive scientificamente come funzionano le centrali nucleari del Giappone. All'interno viene anche spiegato che cosa è successo durante e dopo il sisma e lo tsunami, qual è il livello di rischio per i cittadini e come i media italiani stanno affrontando la situazione
Redazione 14 marzo, 2011
Tempi.it

Togni (Tempi): «Giappone, danni minimi dal nucleare. La causa non è il terremoto ma lo tsunami» – Rassegna stampa/3

Paolo Togni, ex capo di Gabinetto del Ministero dell'Ambiente, spiega a Tempi la situazione nucleare del Giappone: «La causa dei problemi è stata il maremoto, le centrali hanno retto benissimo al terremoto invece. La situazione non è di crisi e i danni sono minimi, le evacuazioni solo una precauzione»
Redazione 14 marzo, 2011
Tempi.it

Libia, truppe di Gheddafi avanzano verso Bengasi. Ribelli chiedono aiuto, Usa indecisi – Rassegna stampa/2

Muammar Gheddafi dopo aver conquistato Ras Lanuf continua la sua avanzata: strappa agli insorti Brega e si avvicina a Bengasi, roccaforte del regime rivoluzionario. Gli insorti alla comunità internazionale: «Abbiamo bisogno del vostro aiuto». Ma aumentano le incertezze degli Usa: l'intervento potrebbe essere inutile
Redazione 14 marzo, 2011
Tempi.it

Il Giappone conta 10mila morti

A due giorni dal terremoto che ha colpito il Giappone, il bilancio delle vittime non si arresta e tocca quota diecimila morti. La centrale nucleare Fukushima, dopo una prima, violenta esplosione, potrebbe esplodere ancora. Intanto circa centomila soldati sono stati inviati nelle zone colpite
Redazione 14 marzo, 2011
Tempi.it

Unione europea “pronta a dialogare con le nuove autorità libiche”

E' quasi ultimata la bozza di dichiarazione finale del Consiglio Ue sulla Libia che i 27 stanno discutendo a Bruxelles. L'Ue, si legge nel testo, vuole "aiutare il paese a costruire uno Stato costituzionale e a sviluppare lo stato di diritto". Ferma condanna della violenza di Gheddafi: "L'uso della forza contro i civili è inaccettabile e deve cessare immediatamente"
Redazione 11 marzo, 2011
Tempi.it

Libia, Gheddafi prende Ras Lanuf. Il figlio Saif: «Arriveremo a Bengasi» – Rassegna stampa/1

Secondo la tv di Stato è stata presa anche Zawiyah sul fronte occidentale. Il figlio di Gheddafi avvisa i ribelli: «Non ci arrenderemo mai neanche di fronte ad un intervento militare da parte delle potenze occidentali. Non c'è nessuna possibilità di negoziare con i ribelli. Voglio dire una cosa a Bengasi, stiamo arrivando. Vedo la vittoria davanti ai miei occhi»
Redazione 11 marzo, 2011
Tempi.it

Il nuovo Consiglio nazionale libico è perfetto: riformista, estraneo all’islamismo e filo-occidentale

Due inviati del Consilgio nazionale provvisorio di transizione libico hanno chiesto all'Unione europea di essere riconosciuti come i nuovi legittimi rappresentanti della Libia. Catherine Ashton ha respinto la richiesta ma forse ha sbagliato, anche se sono inesperti e disorganizzati
Rodolfo Casadei 10 marzo, 2011
Tempi.it

Libia, Gheddafi attacca su tre fronti: mediatico, diplomatico e militare – Rassegna stampa/2

Muammar Gheddafi va in tv e minaccia l’Occidente, spedisce emissari in Europa per cercare un appoggio diplomatico, e sgancia bombe sui ribelli a Zawiyah e Ras Lanuf. Portavoce del Consiglio nazionale libico: «Sono in corso colloqui con il governo italiano che vanno nella giusta direzione». Inizia la ritirata dei ribelli da Ras Lanuf
Redazione 10 marzo, 2011
Pagine:«1...655656657658659...669»