Google+

Messaggi della categoria Economia

Tempi.it

La scossa realista

A un anno dalla "rivoluzione" nell'istruzione superiore, il ministero fa il punto. Biondi: «Aiutiamo i ragazzi a scegliere. Oggi è più facile farlo»
Laura Borselli 19 aprile, 2011
Tempi.it

I conti Usa giudicati in modo negativo da S&P’s, a rischio la tripla A – Rassegna stampa/1

Non era mai successo e ora l'America rischia il declassamento da AAA a AA+, secondo l'agenzia di rating Standard&Poor's. Secondo S&P's gli Usa sono gli unici a non avere ancora deciso come ridurre il deficit e non lo faranno prima del 2013, dopo le elezioni. La risposta di Washington: «Giudizio politico, faremo qualcosa per deficit e debito»
Redazione 19 aprile, 2011
Tempi.it

Coldiretti: «Cibo, è la speculazione sulla fame a causare l’altalena dei prezzi»

Dopo l'allarme lanciato da Mario Draghi, Governatore della Banca d'Italia, sull'aumento dei prezzi del cibo, la Coldiretti ha accusato le speculazioni finanziarie sulla fame. «Sono gli effetti drammatici di una globalizzazione senza regole» dichiarano. «Dobbiamo garantire alle agricolture mondiali credito e investimenti adeguati»
Redazione 18 aprile, 2011
Tempi.it

Landini: la Fiom farà causa alla Fiat di Marchionne

Maurizio Landini, segretario generale del sindacato Fiom-Cgil: «La costituzione delle newco da parte del Lingotto viola le norme italiane ed europee. L'obiettivo del ricorso è di rendere nulli gli accordi di Pomigliano. Andremo all’incontro per la ex Bertone con Sergio Marchionne»
Giuseppe Sabella 18 aprile, 2011
Tempi.it

Di Vico (Corriere): «Crescita: puntiamo sull’export, ci mancano le Ikea italiane» – Rassegna stampa/2

Dario Di Vico spiega a Tempi la possibile ricetta per la crescita: «Tremonti dice che cresciamo all'1,1%, Draghi che abbiamo bisogno del 2%. Hanno ragione entrambi sulle stime ma ora bisogna coniugare rigore e crescita. Per me dobbiamo puntare tutto sull'export creando delle Ikea italiane all'estero»
Redazione 15 aprile, 2011
Tempi.it

Riunione del Brics, il G8 delle economie del futuro che odiano l’Occidente

Nell'isola di Hainan in Cina si sono riuniti Brasile, Russia, India, Cina e per la prima volta Sudafrica. Sono le economie del futuro, con tassi di crescita elevatissimi, ma che non hanno niente in comune tra di loro se non l'avversione per gli Stati Uniti e l'Occidente in generale
Rodolfo Casadei 13 aprile, 2011
Tempi.it

Galateri presidente di Generali dopo Geronzi. Della Valle soddisfatto

Gabriele Galateri, già presidente di Mediobanca, principale azionista di Generali, è il nuovo presidente di Assicurazioni Generali, dopo le dimissioni dei giorni scorsi di Cesare Geronzi. Il nuvo presidente: «Raggiungeremo traguardi ancora più ambiziosi di quelli che fino ad ora la società ha raggiunto». Della Valle: «È un bel segnale per l'Italia»
Redazione 9 aprile, 2011
Tempi.it

Festa (Giornale): «Generali, Geronzi teneva un equilibrio. C’è un’idea diversa dalla sua?» – Rassegna stampa/3

Lodovico Festa legge per Tempi le dimissioni inaspettate di Cesare Geronzi: «La svolta è improvvisa perché nessuno aveva colto la decisione dentro Mediobanca. Ora verrà scelto Galateri, un presidente debole. Geronzi aveva una visione di sistema, ha tenuto un equilibrio in modo aperto, facendo sponda con Bazoli. Se non se ne trova un altro ci saranno scossoni»
Redazione 7 aprile, 2011
Tempi.it

Docente brasiliana dà lezioni all’Italia: «Così abbattiamo la disoccupazione»

Yone Frediani, docente dell'università Unifieo di San Paolo, spiega perché il Brasile, nonostante la recessione, ha un tasso di disoccupazione più basso di quello italiano: «Lo Stato ha facilitato la crescita con una politica di detassazione, così che la popolazione di basso reddito ha potuto acquisire beni che prima non poteva permettersi»
Giuseppe Sabella e Luigi Degan 1 aprile, 2011
Tempi.it

Le rinnovabili fanno aumentare del 3% la bolletta dell’elettricità

Ad aprile, il rincaro sarà del 3,9% ma solo lo 0,9% è dovuto agli andamenti dei mercati. Il restante 3% è causato dal finanziamento delle rinnovabili. Il prezzo del gas aumenta del 2%. Ogni famiglia su base annua spenderà 37,5 euro in più. Sull'aumento pesa anche il rincaro del petrolio dal 2009
Redazione 29 marzo, 2011