Google+

Caso Unar. Gandolfini: «Club Anddos è solo la punta dell’iceberg»

febbraio 21, 2017 Caterina Giojelli

Intervista al presidente del Comitato promotore del Family day: «Chiediamo sia sciolto Unar. E via le associazioni Lgbt»

Orge e sesso a pagamento nei circoli legati ad associazioni gay finanziate dall’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali della presidenza del Consiglio dei ministri: incontrato il sottosegretario Maria Elena Boschi, dopo il servizio delle Iene che ha denunciato un uso improprio dei fondi di palazzo Chigi, il direttore dell’Unar Francesco Spano, avvocato, classe 1977, si dimette dall’incarico conferitogli l’11 gennaio 2016, «ma il governo non pensi di assolversi usandolo come capro espiatorio».

Commenta positivamente le dimissioni Massimo Gandolfini, presidente del Comitato promotore del Family day, «chi occupa un ruolo istituzionale – dice a tempi.it – deve operare verso il bene comune degli italiani e non nei confronti degli interessi privati di qualcuno», ma l’inchiesta delle Iene non lo ha sorpreso affatto «da tempo noi del Family day stiamo denunciando la presenza di un mondo sommerso di vizio e di perversione che quasi tutti conoscono e si ostinano a negare».

Oggi Spano ammette in un’intervista al Corriere di possedere la tessera di socio del club Anddos, l’Associazione nazionale contro le discriminazioni da orientamento sessuale che avrebbe beneficiato dei finanziamenti a pioggia dell’Unar (oltre 55 mila euro nel 2016) e a cui fanno riferimento – come raccontato dal servizio della Iena Filippo Roma – circoli all’interno dei quali vengono svolte pratiche sessuali gay estreme e viene esercitato lo sfruttamento della prostituzione omosessuale.

«Non entro nel merito della persona, il suo operato deve essere assolutamente sanzionato e condannato, ma sarebbe troppo facile pensare di avere risolto tutto con le sue dimissioni, gettando tutte le responsabilità su di lui. Pensare che le risorse pubbliche vengano allocate in questo modo quando in Italia ci sono capitoli di spesa che vengono negati perché “non ci sono i fondi” è da denuncia: penso a tutto il mondo della disabilità e all’altrettanto grande mondo delle famiglie numerose a cui viene detto di arrangiarsi mentre vengono erogati oltre 55 mila euro ad associazioni come quelle raccontate nel servizio».

Per Gandolfini la vicenda Anddos è soltanto la punta di un iceberg, «le associazioni gay dovrebbero valutare attentamente la situazione, sappiamo che all’interno del mondo omosessuale viene praticata la prostituzione a pagamento e questo va di sicuro a scapito delle persone omosessuali che ancora una volta vengono trattate come oggetti di piacere e non come uomini. La nostra, ribadisco, è una battaglia contro quel tipo di perversione e di vizio non contro le persone, che devono essere sempre rispettate».

Gandolfini attacca infatti l’Unar, «che da anni – lo denunciamo da tempo e inascoltati nonostante la partecipazione massiccia al Family day convocato a giugno del 2015 su questi temi –, agisce ideologicamente fuori dal sul suo mandato originario, sponsorizzando la colonizzazione ideologica dell’orientamento e dell’identità di genere. Chiediamo che venga immediatamente sciolto e che venga costituita dal dipartimento delle Pari Opportunità una nuova agenzia contro la discriminazione per motivi di razza e religione in maniera trasparente, e che ne facciano parte persone dal background culturale e di vita personale assolutamente chiaro e irreprensibile. Chiediamo che venga tolto immediatamente l’accreditamento come “agenzie per il contrasto alla discriminazione e al bullismo” delle associazioni Lgbt predisposto nel 2012 dall’allora direttore Marco De Giorgi affinché l’Unar entrasse nella programmazione dei percorsi e dei progetti formativi nella scuola e attraverso il quale si è tentata una vera colonizzazione secondo il gender. L’Unar nella scuola deve entrare solo come Ufficio antidiscriminazioni di razza e religione. I figli non sono cavie per sperimentazioni socio culturali».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

COSA: YAMAHA TEST THE EMOTION, Hyper Naked e Sport Touring in prova  DOVE E QUANDO: Pescara, 1 e 2 aprile Si chiama “Yamaha Test the Emotion” il nuovo tour itinerante di nove tappe organizzato da Yamaha per far scoprire ai motociclisti italiani i modelli delle famiglie Hyper Naked e Sport Touring di Iwata. Per la gamma MT saranno presenti […]

L'articolo RED Weekend 30 marzo – 2 aprile, idee per muoversi proviene da RED Live.

Dormire sugli allori può rivelarsi – oggi più che mai – un errore imperdonabile, anche per le Case più affermate e per i loro modelli più rappresentativi. Con la concorrenza che affila le armi e la tecnologia che si diffonde a macchia d’olio a tutti i livelli, il rischio che un modello best-seller possa finire […]

L'articolo Prova Suzuki V-Strom 650 XT 2017 proviene da RED Live.

LIVE Una delle 600 Supersport più amate di sempre si rinnova, dimostrando che Yamaha crede ancora in una categoria che altri hanno dato già per spacciata. Troppo severe le norme anti inquinamento per i frullini da 600 cc che a furia di smagrire le carburazioni sono diventati anoressici di coppia e poco godibili su strada, […]

L'articolo Prova Yamaha R6 2017 proviene da RED Live.

La primavera è per definizione la stagione più di altre foriera di novità. E le novità fioriscono anche in KTM. Dopo il lancio del tour internazionale Track ‘N Test, che farà tappa anche a Misano dal 7 al 9 aprile, ecco difatti profilarsi un’altra iniziativa. Partiamo dalla sigla C.O.R.E., ossia Complete Off Road Education e che […]

L'articolo KTM Adventure Hard C.O.R.E. proviene da RED Live.

È un’evoluzione e non una rivoluzione, questo si capisce anche da nome. Quel “Max” aggiunto si traduce in migliorie a un prodotto, Dunlop SportSmart 2, che ottenuto un buon successo sul mercato ma che meritava un upgrade per rimanere al passo con i tempi. Operazione necessaria perché l’andamento del mercato delle moto parla molto chiaro: […]

L'articolo Prova Dunlop SportSmart 2 Max proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana