Google+

Caso diplomatico-religioso tra Mosca e Kiev: l’Ucraina non fa entrare Hilarion, inviato del patriarcato di Mosca

maggio 15, 2014 Redazione

La Chiesa ortodossa russa ha reagito duramente, denunciando «il tentativo di trasferire il conflitto politico e civile in Ucraina sul piano religioso»

Il metropolita Hilarion, considerato il “ministro degli Esteri” del Patriarcato di Mosca, arrivato in Ucraina in aereo è stato bloccato in aeroporto e respinto in Russia. I fatti, avvenuti lo scorso 9 maggio, hanno destato scalpore e rinnovato le tensioni tra Mosca e Kiev.

L’INCIDENTE DIPLOMATICO. Presidente del Dipartimento sinodale per le relazioni ecclesiastiche estere, Hilarion è atterrato all’aeroporto internazionale di Dnepropetrovsk per partecipare alle celebrazioni per il 75esimo compleanno del metropolita Irinej in qualità di rappresentante del patriarca Kirill di Mosca. Qui, però, è stato fermato al controllo passaporti, dove gli hanno impedito l’accesso in territorio ucraino.
Prima di essere imbarcato di nuovo per la Russia, Hilarion è riuscito a leggere il messaggio di Kirill per il compleanno di Irinej, che saputo dell’incidente ha subito raggiunto il metropolita in aeroporto.

LA REAZIONE DI MOSCA. Come riporta AsiaNews, la Chiesa ortodossa russa ha reagito duramente, denunciando «il tentativo di trasferire il conflitto politico e civile in Ucraina sul piano religioso». Hilarion, «sorpreso» da quanto avvenuto, ha aggiunto che «quanto accaduto solleva molti interrogativi, perché la Chiesa porta avanti esclusivamente una missione di pace: la Chiesa ortodossa russa è al di fuori della politica».

«ATTO PROVOCATORIO E SENZA PRECEDENTI». Davanti alle proteste del ministro degli Esteri russo, che ha richiesto scuse ufficiali da parte delle autorità ucraine per l’atto «provocatorio e senza precedenti», il ministero degli Esteri ucraino ha dichiarato: «Il diritto di lasciare entrare qualcuno o meno, spetta agli agenti di frontiera».

UCRAINA DIVISA. Da aprile, in Ucraina non possono più entrare cittadini russi maschi di età compresa tra i 16 e i 60 anni. Ma i motivi per cui Hilarion è stato messa alla porta sono altri. Al di là degli ultimi avvenimenti politici, che dopo quella della Crimea hanno visto la Russia vicina all’annessione anche delle regioni di Donetsk e Luhansk, che si sono dichiarate indipendenti con due referendum e hanno chiesto di unirsi a Mosca, ci sono anche scontri religiosi tra Mosca e Kiev.

SCONTRI RELIGIOSI. I rapporti fra il Patriarcato di Mosca e quello di Kiev sono pessimi da quando nel 1990 Filaret fallì la nomina a Patriarca di Mosca e decise di trasformare l’esarcato ucraino in Patriarcato vero e proprio. La politica, negli ultimi mesi, ha allargato la frattura: di recente Kirill ha affermato la neutralità della Chiesa rispetto alle questioni politiche come il destino della Crimea, pur ricordando che l’Ucraina forma un’unica entità «spiritualmente e storicamente» con la Russia.
Al contempo, il patriarca Filaret ha annunciato ai fedeli che l’attacco del nemico russo contro l’Ucraina sarebbe fallito perché contrario alla volontà di Dio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana