Google+

Caso Abu Omar. Undici anni di processi per scoprire che i servizi segreti possono agire in segreto

febbraio 26, 2014 Redazione

La Cassazione ha prosciolto definitivamente Pollari e gli agenti Sismi coinvolti secondo l’accusa nel rapimento dell’imam da parte della Cia. Ma ci sono voluti sette ricorsi di quattro governi e due pronunce della Corte costituzionale

«La sicurezza interna del paese prevale sulle indagini della magistratura». Lo ha stabilito, una volta per tutte, la Corte di cassazione concludendo l’ultimo atto del processo Abu Omar. Dopo undici anni di lavoro tra procura e tribunali e sette conflitti di attribuzione opposti da quattro diversi governi (Prodi, Berlusconi, Monti, Letta), risolti dalla Corte costituzionale dando ragione alla presidenza del Consiglio, i giudici sono riusciti finalmente a concludere che il segreto di Stato non può essere violato dai magistrati. La Cassazione ha così prosciolto definitivamente l’ex direttore del Sismi Nicolò Pollari e gli altri agenti segreti italiani coinvolti – secondo l’accusa – nel rapimento di Abu Omar, ex imam del centro islamico di viale Jenner a Milano, condannato per terrorismo internazionale.

IL PROSCIOGLIMENTO. La Prima sezione penale della Cassazione ha dunque annullato le precedenti sentenze di condanna senza rinvio «perché l’azione penale non poteva essere proseguita per l’esistenza del segreto di Stato». Per gli ex vertici del Sismi, sia in primo che in secondo grado era stato pronunciato il non luogo a procedere «per segreto di Stato». Era stata proprio la Cassazione nel settembre 2012, a riaprire il procedimento a carico dei funzionari del servizio segreto, annullando i proscioglimenti e disponendo un nuovo processo. Il 12 febbraio 2013, la Corte d’appello di Milano, al contrario della prima sentenza, aveva condannato gli imputati. Tuttavia un mese fa la Consulta ha accolto il conflitto di attribuzione presentato dal governo contro i verdetti della Cassazione e dei giudici milanesi, ribadendo, come aveva già fatto nel 2009, che il segreto di Stato va rispettato nei rapporti fra i servizi di intelligence italiani con altri.

«MAI FATTO QUESTE COSE». Il generale Pollari, commentando il proscioglimento da parte della Cassazione, ha ripetuto che sia lui sia il Sismi da lui diretto non solo non hanno «mai fatto queste cose» ma hanno «impedito ad altri di farle». Cose che aveva già sostenuto in tribunale nel corso dei dibattimenti ma che non aveva potuto provare a causa appunto del vincolo di riservatezza che solo il governo avrebbe potuto sciogliere.

LE INDAGINI. La vicenda processuale del sequestro Abu Omar è lunga e complessa. L’imam condannato per terrorismo scomparve a Milano il 17 febbraio 2003. Dopo due anni di indagini furono emesse dalla procura di Milano tre ordinanze di custodia cautelare nei confronti di ventidue agenti della Cia accusati di averlo sequestrato e interrogato illegalmente. Il 15 luglio 2006 anche l’allora capo dell’intelligence militare italiana, Nicolò Pollari, fu iscritto nel registro degli indagati. Già durante il primo interrogatorio, il generale si avvalse della facoltà di non rispondere perché vincolato dal segreto di Stato. Il presidente del Consiglio, Romano Prodi, confermò le parole di Pollari, ma le indagini della procura procedettero. Nel 2007 il governo Prodi sollevò il primo di quelli che sarebbero stati ben sette conflitti di attribuzione nei confronti della procura meneghina, chiedendo che la Corte costituzionale fermasse il processo a causa dell’uso di documenti sensibili e di intercettazioni telefoniche tra agenti segreti.

I CONFLITTI. Nel 2008 pendevano cinque conflitti d’attribuzione. Nel 2009 la Corte costituzionale li risolse tutti ribadendo i princìpi di inviolabilità del segreto di Stato: in seguito alla sentenza della Consulta, i magistrati milanesi prosciolsero Pollari e gli altri membri del Sismi. Sembrava finalmente conclusa la vicenda, ma nel 2012 la Cassazione impose di celebrare un nuovo appello, stravolgendo quanto aveva decretato la Consulta. Se per i giudici costituzionali, infatti, qualsiasi rapporto tra Cia e Sismi doveva essere coperto dal segreto di Stato, la Cassazione interpretò che ciò valeva soltanto per i rapporti istituzionali o a livelli di vertici tra servizi segreti, non per i rapporti informali e ufficiosi (ufficiosi come l’operazione congiunta che secondo i pm milanesi avrebbe condotto al sequestro illegale dell’imam). Ciò portò a una nuova sentenza d’appello per Pollari e gli altri agenti del Sismi, e costrinse il governo italiano a sollevare altri due conflitti alla Corte costituzionale, che lo scorso febbraio ha ribadito quanto già detto nel 2009, dimostrando che ciò che aveva sentenziato la Cassazione era incostituzionale e di fatto costringendo la stessa Cassazione a prosciogliere i vertici del Sismi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. VivalItalia scrive:

    Che ccinema..
    Grazie ar Cielo, almeno comico e non horror..

  2. andrea scrive:

    E’ veramente comico, per non dire che fa piangere a pensare alle risorse e alle energie dedicate a questi processi. Tra l’altro, Abu Omar è stato recentemente condannato pe terrorismo a Milano.
    Se un avvocato e un dirigente d’azienda trascinassero il proprio cliente o la propria azienda in un’avventura come questi processi per anni e anni per farsi dire che non potevano agire per interessi superiori dello Stato, sarebbero licenziati in tronco.
    Sti PM, invece, manco fanno un minimo di autocritica..

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana