Google+

Casamonica. «La misericordia di Dio non si nega a nessuno, ma bisogna essere umili come il pubblicano»

agosto 24, 2015 Leone Grotti

Intervista all’arcivescovo di Monreale, Michele Pennisi: «Io negai un funerale solenne a un mafioso, ma lo feci in privato al cimitero. Sbagliato il paragone con Welby»

«Sono disgustato da questo spettacolo, una carnevalata. La misericordia di Dio non va negata a nessuno, ma ci vuole umiltà». Così l’arcivescovo di Monreale, Michele Pennisi, presente al Meeting di Rimini, commenta a tempi.it i funerali romani di Vittorio Casamonica, capo di un clan di stampo mafioso. Monsignor Pennisi sa il fatto suo in merito: membro del Pontificio consiglio di giustizia e pace, è stato in passato vescovo di piazza Armerina per 11 anni, periodo in cui ha negato il funerale pubblico a un boss mafioso di Gela.

Che cosa l’ha colpita dei funerali di Roma?
È stato una carnevalata con tutto quell’apparato di cavalli e carrozze. Non mi sono piaciuti soprattutto i manifesti nei quali il defunto veniva raffigurato come una specie di papa, con la croce pettorale, il vestito di bianco e la scritta: “Hai regnato in terra, regnerai in cielo”. E poi ancora la musica del Padrino, una cosa di pessimo gusto, soprattutto se pensiamo al clan non proprio di gente onesta di cui faceva parte.

Ma Dio non perdona tutti?
Ecco, Cristo ha perdonato anche il buon ladrone sulla croce. Ma se uno vuole essere perdonato deve entrare in chiesa con l’umiltà del pubblicano, non con l’ostentazione del fariseo. Siccome ha dominato in terra, sembravano pretendere il Paradiso, come se far parte di un clan di stampo mafioso fosse un diritto da accampare per andare in Paradiso. Ma è il contrario, non ci può essere conciliazione fra idolatria del denaro, del potere e della mafia con il Vangelo.

Lei che cosa avrebbe fatto?
Io sono stato vescovo di piazza Armerina per 11 anni. Ho negato il funerale religioso solenne a Emanuele Emmanuello, ucciso in uno scontro a fuoco con la polizia. Parlo del funerale solenne nella chiesa madre, con l’apparato di fiori e il codice che accompagna le esequie di stampo mafioso: fiori per terra lungo la strada, bara sollevata, sfarzo, per dare un segnale di potenza e visibilità. Io ho proibito quello solenne in accordo con le autorità e ne ho fatto uno privato, solo per i parenti stretti, al cimitero. Così un evento di lutto non si è trasformato in glorificazione di un boss mafioso. In questo caso penso sia mancato il coordinamento tra parrocchia e autorità.

Colpa del parroco?
No, è una delle parrocchie tra le più grandi di Roma, 50 mila abitanti, non si può conosce tutti: il parroco non ha il casellario giudiziario della gente e non può giudicare in base a quello. Dovevano avvertirlo. La Chiesa poi non può negare la misericordia di Dio a nessuno, ma questa ci è stata ottenuta a caro prezzo, al prezzo del sangue del Figlio di Dio, e quindi non va svenduta a prezzo di liquidazione.

A Piergiorgio Welby però in quella stessa chiesa il funerale è stato negato.
È un caso diverso. La decisione allora fu presa dal cardinal Camillo Ruini con l’accordo anche della Santa Sede. A quanto ricordo, veniva visto come un funerale di tipo ideologico, attraverso cui si cercava di legittimare un suicidio volontario e l’eutanasia, che sono qualcosa di contrastante con la fede e la morale cattolica. È vero che io per i suicidi il funerale l’ho sempre fatto, perché si pensa che il suicida abbia sempre una debolezza psicologica, un momento di pentimento su cui solo Dio può giudicare, ma nel caso di Welby c’era stata una ostentazione. Questo non mi ha impedito ad esempio di celebrare una Messa in privato per lui. Infatti, un conto è l’ostentazione pubblica di un presunto diritto, un’altra la misericordia verso una persona che è morta. Tutti hanno diritto a una preghiera.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

36 Commenti

  1. Giannino Stoppani scrive:

    Invece di fare della Chiesa una sottospecie di costosa onlus pauperista, bisogna ri-evangelizzare la società!
    Vedrete che se tutti conoscono il Vangelo, almeno nei suoi tratti essenziali, certe polemiche frutto di ignoranza crassa, supina e affettata non si azzarda nessuno ad alimentarle.
    Perché per i supponenti “antropologicamente superiori” nulla è più terrificante che lasciar che trapeli la propria ignoranza!

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Giannino, tocca ad ognuno di noi singolarmente!, non credi che questi sono i tempi delle nostre personali responsabilità? Verso noi stessi, verso quelli di casa e verso gli altri? Se questo mondo cristiano non è il caos!! Non trapelerà nessuna ignoranza, perchè la Verità è offuscata, e la Verità sarà sempre piu’ -vedrai che non mi sbaglio!- ciò che sostiene la maggioranza, non ciò che sostiene DA MILLENNI la Chiesa!!
      E’ per i nostri pastori in primis che bisogna pregare in questo momento storico della Chiesa -mi sento di dire- che possano tutti assomigliare sempre più a Mons. Cordileone, perbacco, A M. Negri, riperbacco, e a tanti altri -grazie a Dio ce ne sono in giro per il mondo!-; perchè dal sacrestano al Vescovo siano tutti un cuor sono ed un’anima sola in Cristo Gesù Via -Verità e Vita, e non in Cristo Gesù bamboccio (che mi perdoni!). E coraggiosi fino alla morte nel dire la Verità, riperbacco!
      Sbaglio?

      • Giannino Stoppani scrive:

        Brava Susanna!
        Tocca proprio a noi!
        Anche perché il papa e gli alti papaveri danno l’impressione di pensare a ben altro di più importante (ad esempio a come salvaguardare le alghe e i vermi della terra!)
        P.S.: mi spiace un pochino che tu abbia avuto l’impressione che io mi volessi defilare escludendomi dal novero di coloro a cui spetta la ri-evangelizzazione, ma ‘sta cosa l’avevo chiarita già in altri post e non mi pareva il caso di ripetere questo concetto scontato (la Chiesa siamo noi), benché non posso pretendere che la gente legga tutte le bischerate che scrivo.

        • SUSANNA ROLLI scrive:

          Assolutamente no, Giannino, pensi male quando pensi che io ho pensato (‘mazza quanti pensamenti!!). Rifo: la tua impressione è sbagliata nei confronti di ciò che ho scritto nel mio prec. post; mai pensato che tu ti volessi defilare..se tutti fossero schietti e decisi come te!! Diciamo era da intendere come un rimarcamento, una sottolineatura, un appoggio alla tua tesi chiara come la luce del sole..La Chiesa siamo noi, certo, vale per tutti, è un concetto scontato, chiaro! Abbi pazienza con me, non sono un gran chè a scrivere!

  2. Giuseppe Fattoni scrive:

    Il mafioso vestito da papa .. quando un’immagine vale piu di mille parole…

    complimenti ai Casamonica per aver descritto la storia della chiesa in una sola immagine che rimarrà per sempre come vostro epitaffio.

    Siete (su) un binario morto.

    • Sebastiano scrive:

      Shiva, che è successo? Sono preoccupato, perché hai usato un nuovo nick così banale? Non avrai mica cambiato pastiglia di nuovo?

    • Luca P. scrive:

      Stai sereno Giuseppe,
      il tuo modello di Stato, ovvero la Corea del Nord , ti aspetta a braccia aperte :-)

      • Giannino Stoppani scrive:

        Bisogna riconoscere che Shiva, a pensarci bene, non ha tutti i torti (anche se dimostra il livello non comune del suo intelletto cambiando cento nickname solo per scrivere la stessa bischerata): il mondo viaggia su un binario morto, ma nessuno sa in realtà questo binario quanto sia lungo, visto che finisce il giorno del giudizio.

    • To_Ni scrive:

      Ora me la segno questa grande profezia .

      Ps : i film Sansone contro Maciste, Ercole contro Dracula , Zorro contro Golia, non sono basati su studi storici. Quindi anche sulla storia della Chiesa devi focalizzare meglio la situazione.

  3. beppe scrive:

    il parroco non può conoscere tutti? certo, io non riesco a immaginare questo vivendo in un paese di 10.000 abitanti. ma quando qualcuno muore e chiede il funerale , il parroco si reca nella famiglia per la veglia funebre. e poi è impossibile ipotizzare che un nome così conosciuto e chiacchierato non suscitasse almeno un campanello d’allarme. una figuraccia mondiale.

    • Ugobagna scrive:

      Un nome così conosciuto e chiaccherato? Mah, io prima di questo caso mediatico non sapevo neanche chi fosse e che esistesse questo “clan” se lo è…
      E penso che neanche tu Beppe lo conoscessi…

  4. Gd scrive:

    Questo di Don Pennisi è un intervento che mi piace e credo rappresenti bene quale debba essere la posizione della Chiesa cattolica. Chi è mancato veramente, nella vicenda grottesca di queste esequie, è lo Stato, in tutte le sue articolazioni.

  5. Cisco scrive:

    Mons. Pennisi non brilla per chiarezza, e i casi sono due: o non sa che i funerali dei rom sono sempre celebrati con carrozze e cavalli perché si tratta di un popolo nomade e i cavalli nella loro cultura hanno una importanza vitale; oppure ritiene che, se i funerali di un boss mafioso venissero celebrati su un carretto trainato da un asino spelacchiato, allora non susciterebbero pubblico scandalo. Mah! I carri funebri sono sempre auto di lusso, forse il presule non se n’è mai accorto… l’umiltà di cui parla è un atteggiamento dell’animo di fronte a Dio, per nulla incoerente con il “festeggiare con sfarzo”: piuttosto è il non festeggiare ad essere un atteggiamento profondamente anticattolico. Consiglio al monsignore di chiedere il trasferimento nella diocesi di New Orelans, dove ai funerali c’è la banda che suona…

    • yoyo scrive:

      Sulle origini culturali di certe espressioni del lutto e su una certa festosita che dovrebbe contraddistinguere, a ben vedere, ogni funerale cristiano non si discute. Il discorso è quando il medesimo apparato ricopre anche lo scopo di esaltar la potenza del clan mafioso, come nel caso dei Casamonica. In quel caso la vigilanza dovrebbe essere doppia.

    • Orazio Pecci scrive:

      @ Cisco. Casamonica non era “rom” era “sinti” (se proprio non si vuole usare il nome comune che comincia con “z” e finisce con “ingaro”). Era un “re degli zingari” di origine abruzzese. La mafia c’entra poco o nulla, a parte la colonna sonora.

  6. Gianni scrive:

    E’ vero, è mancato lo Stato, in tutte le sue articolazioni, ma ritengo che anche per la Chiesa questo debba risuonare come un campanello d’allarme (e quando dico chiesa mi ci metto dentro anche io come cattolico). C’è tutta una schiera di persone, capeggiate da Eugenio Scalfari che per primo ha lanciato l’idea, ma passando per i sepolcri imbiancati che ci governano e per chi sbandiera le parole del Papa quando fa comodo e le ignora quando sono scomode ma purtroppo arrivando a molti appartenenti al Clero, che ha in mente un obiettivo ben preciso: l’abolizione del peccato.
    Per cui via a evidenziare che il Papa ha le scarpe consumate, che fa la fila, che paga l’albergo, ma non quello che dice realmente.
    Ed è un pericolo che si palesa in tante forme, nel dibattito sulle unioni di fatto di ogni tipo, passando per il prossimo Sinodo sulla famiglia, o sul modo con cui affrontare i temi della povertà e dell’emigrazione, senza badare alla causa di queste cose, che genera diversità di comportamento da parte della comunità internazionale, a seconda dell’interesse economico.
    A mio avviso si pretende che la Chiesa dica che va tutto bene, che si può far tutto perché tanto è già perdonato tutto in partenza. Mi sono chiesto se questo atteggiamento non sia come quello del fratello del figliol prodigo, ma in effetti non lo è: qui si pretende di storpiare la parabola evangelica, col padre che accoglie il figlio dicendogli di continuare pure a scialacquare, perché tanto è già perdonato.
    Cioè si punta a fare in modo che per la Chiesa non occorra convertirsi, cambiare vita, per ottenere la Misericordia.
    E questo secondo me è un pericolo molto grave.

    • Martino scrive:

      A pensar male si fa peccato, ma credo che gli apparati statali preposti siano ancora sconvolti per aver perso un grande portatore di consensi elettorali.

      Tutti han fatto finta di niente un po’ per paura e un po’ per riconoscenza.

      Questa è l’italia (con la i minuscola), metti poi che i dirigenti stavan tutti in ferie…..alla fine la colpa è della Chiesa (C maiuscola).

      Saluti.

      • yoyo scrive:

        No, la colpa è dei governanti che hanno tradito Cristo. Fossimo davvero cattolici, e jon spesso democristiani, saremmo tutt altro che nelle condizioni presenti. Ma il laicismo esterofilo non comprende: lorsignori vedono solo Inghilterra, Olanda….

        • andrea udt scrive:

          i governanti rispondono agli elettori.

          gli elettori rispondono alla propia coscienza e sono liberi di aderire o meno ai valori cattolici.

          se parli di tradimento significa che aneli ad una dittatura clericale.

          • Giannino Stoppani scrive:

            Ci mancherebbe altro che la dittatura clericale (magari di Galantino)!
            Credo che Yoyo abbia solo saltato qualche passaggio.
            In verità son vere due cose:
            1) la coscienza degli elettori è sempre meno ispirata ai valori cristiani, e di questo, a mio avviso ne pagherà presto le gravi conseguenze anche chi cristiano non è
            2) i politici sedicenti cristiani tradiscono il mandato affidato loro da elettori cristiani (non sto a fare esempi)

          • yoyo scrive:

            Non ambisco proprio a nessuna dittatura clericale, ma evidenzio che i politici sedicenti cattolici agiscono a favore di valori che non appartengono loro. Se i cattolici fossero cattolici integrali sarebbero una parte convincente anche per i politici non credenti e tutta la democrazia ne guadagnerebbe.

  7. Ale scrive:

    Ha fatto bene a celebrare privatamente la Messa anche per Welby e plauso a uomini di Chiesa così. Concordo che si possano evitare cerimonie pubbliche ma un funerale e Messa privata ..sapevo anch’io che non vengono negati ad alcuno, anche se il gesto è estremo e forse proprio per questo i familiari sono molto molto perduti e sconfortati e forse più da accudire e cercare più di altri…infatti è più un gesto per chi rimane ed è affranto perché appunto il pentimento sincero lo conosce solo Dio, se esiste.

    • yoyo scrive:

      Nel caso Welby alla prova dei fatti si è compreso che Pannella cercava un pulpito vero da cui esternare. Welby non voleva il funerale religioso perché dichiaratamente non credente.

      • andrea udt scrive:

        li ha chiesti la moglie, che conosceva welby meglio di me, lei, pannella.

        e’ morto, lasciamolo riposare in pace.

        e se c’e’ un dio che lo accolga: i suoi peccati li ha gia’ scontati in terra.

        • yoyo scrive:

          La cerimonia in piazza, il 24 dicembre 2006, è stato un orribile comizio pro eutanasia. E nulla assicura che in chiesa sarebbe stato diverso. Mina fu complice del atto e della sua interpretazione politica. Rileggiti i giornali del tempo.

  8. gladio scrive:

    Mi permetto di dissentire dall’ articolista circa ” l ‘innocenza ” del parroco.

    E’ pur vero che il parroco non è in possesso del casellario giudiziario e che la parrocchia è grande, ma è anche vero che la fama ( triste ) del deceduto era altrettanto grande così come la sua visibilità e quella della sua famiglia.

    Pertanto ritengo assurdo ed infantile da parte del sacerdote trincerarsi dietro il ” non sapevo”, tanto più che il parroco è… il parroco e quindi un buon conoscitore, almeno in linea di massima del proprio gregge.

    Oltretutto poi, il sacerdote in questione , almeno dalle interviste da lui rilasciate alle varie tv , dava l’ impressione di un uomo deciso e sicuro di se, non certamente di un ingenuo curato di campagna…

    Pertanto nessuna scusante, l’ esempio che ha dato al suo gregge è stato pessimo , il sacerdote va rimosso comunque, sia che nel caso di connivenza sia nel caso di ingenuità ( fosse vera quest’ ultima ipotesi dovrebbe essere realmente trasferito in qualche parrocchia di campagna).

    Ps: Mi pare , anche se non ne sono sicuro al cento per cento che per i mafiosi ed i loro fiancheggiatori vige la scomunica” latae sententiae” pertanto non si sarebbero nemmeno dovute svolgere le esequie

  9. Emanuele scrive:

    premesso che a mio avviso, con tutto quel che succede nel mondo ed in Italia, questa notizia ha avuto fin troppo risalto, adrebbero però precisate varie cose.

    1. Vittorio Casamonica non era un mafioso. E’ stato condannato una volta per una truffa (una storia di una Ferrari, se ho ben capito).

    2. Certamente, la sua famiglia non è composta da degli stinchi di santo, ma, correggetemi se sbaglio, nessun componente è stato condannato per associazione mafiosa.

    3. Questo “clan” conta oltre 350 persone… non so come hanno fatto il conto. Forse hanno preso tutti quelli che si chiamano Casamonica e che abitano da tutte quelle parti? Mi resta difficile pensare che 350 persone siano tutte strettamente imparentate.

    Comunque, fossero anche mille, non tanto per i valori cristiani, ma per tutto il diritto occidentale ognuno risponde delle colpe personali, perciò, anche se cugini, nipoti, fratelli, figli, etc. fossero mafiosi non deve rispondere lui per le loro colpe.

    4. Si ridicolizzato di poter fare soldi vendendo cavalli… probabilmente Travaglio non ha avuto la soffiata giusta da i suoi amici PM: un cavallo di razza può arrivare a costare anche più di 100.000 euro, ed il prezzo medio comunque parte dai 5.000 €… Certamente i Casamonica avranno “integrato” con altre attività losche, ma comunque il commercio dei cavalli è redditizio (anche perché per prestare soldi ad usura, prima devi farli).

    5. Diversi esponenti della cultura Rom hanno fatto notare che si tratta di usanze del loro popolo… se poi sei ricco, è facile sconfinare nel kitsch. Del resto anche per politici ed industriali italiani sono stati istituiti camere ardenti sontuose, messe in cattedrale, picchetti di onore, etc. (e non erano tutti questi defunti degli stinchi di santo)

    Comunque, a detta di questi esperti di cultura Rom, la simbologia rientra nelle loro usanze e il presunto messaggio di potenza che il clan avrebbe lanciato a Roma e alle istituzioni, resta appunto una presunzione.

    6. Riassumendo, perché si sarebbe dovuto evitare/impedire un funerale di una persona solo perché in odore di mafia? Come faceva il questore ad intervenire, se mancava la sostanza?

    7. Nessuno ha riflettuto su un fatto: la chiesa e il sagrato erano pieni di gente plaudente… può darsi che fossero i 350 parenti del de cuius, ma il sospetto che ci fossero cittadini comuni, conoscenti, intrallazzati a vario titolo, non viene a nessuno? E se i Casamonica sono così malavitosi, cosa ci stavano a fare queste persone perbene?

  10. Giannino Stoppani scrive:

    Pessimo Shiva (come al solito), il prete in realtà non è il parroco del quartiere del defunto, quindi è in parte legittimato a credere di avere a che fare con un defunto come un altro e non saperne una sega su questo clan di zingari… Ops! Mi correggo: di stimabili cittadini italiani.
    Sarebbe però interessante sapere più nel dettaglio come è andata al di là delle ricostruzioni giornalistiche che in Italia lasciano il tempo che trovano.
    Chi vivrà vedrà (dai provvedimenti che prenderà la curia a “babbo morto”)
    P.S.: ci spieghi una buona volta perché cambi nick se finisci sempre col “binario” (triste e solitario)? Hai la digos sotto casa?

  11. SUSANNA ROLLI scrive:

    …più probabile una vecchia ferrovia dismessa, fonte di ispirazione…

  12. Tony Caproni scrive:

    Pessimo sarai te: Cinecittà e tutta la periferia sud-est della capitale (Romanina, Anagnina, Porta Furba, Tuscolano) sono i “capisaldi t radizionali del clan” (ma il loro nome è famigerato in tutta Roma).

    Da Repubblica:
    Non sapeva nemmeno delle gigantografie appese davanti alla chiesa?
    “No, non ne ero al corrente. Non ci hanno chiesto il permesso e la mattina quando ho aperto le porte non ho controllato la facciata.
    Tenga presente che io ho ricevuto solo la richiesta di celebrare il rito”.

    Aahahaha ha aperto la chiesa senza guardare la FACCIATA!!! E’ arrivato in chiesa strisciando per terra?

    E come hanno fatto ad appendere gli striscioni da SOPRA la chiesa senza permesso??

    Avete l’aspetto di una triste commedia, tra estremisti di destra e corrotti alla Azzollini.
    Puro orrore.

    Siete (su) un binario morto!

  13. Giannino Stoppani scrive:

    Caro Shiva, cambi nomignolo ma rimane indelebile il tuo caratteristico ebetismo senza limitismo da binario morto.
    Le “supposte” di Repubblica andranno bene a te e a tutti i repubblicones, ai quali basta leggere la mitica frase “non poteva non sapere” per avere un orgasmo.
    Ma sai, qui quando si tratta di gettare la croce sulle spalle di qualcuno, bisogna proprio che ci si ammannisca qualcosa di più delle pelose illazioni di un giornale che, visti i suoi sponsor, ha interesse a guidare la canea verso il parroco nel tentativo di far dimenticare tutto il resto (e che resto!) di cui è responsabile l’amministrazione della Capitale e dello Stato, altro che Azzolini!
    Nel merito, basta guardare le foto della chiesa per rendersi conto che è perfettamente possibile aprire il portone senza controllare la facciata, visto che per farlo bisogna attraversare il portico, uscire sul sagrato, e voltarsi verso la chiesa, e non si capisce per quale motivo il prete avrebbe dovuto farlo (chi va a pensare che per un funerale si addobbi una chiesa con gigantografie del morto?).
    Sulla presunta notorietà universale dei Casamonica (manco fosse Al Capone!): chi lo conosceva prima di questa faccenda alzi la mano!
    E in ogni caso anche i mafiosi si possono pentire e pure finire in paradiso al posto tuo e di tutti i repubblicones del menga, che crede che basti “essere onesti”.
    Insomma Shiva bello, hai perso la solita occasione…

  14. To_Ni scrive:

    Caro Schiva Caproni

    Sono grandiosi questi interventi perché, nella tua imperiosa pulsione animalesca, traduci senza ipocrisia i raffinati interlocutori che spesso inondano con il loro turbato senso di civiltà queste pagine. Tu sei meglio di loro…perché li metti a nudo (“nudo” in questo caso significa un’altra cosa… non andare in fibrillazione).
    Il boss era in libertà, onestamente nessuno sul giornali si scandalizzavano di questo ( e forse non dovevano dato che ci vogliono processi e condanne per andare in galera). Il parroco (che non era neppure di quel quartiere) non può e non deve guardare la fedina penale di chi entra in chiesa.

    Ma la cosa di cui sono arci sicuro è che se il funerale fosse stato buddista o musulmano non ci sarebbe stato nessuno scandalo. Cosi come non c’è scandalo con la pedofilia, quando avviene in ambienti vicini alla tua cultura (uso la parola cultura … ma capisci che parlando di te ….rido :-) ) . Infangare la Chiesa è il solo interesse … poi raggiunto questo, pedofilia, boss eccc …va bene tutto.

    PS. chissà perché il generoso “non poteva non sapere” dato al parroco non l’applicano a certi sindaci della zona?

  15. SUSANNA ROLLI scrive:

    Ho pensato anche io ai politici tutti impettiti fuori!!! Ma che bel funerale!!
    Sarà meglio che smettiamo di giudicare i funerali leciti o non, perchè constatando che le tenebre avvolgono sempre più il mondo e le anime, vien da pensare che di ‘sto passo i funerali non se li meriterà piu’ nessuno! ( qualche animalista salterà fuori con l’idea del funerale per gli animali, che sono meglio dell’uomo..;loro sì che sono buoni….e se lo meritano.)

  16. SUSANNA ROLLI scrive:

    …Prima vengono le galline e i gatti, in ordine di importanza…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana