Google+

Caro sindaco Brugnaro, ecco cosa ti chiediamo per Venezia

giugno 16, 2015 Gianluca Salmaso

Dal porto al turismo, dalla lotta alla burocrazia alla città metropolitana. La “Venezia che lavora” ha grandi aspettative sul nuovo primo cittadino. E qualche richiesta

brugnaro.jpg-lido

Porto, turismo, abusivismo selvaggio, burocrazia elefantiaca e città metropolitana: sono le quattro grandi sfide che il neo sindaco Luigi Brugnaro dovrà affrontare. “Ghea podemo far”, il motto della nuova giunta, non può rimanere solo un buon proposito. Eletto domenica 14 giugno nuovo primo cittadino di Venezia, dopo un ballottaggio molto combattuto con l’ex magistrato Felice Casson in quota Pd, ad attendere Brugnaro c’è una città bisognosa di ritrovare se stessa.

UN FUTURO PER IL PORTO. «Il nuovo sindaco dovrà essere in grado cogliere l’occasione irripetibile di trasformare il problema della riconversione di porto Marghera nell’opportunità di sfruttare un asset senza pari». Non ha dubbi Paolo Costa, presidente dell’Autorità portuale di Venezia ed ex sindaco della città: «Abbiamo a disposizione un’area di oltre 1000 ettari localizzata vicino al mare a cui dovremo garantire i collegamenti, oggi e domani, attraverso l’accessibilità nautica al porto, realizzando l’innovazione tecnologica del sistema del porto offshore-onshore».

REGOLE CHIARE PER IL TURISMO. «Bisogna attuare una seria politica dei flussi turistici che attualmente impoveriscono la città delle attività storiche e di qualità, soffocandole con una filosofia becera che porta solo sporcizia e decadimento. Se serve un pass per entrare in centro, ben venga». Gianni De Checci, direttore della Confartigianato cittadina, centra subito il punto: «La prima cosa che deve fare il nuovo sindaco è quella di consultarsi con gli esperti del settore per stabilire una volta per tutte qual è il limite massimo di turisti tollerabile dalla città e rispettarlo. È l’ora di darci un taglio con l’andazzo che si protrae ormai da vent’anni per cui chi fa artigianato di qualità viene espulso dal centro storico in favore di kebab e pizze al trancio».

ABUSIVISMO E BUROCRAZIA. «Brugnaro è l’uomo giusto per capire e risolvere problemi dei commercianti, perché anche lui è un imprenditore e sa quanto sia difficile fare impresa a Venezia», spiega Roberto Magliocco presidente di Ascom. «C’è da riorganizzare la burocrazia cittadina, che negli ultimi anni si è avvitata su se stessa. Venezia, ad oggi, è una città in balia dei venditori abusivi e di una macchina amministrativa che necessità quanto meno di un turn-over. Noi come commercianti attendiamo con ansia di poterci confrontare con la nuova amministrazione cittadina, e speriamo insieme di scalfire il muro di gomma che da troppo tempo blocca la nostra città».

CITTA’ METROPOLITANA. «Venezia e il sindaco Brugnaro devono far sentire l’hinterland metropolitano meno periferia, soprattutto le zone di Chioggia, Portogruaro e Cavarzere che sono snodi importanti per il Veneto e il Veneziano soprattutto». Damaso Zanardo, delegato della Confindustria per la città metropolitana, lancia un’autentica sfida: «Ci sono 40 milioni di euro a disposizione della costituenda città metropolitana, e mi risulta che i tecnici del Comune di Venezia abbiano già fatto dei piani a riguardo. Se però pensano di spenderli unicamente tra questa e quella isola della laguna, non hanno capito nulla, così vanno sprecati. Dobbiamo accorciare le distanze e far sentire tutti i cittadini di serie A. Il nuovo sindaco ha gli strumenti per fare tutto ciò, ha anche la maggioranza nel consiglio metropolitano, deve solo volerlo».


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Maurizio says:

    Un consiglio molto interessato al neo-sindaco di Venezia da un non veneziano né veneto.Si circondi di consiglieri(e assessori a prova di bomba quanto a trasparenza morale ed interesse per il bene comune,perché certe forze oscure(mica tanto,in verità)sono lì pronte a farle fuori magari come hanno fatto con Galan che é da luglio.scorso in carcere senza neppure essere stato indagato e rinviato a giudizio al solo scopo di indurlo a fare nomi se vuole uscire….cosi funziona la”democratica”giustizia italiana.Poi,vada dritto per la sua strada così da ridare a noi italiani e tutto il mondo il vero volto di Venezia e zona metropolitana!AUGURONI

  2. recarlos79 says:

    fermare il cemento selvaggio? mandar via gli abusivi? siamo in italia, paese della pizza dell’accusa di razzismo a ogni piè sospinto e della mafia protetta da un politico sì e l’altro pure.

  3. Giovanna says:

    Sono molto contenta per Venezia e per la regione Veneto. Auguri al governatore Zaia e al nuovo sindaco Brugnaro: buon lavoro ad entrambi!

  4. Comitato Ultimi Veri Venexiani says:

    Ci chiediamo e vi chiediamo nemmeno una parola sul fronte “ripopolamento” della Città anfibia? Si vuole forse un alberghificio e un museo a cielo aperto !? Concordiamo invece con la necessità di una seria riconversione della china industriale nella gronda lagunare con la creazione di un distretto marittimo d’eccellenza dell’Adriatico. Restaurare l’economia del “Mare”, attivare qualsiasi attività industriale, commerciale, artigianale e di servizio che con il mare abbia a che fare. Puntare all’Arsenale di Venezia ad una grande Università del “Mare” per la futura classe dirigente necessaria per l’epocale ritorno di Venezia all’acqua.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download