Google+

Carlo Pastori: «Tanti auguri a Zelig, che belli i miei anni in tv»

aprile 10, 2012 Paola D'Antuono

La trasmissione televisiva ideata da Gino & Michele e Giancarlo Bozzo compie quindici anni. Il ricordo di Carlo Pastori, che su quel palco è salito dal 2000 al 2003: «Un’esperienza accattivante, mi ha permesso di farmi conoscere al grande pubblico. Ha il grande merito di aver portato la comicità sul piccolo schermo».

Al duo di autori Gino & Michele è riuscita un’impresa in cui nessuno avrebbe scommesso un centesimo. Zelig, la loro creatura, dopo 15 anni televisivi è ancora la trasmissione comica più amata e più seguita dal pubblico. La storia di Zelig nasce nel 1986 nell’omonimo locale in viale Monza a Milano. In pochi mesi il successo è travolgente, la gente fa la fila fuori da questo minuscolo locale di periferia per passare una serata divertente tra Aldo Giovanni e Giacomo, Leonardo Manera, Claudio Bisio, Paolo Rossi e tanti altri. Passano gli anni e la fama aumenta, ormai per gli spettatori conquistare un biglietto e quasi un’utopia. Così il salto di qualità arriva nel 1996, quando va in onda in seconda serata su Italia 1 lo spettacolo celebrativo, Buon Compleanno Zelig. Dieci anni di risate, condotto dallo storico autore Giancarlo Bozzo e dalla Gialappa’s Band. Parte da qui l’avventura televisiva di Zelig, passata prima attraverso un locale da cento posti a sedere, poi da un tendone a Sesto San Giovanni per approdare in grande stile al Teatro degli Arcimboldi da cui è andata in onda anche l’ultima edizione con Claudio Bisio e Paola Cortellesi.

In venticinque anni di spettacoli di gente su quel palco ne è passata davvero tanta: Zelig ha lanciato alcuni dei comici più noti al grande pubblico: da Checco Zalone a Giovanni Vernia, passando per Geppi Cucciari ed Enrico Brignano. E dal 2000 al 2003 anche Carlo Pastori ha fatto parte della banda Zelig: «Ero andato da Gino & Michele per proporre i miei pezzi, io cantavo, suonavo e facevo l’attore. Mi dissero che gli piacevo ma non li convincevo del tutto». Poi la svolta, Carlo inizia a esibirsi con I Martesana in corpore sano, assieme agli amici Claudio Bisio, Flavio Oreglio, Ale & Franz: «Attingevamo dal repertorio dei Gufi, io suonavo la fisarmonica. Andavamo in onda di notte. Grazie alle mie performance con il gruppo riuscì anche a esibirmi con i miei pezzi». Carlo ha un ricordo bello degli anni dello Zelig Circus: «Grazie al programma ho avuto notorietà e la possibilità di lavorare con continuità. Due minuti su quel palco ti permettono di lavorare per i successivi 15 anni. Fuori ci sono un sacco di comici bravissimi che non riescono a conquistare il grande pubblico perché non hanno la cassa di risonanza che solo la tv ti può dare». Lo rifarebbe? «Certo, è stata una bellissima esperienza e ci tornerei di sicuro. Mente chi afferma il contrario. Zelig è un’ottima opportunità per far conoscere il proprio repertorio. E poi i comici saliti su quel palco, una volta fuori, hanno più possibilità rispetto agli altri». Ma ce l’avrà pure un difetto il programma di Gino & Michele e Giancarlo Bozzo: «I tempi strettissimi. Quando sali su quel palco hai 5 minuti al massimo, devi far ridere subito il pubblico, non c’è tempo di condurli dalla tua parte come a teatro. A volte un comico ha a disposizione 30 secondi e non può sbagliare. Ma non voglio criticare nulla, anzi tanti auguri a Zelig: grazie a questo programma la comicità è arrivata in tv e ha dimostrato il suo valore».

Twitter: @paoladant

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana