Google+

Cari preti, fate come le palestre. Tenete sempre aperte le vostre chiese

febbraio 24, 2015 Renato Farina

Dicono che la religione del corpo vince. Per forza. I suoi “sacerdoti” sono disposti ad accogliere la gente in qualsiasi orario

palestra-sh-167065400Questo giornale credo sia l’unico posto del mondo dove poter scrivere una cosa così senza essere trattato come uno svitato. Il mio è un appello alla professionalità dei sacrestani che amano il loro lavoro, e persino, con il dovuto rispetto, ai parroci e ai vescovi.

Lo Spirito soffia dove vuole. Si deve imparare da tutti. Parto da una constatazione. Le palestre aprono sempre più presto e chiudono sempre più tardi. Sono aperte durante le cosiddette pausa mensa o pranzo. Le chiese aprono sempre più tardi, chiudono sempre più presto. Sono quasi tutte chiuse mentre la gente esce dagli uffici per quell’ora di interruzione.

Poi dicono che la religione del corpo vince. Per forza. I suoi sacerdoti sono disposti ad accogliere la gente, persino a rincorrerla. Hanno il vento in poppa della cultura dalla loro. Quando è stato eletto alla presidenza della Repubblica Sergio Mattarella, c’è chi lo ha definito un “cattolico bigotto” perché è stato sorpreso ad andare a Messa il mattino presto. Chi invece prima dell’alba, con vari micromarchingegni leonardeschi, saltabecca su e giù dai marciapiedi in tute che sono fluorescenti come certe monache dei film di Fellini, oppure si infila in palestra per il turno da vogatore alle sei del mattino, è in pieno mainstream delle religioni.

Nelle cattedrali e nelle basiliche so bene che gli orari delle varie funzioni sono vasti e le Messe tante. Ma quelle stanno alle chiese come lo stadio di San Siro alle palestre.

Ricordo che trenta anni fa Vittorio Messori propose di tenere aperte regolarmente le chiese negli orari in cui gran parte della gente non lavora. E questo capita qualche volta: ma è per ospitare concerti di organo e qualche volta per conferenze, ed è buona cosa. Ma un luogo dove ci sia la vieilleuse, la lucina rossa che segnala la presenza sacramentale di Cristo, quasi da nessuna parte e per pochi periodi dell’anno (le Quaranta Ore) accade.

Ci sono amici creativi che hanno intenzione di proporre, con permesso ecclesiastico, dei flash mob nelle piazzette dei centri commerciali: un altare, una piccola croce da campo, e via improvvisa una Messa, un rosario.

E poi, magari, l’aperitivo… O semplicemente un posto dove sedersi a parlare, con due noccioline (non riesco a concepire incontri senza pane e vino). Dico l’ultima e poi scappo, essendo sicuro comunque che qualcuno mi ha già appiccicato il cartello del bigotto.

Amici preti, riflettete. Una volta la prima Messa della parrocchia era alle 5 e 30. Poi di mezz’ora in mezz’ora da quasi tutte le parti è arrivata alle 8. E dura di media un’ora anche e specialmente i giorni feriali. C’è l’omelia, con meditazione, poi ci sono le lodi incorporate. Quella vespertina comincia alle 18 e 30 e ci sono prediche, vespri. Tutto per pensionati e gente che ha molto buon tempo. Quelle delle 5 e 30 di un tempo finivano alle 5 e 50 al massimo, per consentire di correre in fabbrica. E se no, se la Messa era alle 6, un quarto d’ora avanti, il primo venerdì del mese, si poteva far la comunione. Ho fatto il chierichetto, lo so.

Imparate dai padroni delle palestre, signori preti. In palestra andateci dopo Messa.

Foto palestra da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. claudia mazzola scrive:

    Ce ne vorrebbero un milione di bigotti come te, carissimo Renato Farina! Grazie

  2. maurizio scrive:

    D’accordissimo sul principio e sulla necessità di rendere la Chiesa(edificio)più incontrabile per la gente..mi sembra,però,un po’forzato il riferimento alle palestre dove c’é sempre qualcuno che sorveglia e ha solo quell’ambito di cui occuparsi.I sacerdoti sono sempre meno e sempre più anziani,i sagrestani idem…le chiese,poi,sono spesso piene di opere d’arte(chi e come controllarle?). Dunque la questione non é così scontata…stimo Farina,ma mi piacerebbe sentire da lui come risolvere questi problemi che sono reali,come coniugare le diverse esigenze all’atto pratico.É ovvio che sarebbe bello avere le Chiese sempre aperte!!

  3. Edo scrive:

    Grande Renato!

  4. fulvio scrive:

    ok…..se le chiese sono la palestra dell’anima….. io proporrei anche la stessa quota di retta delle palestre per usufruire del servizio h24. se nella mia parrocchia ci fosse la messa alle 6 del mattino con lo stesso numero di fedeli che ha la palestra lam farei di corsa……ma se nemmeno alle undici della domenica si trova il tempo…. chi vuole trovare la chiesa stai pur tranquillo che la trova come trova la palestra o il negozio di fiducia…

  5. Alessio Mazzetti scrive:

    In Olanda, l’estate scorsa,
    mi sono accorto che nella parrocchia di San Giacomo a l’Aia dicevano la messa feriale alle 12.30 per consentire agli impiegati di parteciparvi… Vi sono andato anch’io. C’erano una ventina di persone… Che dire: molto bello. Una parrocchia molto attiva e spirituale. Assolutamente non mondana!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con il nuovo Peugeot Belville, la Casa del Leone s’inserisce in uno dei mercati più floridi in assoluto: quello degli scooter piccoli a ruota alta. È disponibile in due cilindrate (125 e 200) con prezzi a partire da 2.950 euro

L'articolo Prova Peugeot Belville proviene da RED Live.

Che Kia sia un’azienda coreana Doc è assodato ma è altresì vero che il suo quartier generale europeo si trova ad appena 500 metri dall’entrata del Salone di Francoforte. E’ quindi normale che Kia viva la kermesse tedesca in modo speciale, come la fiera di casa, quella in cui sfruttare il fattore campo favorevole per […]

L'articolo Kia Proceed Concept: il futuro passa da qui proviene da RED Live.

Tucano Urbano gioca d’anticipo su EICMA e presenta ora la collezione autunno/inverno 2017/2018. Per chi viaggia in moto 365 giorni all’anno.

L'articolo Tucano Urbano collezione autunno/inverno 2017/2018 proviene da RED Live.

È la nuova proposta a firma Diamante-DMT per l’agonista che pratica XC o Marathon ma anche per il biker esigente, che da ogni uscita si aspetta il massimo in termini di prestazione proprie e della sua attrezzatura. La DMT DM1 è progettata e realizzata per essere affidabile e performante, caratteristiche ottenute anche grazie a una […]

L'articolo DM1, nuova scarpa offroad by DMT proviene da RED Live.

Anticipa una berlina compatta a zero emissioni al debutto entro il 2022. Alla trazione integrale a gestione elettronica abbina due motori a batteria e una potenza di 272 cv. Autonomia di 400 km.

L'articolo Mercedes EQ A: la compatta di domani proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana