Google+

Cari milanesi, avete voluto la bicicletta di Pisapia? Ora pedalate

gennaio 11, 2012 Leone Grotti

Con l’entrata in vigore dell’area C, dal 16 gennaio i milanesi residenti nella zona 1 dovranno pagare per arrivare con la macchina sotto casa. Ieri all’incontro tra l’assessore Maran e i cittadini sono volati insulti. Eppure nel programma del sindaco e nel referendum di maggio era già stato messo tutto (o quasi) nero su bianco.

«Stiamo cercando di fare quanto approvato dal referendum» ha detto ieri l’assessore alla Mobilità e all’ambiente Pierfrancesco Maran prima di essere sommerso dalle proteste dei cittadini milanesi di Zona 1, che sono stati convocati per discutere dell’Area C. «Chi ha votato il referendum non sapeva che avrebbe pagato per tornare a casa!» gli hanno risposto gli oltre 400 cittadini intervenuti, in una saletta che poteva contenerne al massimo 80.

La congestion charge Area C entrerà in vigore il 16 gennaio 2012 e sarà attiva in via sperimentale per 18 mesi dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 19.30. Area C sostituisce Ecopass, introducendo nuove regole d’accesso alla Cerchia dei Bastioni, per veicoli privati e commerciali. Secondo le nuove regole, potranno entrare senza pagare nella Cerchia dei Bastioni veicoli elettrici, moto, motorini e, fino al 31 dicembre 2012, veicoli ibridi, bifuel, alimentati a metano e Gpl. I veicoli alimentati a benzina Euro 1, 2, 3, 4 e 5 e quella a gasolio/diesel Euro 4 e 5 potranno entrare solo a pagamento. I residenti, domiciliati o titolari di box auto, avranno diritto a 40 accessi liberi, dal 41mo dovranno pagare un ticket di 2 euro, invece che 5, dalla durata giornaliera per entrare.

Insomma, pagheranno quasi tutti. Ma soprattutto i residenti nella Cerchia dei Bastioni, la cosiddetta Zona 1, dovranno pagare per tornare a casa. «Non vogliamo catene ai piedi» inveisce un uomo sui 40 anni contro Maran durante l’incontro, «i 40 accessi omaggio sembrano l’ora d’aria concessa ai carcerati»; «i sacchetti del supermercato me li porti a casa te?», urla un’altra; «Andiamo in ufficio tutti i giorni, portiamo i figli a scuola! Ci state solo prendendo in giro»; «Chi ha votato al referendum non sapeva che avrebbe pagato per tornare a casa»; «Il referendum era sull’Ecopass, non su una congestion charge». Gli sfoghi dei milanesi si sono ripetuti per tutta la sera ma non tutti sono stati espressi a ragione.

Al referendum consultivo del 12 e 13 giugno 2011, su 80.175 milanesi aventi diritto nella Zona 1, ben 27.325 cittadini, l’82,95 per cento dei votanti nella zona, si sono espressi a favore del quesito “per ridurre traffico e smog”, 26.571 di questi, il 51,2 per cento dei votanti, avevano anche scelto Giuliano Pisapia come sindaco al ballottaggio del 29 e 30 maggio. È possibile che nella saletta in corso Garibaldi 27 ci fossero solo milanesi che hanno votato “no” o hanno preferito non esprimersi al referendum, ma frasi come «chi ha votato al referendum non sapeva che avrebbe pagato per tornare a casa» e «il referendum era sull’Ecopass, non su una congestion charge», fanno pensare il contrario. E che cosa diceva il referendum votato da alcuni di quei milanesi che ieri erano a inveire contro il loro assessore Pierfrancesco Maran «per ridurre traffico e smog attraverso il potenziamento dei mezzi pubblici, l’estensione di ‘Ecopass’ e la pedonalizzazione del centro»? Questo: «Volete voi che il Comune di Milano adotti e realizzi un piano di interventi per potenziare il trasporto pubblico e la mobilità “pulita” alternativa all’auto, attraverso l’estensione a tutti gli autoveicoli (esclusi quelli ad emissioni zero) e l’allargamento progressivo fino alla “cerchia ferroviaria” del sistema di accesso a pagamento, con l’obiettivo di dimezzare il traffico e le emissioni inquinanti?».

La maggioranza dei votanti, anche in Zona 1, ha detto chiaramente “sì”, salvo poi lamentarsi una volta che Pisapia ha deciso di applicare davvero quello che molti gli hanno chiesto di fare. Unica attenuante per i “rivoltosi” della Zona 1 è il finale del quesito referendario, che aveva dell’ambiguo: «Estensione della regolamentazione della sosta in tutta l’area compresa all’interno della “cerchia filoviaria” e nelle aree circostanti gli assi delle metropolitane, con esclusione del pagamento dei soli residenti e per i veicoli ad emissioni zero». L’espressione «estensione a tutti gli autoveicoli» e quella «esclusione del pagamento dei soli residenti» non sembrano andare molto d’accordo e potrebbero aver tratto in inganno qualcuno. Certo che quando si vota un sindaco che nel suo programma ha chiaramente scritto «bisogna ridurre la congestione e l’uso dell’auto privata in città attraverso un mix di interventi: pedaggio di congestione, isole ecologiche, regolamentazione della sosta e suo rispetto, etc.», è difficile lamentarsi una volta che comincia a fare quanto promesso. Insomma, nessuno vuole pagare un pedaggio per poter tornare a casa propria dal lavoro ed è assurdo che qualcuno debba farlo a partire dal 16 gennaio. Ma non tutti possono impugnare questa assurdità. Per cui, come dice il detto: cari milanesi della Zona 1, avete voluto la bicicletta? Ora pedalate.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. 0235733137 scrive:

    condivido solo in parte , quella che riguarda la totaltà di Milano che ha fatto vincere Pisapia,io non l’ho votato non ho votato il referendum abito in centro mi sembra l’articolo e il titolo leggermente ingeneroso, poi cosa facciamo dividiamo i cittadini quelli del centro sono da punire? saluti e con affetto per tempi, ringraziondo che c’è però questo articolo….. cordiali saluti paolo cantoni

  2. FABER71 scrive:

    andate a vedere cosa fanno nelle città europee.bravo Pisapia anche se è di sinistra.ha avuto il coraggio di fare una cosa impopolare.è il coraggio che è mancato al PDL in questi anni…e ora ci becchiamo Monti e le sue stangate tutte in una volta

  3. pse scrive:

    Si lo abbiamo voluto. Non ne potevamo più della precedente giunta, come non ne possiamo più di una amministrazione regionale che compare regolarmente nei mattinali della questura.
    Non so se area C funzionerà veramente (in altri paesi però funziona) ma chi aveva preceduto Pisapia aveva completamente fallito …

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana