Google+

Cari giornalisti, ma fate apposta a strumentalizzare tutto ciò che dice la Chiesa?

gennaio 31, 2012 Redazione

L’arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia, in occasione della festa del patrono San Francesco di Sales, ha tenuto una lezione sul giornalismo: «Non siate superficiali, per non dare solo spazio al pensiero unico dominante, bisogna superare la semplificazione unilaterale delle notizie e verificare le fonti, senza affidarsi solo alle voci».

«Sui grandi temi della vita, della famiglia e dell’educazione la voce della Chiesa viene comunicata solo quando si può contrapporla con altre ben più alte e forti, magari solo per sottolinearne la mancanza di realismo e la scarsa attenzione alle nuove esigenze della modernità, vero idolo a cui sacrificare ogni valore». Ha parlato così oggi l’arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia incontrando i giornalisti in occasione della festa del patrono San Francesco di Sales. «Allo stesso modo – ha aggiunto – appare evidente, in molti casi, la strumentalizzazione degli interventi del Magistero della Chiesa, i quali sono dovuti alla necessità di salvaguardare la persona umana e la sua piena ed integrale promozione e che vengono, invece, presentati in chiave politica o secondo gli schieramenti contrapposti».

Dopo la frecciata sul modo in cui viene trattata sui giornali la voce della Chiesa, l’arcivescovo di Torino allarga la sua riflessione alla professione giornalistica: «Un giornalista onesto come potrà reagire a questo andazzo comune? È sufficiente giudicare che certe indicazioni o prese di posizione “non fanno notizia” e così dare sempre spazio al pensiero unico dominante? Credo che una via sia quella di superare la semplificazione unilaterale delle notizie. Vale per la Chiesa. Ma io credo per tutte le notizie».

«Il vostro è un lavoro delicato e sempre più sottoposto a pressioni contrapposte – ha continuato Nosiglia rivolto ai giornalisti -: quella del mercato e dell’audience e quella del rispetto delle verità e delle persone trattate nei vostri servizi, ma caratterizzato anche dal rapporto interno al vostro ambiente non sempre così trasparente e sereno tra colleghi o con i rispettivi capi». L’arcivescovo ha raccomandato allora di «non cedere mai alla superficialità e di verificare le fonti delle informazioni senza affidarsi solo alle “voci” che circolano nei diversi ambienti da cui provengono poi notizie non vere e a volte frutto solo di strumentali posizioni di parte». E ancora: «Ho sempre pensato e lo credo ancora che la professione di giornalista venga scelta e vissuta come una vocazione. Un giornalista coscienzioso, credente o meno, sa che la sua professione risponde a criteri anche etici e spirituali, che ne qualificano lo svolgimento sotto il profilo non solo delle competenze acquisite, ma anche sul piano dei valori da accogliere e vivere secondo un codice, che regola le finalità e le modalità stesse del proprio lavoro». Anche perché, prosegue Nosiglia, «ognuno di voi sa bene che oggi diventa sempre più forte l’influsso dei mass media, in specie quelli più moderni e avanzati, sulla mentalità e sul costume di vita della gente, per cui se si seminano notizie, immagini e messaggi di un certo tipo, si orientano i comportamenti di tante persone e i loro giudizi sui fatti e persone».

«Nella cultura debole e veloce del nostro tempo – ha aggiunto – viene sempre meno l’attenzione a verificare la fonte delle notizie e a garantirsi dalla menzogna o da una non piena verità. Di fatto, spesso ci si trova impotenti di fronte al diffondersi di notizie e servizi, che accentuano, in modo unilaterale, scampoli di opinioni, che vengono assunti come assoluti e propagandati come dogmi. Per non parlare delle campagne orchestrate ad arte per cui ci sono i filoni di articoli e di messaggi che, in vario modo, vengono offerti da tutti i mass media e che insistono a lungo per confermare tesi precostituite che, di fatto, poi si rivelano fasulle o non del tutto vere, ma che ormai sono di dominio comune e non si può facilmente modificare». Per questo, ha concluso, «occorre possedere una coscienza formata ed una professionalità solida, che mai si svende al primo e più redditizio offerente, sia pure lo sponsor di turno del giornale o della televisione o della radio».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download