Google+

Carceri, sovraffollamento record in Lombardia. San Vittore peggio di Regina Coeli e Poggioreale

gennaio 28, 2015 Chiara Rizzo

I dati (e perfino gli allarmi degli stessi magistrati) confermano che i penitenziari italiani sono ancora in emergenza. Situazione critica nel distretto di Milano

Il presidente della corte d’appello di Milano, Giovanni Canzio, lo scorso sabato 24 gennaio nella sua relazione all’inaugurazione dell’anno giudiziario, ha lanciato un allarme sulla situazione delle carceri lombarde: «Nelle carceri italiane il 31 dicembre 2014 è stata registrata una riduzione del sovraffollamento del 14 per cento, rispetto al 31 dicembre 2013. La situazione appare ancora critica nel distretto di Milano, dove la variazione percentuale rispetto alla capienza regolamentare raggiunge il +24 per cento».

MILANO PEGGIO DI NAPOLI. Tradotte le percentuali in “cifre reali”, diventa chiaro il motivo che ha spinto Canzio a ricordare la situazione allarmante. Nella classifica stilata per il 2013 dall’Osservatorio sulle carceri Antigone, tra tutti gli istituti di pena italiani, al secondo posto per sovraffollamento si trova il carcere di Busto Arsizio, che ospita 312 detenuti in una struttura con 173 posti. Al primo posto il carcere di Latina, con 161 detenuti a fronte di una capienza di 76, al terzo posto il carcere femminile di Pozzuoli (173 detenute contro 97 posti), ma al sesto e al settimo posto troviamo di nuovo due prigioni lombarde: Lodi con 86 detenuti e 50 posti, Brescia con 325 carcerati e una capienza regolamentare di 189. Altre città lombarde, come Como (14esima posizione, 364 detenuti contro 223 posti), Brescia-Verziano (17esima posizione, 115 contro 72) e Bergamo (20esima, 507 contro 320), superano di gran lunga per densità di popolazione realtà tradizionalmente afflitte dall’emergenza carceri, vedi Firenze Sollicciano (32esima posizione, 734 detenuti contro 494 posti) o Napoli Secondigliano (36esima, 1.305 contro 898). La Lombardia esce male anche dal confronto tra le due maggiori città d’Italia: il carcere di Opera (41esima posizione, 1.285 detenuti stipati in 911 posti) e quello di San Vittore a Milano (54esima, 971 persone e 753 posti) sono in proporzione molto più sovraffollati di quelli romani. Regina Coeli è 60esimo con 813 detenuti e una capienza di 642, Rebibbia-Nuovo complesso 1 è 80esimo (1.479 contro 1.235). Meglio dei milanesi anche carceri come quello di Poggioreale a Napoli (85esima posizione, 1.929 detenuti, capienza 1.644) o il Pagliarelli di Palermo (119esima posizione, 1.170 detenuti e 1.181 posti).

«MOLTO DA FARE». «Si deve considerare – ha spiegato Canzio – che il Piano carceri varato dal Governo ha comportato per taluni istituti penitenziari del distretto di Milano un rilevante ampliamento numerico della capienza, con significative percentuali di incremento complessivo dei detenuti presenti». Al di là della situazione lombarda, è evidente però come il problema sovraffollamento non sia affatto risolto in tutto il paese. Lo ha confermato il primo presidente di Cassazione, Giorgio Santacroce, sempre in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario. Santacroce ha ricordato che dopo la scadenza del termine concesso all’Italia da Strasburgo con la Sentenza Torregiani per affrontare la situazione disumana delle carceri, «l’Italia sembra aver superato l’esame. Il comitato dei ministri del Consiglio d’Europa ha riscontrato “l’impegno” e i “significativi risultati già ottenuti” per migliorare la situazione, e la stessa corte di Strasburgo ha riconosciuto l’adeguatezza dei correttivi». Ha quindi citato a titolo d’esempio la legge “svuota carceri” varata dal governo Letta (che ha ristretto l’ambito della custodia cautelare ai reati punibili con più di 3 anni di carcere e ha ampliato l’accesso ai benefici per i condannati in buona condotta) e il risarcimento ai detenuti che vivono la pena in condizioni inumane varato dal governo Renzi. Poi però ha ammonito: «Il conto non è stato ancora saldato del tutto e c’è ancora molto da fare. Parlare del tema carceri non significa affatto riproporre una tragedia “minoritaria”, che riguarda una porzione limitata di umanità». Santacroce ha ricordato come la corte di Strasburgo, anzi, in due sentenze del 2013 e del 2014 ha introdotto un nuovo principio giuridico, imponendo «il riconoscimento a tutti i detenuti, compresi quelli che scontano una pena perpetua, del “diritto alla speranza”: ciò comporta che a tutti dev’essere data la possibilità di correggersi e la prospettiva di essere anticipatamente liberati se il percorso di risocializzazione dà esito positivo». Anche per questo senso – ha concluso il presidente della Cassazione – il legislatore prima o poi dovrà convincersi della necessità di rivoluzionare il sistema con un massiccio ricorso alle misure alternative alla detenzione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Jens scrive:

    Proposta indecente: e il caro vecchio plotone di esecuzione? A qualcosa servirà, no?
    Scherzi a parte, i lavori forzati con la regola che chi non lavora non mangia (in altre parole, se lavori e produci tot mangi e hai diritto ad assistenza sanitaria; non è prevista una paga) potrebbero essere un’ottima soluzione (a patto che vengano gestiti bene): i detenuti potrebbero costruire autostrade, ferrovie e metropolitane a costi molto contenuti. Personalmente sono stufo di pagare per mantenere i detenuti: che si mantengano da soli!

    • Daniele Arboscelli scrive:

      In effetti, io proprio non capisco perche’ quelle risorse umane non vengano sfruttate, se non altro per mantenersi mentre sono in galera, o anche per guadagnare in caso non siano in grado di ripagare per il crimine commesso.

      Cosi’ a occhio, a parte la noia, non sono sicuro di che deterrente possa essere la galera, e stare li’ ad aspettare che il tempo passi. Non e’ certo per paura di finirci dentro che non commetto crimini. Se avessi inclinazioni diverse, pensare di stare in una stanza per qualche settimana ( non penso ) mi fermerebbe…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana