Google+

Carceri: come buttare 100 milioni di euro per braccialetti elettronici utilissimi, ma inutilizzati

settembre 22, 2011 Redazione

L’Italia è il paese europeo che vanta il più alto tasso di condanne per violazione dei diritti umani a causa del sovraffollamento delle carceri. Per diminuire il ricorso alla detenzione preventiva in attesa di processo, l’Italia nel 2003 ha comprato 400 braccialetti elettronici per oltre 100 milioni di euro. Di questi, 390 sono inutilizzati anche se servirebbero come il pane

Mentre il Senato si appresta a riunirsi in seduta straordinaria per affrontare il disastro delle carceri italiane (il sistema penitenziario europeo che nelle sedi internazionali vanta il più alto tasso di condanne per violazione dei diritti umani) e Marco Pannella è da ieri sera in sciopero della fame e della sete per rilanciare la sua battaglia non violenta per l’amnistia, questa mattina, giovedì 22 settembre 2011, un gruppo di parlamentari ha finalmente rivolto un’interpellanza al governo sul tema dei braccialetti elettronici. Strumento utilizzato con successo in paesi come Stati Uniti e Gran Bretagna, il braccialetto ha il pregio di non ingolfare le carceri di condannati per reati minori e, al tempo stesso, di garantire la sicurezza dei cittadini, in quanto consente il controllo a distanza del condannato 24 ore su 24 (lo stesso Strauss-Kahn durante la fase di incriminazione e rinvio a giudizio, prima di essere prosciolto da ogni accusa, ha potuto usufruire di questo strumento).

In Italia si assiste attualmente a un uso abbastanza intenso della custodia cautelare, ovvero, alla detenzione preventiva in attesa di giudizio, che può durare mesi e, in certi casi, anni, prima che l’iter di indagini e la formulazione dell’accusa siano completati e sfocino in un regolare processo. Anche per questo, cioè per evitare che tanti innocenti scontino pene detentive ingiuste, dieci anni or sono, anche in Italia venne avviata la procedura per l’adozione del braccialetto elettronico come alternativa al carcere. Alle società produttrici l’allora governo Amato ne richiese 400 esemplari e ne affidò la gestione a Telecom. Poi, nonostante il cospicuo investimento di oltre 100 milioni di euro, di quella sperimentazione non si seppe più nulla. E’ a questo riguardo che l’onorevole Pdl Gianni Mancuso ha interrogato il governo. «È una storia molto lunga – ha spiegato Mancuso – che ha inizio nell’aprile del 2001, con una fase di sperimentazione lunga e fallimentare, basata su poche unità. Poi, nel novembre del 2003, venne firmato il contratto con il gestore unico, Telecom, che doveva garantire, oltre all’installazione del personal identification device, anche l’assistenza tecnica. Questo accordo costa allo Stato circa 11 milioni di euro all’anno e, soprattutto, è ancora valido, perché andrà in scadenza alla fine del 2011, tra pochi mesi. Quindi, circa 100 milioni di euro sono stati spesi per 400 braccialetti, i quali, verrebbe da pensare siano una sorta di gioielli ma, in realtà, sono di plastica e probabilmente saranno anche obsoleti ormai».

«In tutta Europa e nel mondo civile – continua – questo strumento viene utilizzato soprattutto per i cosiddetti reati minori: Dio sa quanto ce ne sarebbe bisogno anche nel nostro Paese! Quindi, negli armadi del Viminale, sono rimasti almeno 390 di quei 400 braccialetti elettronici che, probabilmente, saranno da buttare. Nel frattempo, continuiamo a pagare questo contratto con Telecom, che non è stato mai rescisso, e l’azienda continua a garantire il servizio in una centrale, che io credo sia fantasma, 24 ore su 24». Per la cronaca, nel novembre del 2003, fu il ministro dell’Interno Giuseppe Pisanu a rinnovare a Telecom il contratto per la gestione dei “misteriosi” e, a quanto pare, costosi come pietre preziose, braccialetti elettronici.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi