Google+

Cancellieri, sfiducia. Civati: Pd non faccia lo stronzo con le minoranze

novembre 20, 2013 Chiara Rizzo

Il Guardasigilli ha incontrato il premier Letta e il ministro Franceschini prima di entrare a Montecitorio. Il Pd ha deciso di votare la fiducia. L’M5s: «Non si tratta di problema giudiziario, il nodo è politico»

È l’ora della resa dei conti: il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri sarà sfiduciata o no? Alle 10.30 è iniziata in aula a Montecitorio la discussione sulla mozione di sfiducia presentata dal Movimento cinque stelle per il caso Ligresti. Prima di entrare in Aula, il Guardasigilli ha incontrato il premier Enrico Letta e il ministro dei Rapporti con il parlamento, Dario Franceschini: non potrebbe essere altrimenti date le tensioni di ieri all’interno del Pd.

SCONTRO INTERNO. Dopo il messaggio di Matteo Renzi, che aveva chiesto alla Cancellieri di fare un passo indietro ancor prima del voto di sfiducia, perché il suo «è un caso politico, non giudiziario», e dopo la mozione di Pippo Civati, che aveva chiesto al suo partito di non nascondersi sotto una foglia di fico, ma di prendere una posizione sulla Cancellieri, ieri è stata convocata l’assemblea Pd dei gruppi parlamentari. Alla fine ha partecipato anche il premier Letta, per mettere bene in chiaro come starebbero le cose a suo avviso: «La mozione di sfiducia è frutto di una campagna aggressiva molto forte e slegata dal merito. Vi chiedo di considerarla per quello che è: un attacco politico al governo. E la risposta deve essere un atto politico: un rifiuto. Se siamo arrivati qui a questo punto, con domani un voto di sfiducia, vuol dire che questo è un passaggio politico a tutto tondo. Un voto di sfiducia è una sfiducia al governo». Dopo un’ora di assemblea, alla fine, tutto il partito ha assicurato che voterà la fiducia alla Cancellieri. Tuttavia la riunione non si è certo conclusa pacificamente: prova ne è che Pippo Civati ha confidato tramite il suo blog, l’amarezza per la posizione di Gianni Cuperlo, rivale alla corsa per la segreteria del Pd, raccontando che Cuperlo avrebbe usato «parole di disprezzo per la mia iniziativa». Poi ha concluso: «Il Pd si merita un altro gruppo dirigente. Persone che non facciano gli stronzi con le minoranze quando sanno di essere maggioranza (e quando sanno di avere la platea favorevole: che tristezza), che non facciano i prepotenti con chi non la pensa come loro, e tutto quello che gli dice chi comanda. Che non ti attacchino con palesi falsità nei congressi come chi non ha alcun interesse a riconoscere il valore del pluralismo, ma solo il richiamo all’ordine (un ordine che hanno stabilito loro). Parole ampollose per nascondere il nulla. Segnali di debolezza, di fragilità e di paura»

IL MOVIMENTO CINQUE STELLE. Intanto in Aula il primo a parlare è stato Tancredi Turco, dell’M5s: ha dichiarato che «non si tratta di problema giudiziario o procedurale: il nodo è politico e verte sul concetto di giustizia, che deve essere uguale per tutti: ricchi e poveri, amici di famiglia e sconosciuti. Lei non può promettere un impegno personale ad amici suoi né di dire così non è giusto andando ad inficiare l’operato di magistrati. La Cancellieri è già stata sfiduciata dai cittadini».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana