Google+

La Cancellieri non è indagata a Torino

novembre 18, 2013 Chiara Rizzo

Nel Pd Renzi e Civati chiedono dimissioni anticipate. Il centrodestra compatto in difesa del ministro

È lo stesso procuratore capo di Torino a sciogliere per iscritto il nodo politico del giorno: Annamaria Cancellieri non è indagata. «Con riferimento a documenti acquisiti solo di recente, ovvero tabulati in data 6 novembre e relativa annotazione della Guardia di finanza in data 16 novembre, riferibili al cosiddetto caso Ligresti, la procura di Torino comunica che nessun soggetto è stato iscritto nel registro degli indagati» ha scritto Giancarlo Caselli pochi minuti fa in una nota resa pubblica.

CANCELLIERI: «HO INFORMATO IO I PM». Stamattina, l’ipotesi che il Guardasigilli potesse essere iscritta sul registro degli indagati per “false informazioni al pubblico ministero”, nella vicenda Ligresti-Fonsai è “esplosa” con una forza deflagrante. Secondo quanto raccontato a il Messaggero da alcune fonti vicine al premier, Enrico Letta lo avrebbe dichiarato a chiare lettere «In caso d’iscrizione nel registro degli indagati cambierà l’atteggiamento e si immagina che cambierà anche quello del ministro…», e in effetti ufficiosamente inizia a girare anche il nome di un possibile sostituto alla Giustizia, Michele Vietti, attuale vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura. Cancellieri si è subito affrettata a esprimersi su quanto riportato dai quotidiani: «Sono stata io a informare il magistrato dei colloqui telefonici con Antonino Ligresti, loro non se sapevano ancora niente. Che senso avrebbe avuto svelare quei contatti e mentire sulla chiamata fatta o ricevuta? O su una conversazione anziché un messaggio telefonico? Io non avevo nulla da nascondere, né allora né adesso. Ho detto e ripeto quel che mi ricordavo e ricordo, senza mai mentire».

CENTRODESTRA COMPATTO. A livello ufficiale, però, la posizione di Letta sulla Cancellieri – il ministro, da sempre apprezzata dal presidente Giorgio Napolitano, ha sempre rappresentato una sorta di “imprimatur” del Quirinale sul Governo Letta – resta di piena difesa e di sostegno. Anche il centrodestra, in questo caso compatto, difende Cancellieri, ricordando oltre tutto che è stato appurato che non vi siano state pressioni per la scarcerazione di Giulia Ligresti, che avrebbe seguito le vie ordinarie.

MAL DI PANCIA. Ben differente la situazione nel Pd. Il caso Cancellieri-Ligresti sta evidenziando tutte le differenze tra le varie correnti interne. A esplicitare il mal di pancia è stato Pippo Civati, che a ribadire quanto dichiarato nelle ore precedenti, in un’intervista pubblicata stamattina da La Stampa ha dichiarato: «Tutti, da Renzi, a Pittella, a Cuperlo sono d’accordo con me, che il ministro della Giustizia, dovrebbe fare un passo indietro. Chiedo coerenza e non accetto comportamenti ipocriti. Se siamo tutti d’accordo, martedì sera servono almeno sessanta firme per presentare la mozione di sfiducia individuale. Che si facciano avanti anche gli altri candidati». A Civati aveva già risposto il viceministro all’Economia, Stefano Fassina (Pd): «Civati deve ricordarsi che fa parte di un partito. È evidente che il rapporto con il ministro si è incrinato e che una valutazione vada fatta». Anche Matteo Renzi, a Che Tempo che fa ieri sera, ha dichiarato sulla stessa linea che «Il ministro Cancellieri deve dimettersi. In questa vicenda si intrecciano una serie di messaggi in cui sembra che la legge non sia uguale per tutti; che se conosci qualcuno riesci a svicolare, è un meccanismo atroce. Sono convinto che prima della mozione si sfiducia dovrebbe fare un passo indietro lei».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana