Google+

Canada. Il 70 per cento dei medici rifiuta l’eutanasia: non si uccide solo per far risparmiare lo Stato

agosto 4, 2014 Leone Grotti

Secondo un sondaggio condotto dall’Associazione dei medici del paese «il ruolo del medico è curare, non mettere fine alla vita»

philip-nitschke-eutanasia-exit-1L’Associazione dei medici canadesi, che rappresenta tutti i dottori del paese, ha diffuso i risultati di un sondaggio condotto tra i suoi membri su eutanasia e suicidio assistito. Il 71,5% ha dichiarato di essere contrario alla legalizzazione di entrambi, il 25,8% si è detto a favore mentre il 2,6% non si è pronunciato.

EUTANASIA IN QUEBEC. Il sondaggio, come riporta Euthanasia Prevention Coalition, è stato condotto dopo l’approvazione dell’eutanasia in Quebec, che diventerà legale il 10 dicembre 2015, e dopo la decisione di un giudice di British Columbia che ha autorizzato nel caso di una donna il diritto al suicidio assistito. La donna è poi morta prima di suicidarsi e il governo federale ha contestato la decisione in appello, visto che il codice criminale del Canada, che vale per tutte le province, considera eutanasia e suicidio assistito come crimini. Proprio per questo motivo alcune organizzazioni hanno contestato in tribunale la legge approvata dal Parlamento del Quebec.

«MEDICI CURANO, NON UCCIDONO». Nel frattempo i medici si sono espressi contro la “buona morte”, elencando quattro motivi principali. Il primo riguarda il timore che «la legalizzazione dell’aiuto medicale a morire danneggi profondamente la fiducia che i pazienti ripongono nei medici e comprometta la relazione medico-paziente». Il secondo riguarda lo status del medico, il cui «ruolo è curare, non mettere fine alla vita». Il terzo concerne i pazienti più deboli: «La legalizzazione è un “piano inclinato” e condurrà a un allargamento delle condizioni e del tipo di pazienti per i quali la morte medicalmente assistita può essere applicata, soprattutto per quanto riguarda le persone più vulnerabili».

UN MODO PER RISPARMIARE. L’ultimo motivo è dettato dal carattere utilitaristico dell’eutanasia, il cui spettro si agita ad esempio sul Regno Unito: «La legalizzazione dell’aiuto medicale a morire potrebbe essere utilizzata per far risparmiare il Sistema sanitario nazionale». Infine, i medici chiedono che anche qualora venisse approvata l’eutanasia, venga prevista la possibilità di esenzione totale per i medici «da ogni operazione che abbia come scopo la realizzazione di un tale atto».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Bifocale scrive:

    NO ALL’EUTANASIA. NO ALL’IDEOLOGIA DEL GENDER.

  2. Angelo scrive:

    Quei medici che si sono opposti alle leggi sono Uomini. Il resto è fuori dall’umano; è tecnica, calcolo, interesse, funzione.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download