Google+

Canada. Il 70 per cento dei medici rifiuta l’eutanasia: non si uccide solo per far risparmiare lo Stato

agosto 4, 2014 Leone Grotti

Secondo un sondaggio condotto dall’Associazione dei medici del paese «il ruolo del medico è curare, non mettere fine alla vita»

philip-nitschke-eutanasia-exit-1L’Associazione dei medici canadesi, che rappresenta tutti i dottori del paese, ha diffuso i risultati di un sondaggio condotto tra i suoi membri su eutanasia e suicidio assistito. Il 71,5% ha dichiarato di essere contrario alla legalizzazione di entrambi, il 25,8% si è detto a favore mentre il 2,6% non si è pronunciato.

EUTANASIA IN QUEBEC. Il sondaggio, come riporta Euthanasia Prevention Coalition, è stato condotto dopo l’approvazione dell’eutanasia in Quebec, che diventerà legale il 10 dicembre 2015, e dopo la decisione di un giudice di British Columbia che ha autorizzato nel caso di una donna il diritto al suicidio assistito. La donna è poi morta prima di suicidarsi e il governo federale ha contestato la decisione in appello, visto che il codice criminale del Canada, che vale per tutte le province, considera eutanasia e suicidio assistito come crimini. Proprio per questo motivo alcune organizzazioni hanno contestato in tribunale la legge approvata dal Parlamento del Quebec.

«MEDICI CURANO, NON UCCIDONO». Nel frattempo i medici si sono espressi contro la “buona morte”, elencando quattro motivi principali. Il primo riguarda il timore che «la legalizzazione dell’aiuto medicale a morire danneggi profondamente la fiducia che i pazienti ripongono nei medici e comprometta la relazione medico-paziente». Il secondo riguarda lo status del medico, il cui «ruolo è curare, non mettere fine alla vita». Il terzo concerne i pazienti più deboli: «La legalizzazione è un “piano inclinato” e condurrà a un allargamento delle condizioni e del tipo di pazienti per i quali la morte medicalmente assistita può essere applicata, soprattutto per quanto riguarda le persone più vulnerabili».

UN MODO PER RISPARMIARE. L’ultimo motivo è dettato dal carattere utilitaristico dell’eutanasia, il cui spettro si agita ad esempio sul Regno Unito: «La legalizzazione dell’aiuto medicale a morire potrebbe essere utilizzata per far risparmiare il Sistema sanitario nazionale». Infine, i medici chiedono che anche qualora venisse approvata l’eutanasia, venga prevista la possibilità di esenzione totale per i medici «da ogni operazione che abbia come scopo la realizzazione di un tale atto».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Bifocale says:

    NO ALL’EUTANASIA. NO ALL’IDEOLOGIA DEL GENDER.

  2. Angelo says:

    Quei medici che si sono opposti alle leggi sono Uomini. Il resto è fuori dall’umano; è tecnica, calcolo, interesse, funzione.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Forse non sarà la supercar più aggraziata sulla faccia del Pianeta, ma è senza dubbio la McLaren più estrema mai realizzata. Il suo nome è Senna, in omaggio all’indimenticabile pilota brasiliano, e il peso a secco è da urlo: 1.198 kg. L’erede della hypercar P1, contrariamente ai rumors che la volevano ibrida come l’antenata, rinuncia […]

L'articolo McLaren Senna: la più estrema di sempre proviene da RED Live.

Il preparatore americano Hennessey sembra avere un’unica missione nella vita: lasciare a bocca aperta. Dopo aver creato sia la Venom GT, hypercar in grado di toccare i 435 km/h grazie a un V8 7.0 biturbo da 1.451 cv, sia l’evoluzione Venom F5, accreditata sulla carta di una velocità massima di oltre 480 km/h, ora si […]

L'articolo Hennessey VelociRaptor 6×6: forza bruta proviene da RED Live.

La nuova Multistrada 1260 cambia radicalmente con le novità che riguardano circa il 30% del progetto; smussa gli spigoli vivi del motore precedente motore e guadagna nella guida ora più fluida e rotonda meno reattiva.

L'articolo Prova Ducati Multistrada 1260 proviene da RED Live.

Per le piccole inglesi supersportive è già tempo di pista. Al freddo dell'autodromo di Cremona partono i primi test della stagione. Il nuovo calendario prevede anche una trasferta al Paul Ricard. C'eravamo anche noi

L'articolo MINI Challenge, è già 2018 proviene da RED Live.

La 5 porte giapponese saluta da lontano le quattro generazioni che l’hanno preceduta, mostrando linee più slanciate e tante possibilità di personalizzazione. Si dota inoltre di dispositivi di controllo appannaggio di auto di segmento superiore. Prezzi a partire da 16.700 euro

L'articolo Prova Nissan Micra N-Connecta IG-T proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download