Google+

Campione misterioso: l’eterna promessa che non convince nemmeno in questi Mondiali

giugno 29, 2014 Emmanuele Michela

Un nuovo calciatore da indovinare nel gioco di Tempi abbinato alla Coppa del Mondo. Ragazzo sfortunato che però fu applaudito dai suoi vecchi tifosi quando se li trovò di fronte come avversari

Campione_Misterioso_14+HomePageContinua la Coppa del Mondo in Brasile e continua anche il campione misterioso, il gioco di tempi.it associato al Mondiale. Se pensate di aver capito chi è il giocatore descritto nel profilo, scriveteci il nome e cognome del calciatore all’indirizzo redazione@tempi.it (mettendo in oggetto della mail la dicitura “campione misterioso“). In palio, una prestigiosa intervista con tempi.it in cui potrete raccontare le vostre imprese sportive sui campetti di periferia. 

Storia di un talento atteso per troppi anni, e vuoi per una stagione andata male, vuoi per qualche brutto infortunio, adesso si è un po’ perso via e pure a questi Mondiali non è che stia facendo un figurone. E pensare che anni fa giocava in una grande squadra: un top club tra i migliori europei, dove però ha vinto poco. Lo conoscemmo lì: nome strano per la terra che rappresentava, alle spalle chilometri su chilometri per giocare a calcio. Fece tre stagioni, di cui una praticamente saltata in toto. Poi si è fatto convincere da un progetto, uno di quelli dove scorrono tanti soldi, il campionato non è il massimo ma si cerca di farselo andare bene, con una squadra capeggiata da uno che ha fatto fortuna con partecipazioni e holding. Ha dovuto viaggiare ancora, abituarsi ad un clima ben diverso da quello dove è nato, ma si è sentito come a casa visti i tanti connazionali con cui si è trovato a condividere la squadra. E da quando è finito là ogni anno è sempre riuscito a vincere qualcosa.

LA SCENA DEL 2010. Chi segue un po’ il calcio non ha perso le sue tracce, ma chi invece ama guardare il pallone europeo unicamente con Champions League e Coppa Uefa ha in mente una scena che lo ha visto protagonista: era l’ottobre 2010, e lui tornava a giocare, da avversario, proprio in quello stadio che lo aveva visto protagonista. Persero 5-1, ma la rete della bandiera fu proprio sua, e tutti i presenti si alzarono per applaudirlo, qualcuno anche commosso. In fin dei conti, aveva lasciato il segno in quel club, anche perché la gente sapeva bene che, se non era riuscito ad esprimersi a grandi livelli, non era per colpa sua, ma delle sfortune che gli erano capitate. La più famosa riesce a destare pena e impressione ancora oggi, a più di 6 anni di distanza. Meglio non ricordarla: per tutti vedere quella scena fu un vero shock, non osiamo immaginare per lui, che neanche la ricorda del tutto.

DELUDENTE IN BRASILE. Ma dicevamo dei Mondiali. Un po’ tristi i suoi, davvero ci si aspettava di più. Quando i suoi hanno esordito, gli occhi di tutto il mondo erano per lui, e in quel frangente il campione misterioso non si è smentito, salvo poi sparire. D’altronde, in questa squadra non è il solo a poter coprire bene quel ruolo: c’è una vecchia volpe che fa impressione per la determinazione con cui si fionda sulle palle, e se non fosse stato per qualche mese avrebbe addirittura potuto vincere una Champions League. Trofeo che, invece, ha alzato al cielo un altro dei ragazzi che possono essere schierati là davanti e che tolgono il posto al campione misterioso. Poi c’è uno che gioca in Premier, uno che dicono andrà al Napoli e uno che è l’erede di un vecchio juventino. Vabbé ma così è troppo facile.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Non è la prima volta che BMW utilizza la dicitura Rallye per la sua GS: accadde già nel 2013, quando fu una vistosa versione Rallye con telaio rosso e colori Motorsport a celebrare l’uscita di scena del motore ad aria. Ora la dicitura torna in auge sulla BMW R 1200 GS Rallye, che per la […]

L'articolo Prova BMW R 1200 GS Rallye 2017 proviene da RED Live.

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

A volte ritornano. Oltretutto quando meno te lo aspetti. Dopo dodici anni di assenza dal panorama europeo, lo storico marchio inglese MG annuncia il rientro nel Vecchio Continente. Un’operazione che avrà inizio nel 2019 e che vedrà protagonista la cinese Saic, dal 2005 proprietaria del brand. Il successo con le spider negli Anni ‘60 La […]

L'articolo MG, il ritorno in Europa è in salsa cinese proviene da RED Live.

Il marchio Seat ha la sportività incisa in modo indelebile nel proprio DNA. Un’inclinazione caratteriale impossibile da nascondere persino quando a Martorell hanno a che fare con una SUV. Ecco allora che la Ateca, la prima sport utility della storia della Casa spagnola, beneficia della versione FR (Formula Racing), sinora riservata alle “cugine” Ibiza e […]

L'articolo Seat Ateca FR: il SUV ha un’anima sportiva proviene da RED Live.

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana