Google+

Camerun. In una città i cristiani difendono le moschee e i musulmani le chiese da Boko Haram

gennaio 22, 2016 Leone Grotti

A Mozogo, al confine con la Nigeria, le ripetute incursioni dei jihadisti hanno unito i fedeli delle due religioni. «Questo ci rende un esempio di tolleranza interreligiosa».

Da tempo Boko Haram non fa più distinzioni quando si tratta di compiere un massacro. Cristiani e musulmani vengono colpiti in modo indiscriminato e le moschee sono rase al suolo al pari delle chiese. In una città del Camerun al confine con la Nigeria, Mozogo, questo “ecumenismo del sangue” ha unito i fedeli delle due diverse religioni.

CRISTIANI DIFENDONO MOSCHEE. L’unione è pratica, più che teorica. Ogni venerdì i cristiani stazionano all’esterno della moschea centrale per proteggere i musulmani che pregano all’interno. Tra di loro c’è Jacques Mabali, 55 anni, membro della Chiesa evangelica luterana. «I nostri leader religiosi ci hanno chiesto di proteggere i fedeli musulmani e io ho accettato. È mio dovere difendere il mio paese dalla violenza», riporta Voa.

MUSULMANI PROTEGGONO CHIESE. Ibrahim Moctar, giovane musulmano, ha cominciato a fare la stessa casa e insieme ad altri islamici si è posto a difesa delle chiese la domenica. Non si tratta certo di un semplice scambio di cortesie. Servono ragioni forti: negli anni i jihadisti hanno distrutto moschee e chiese nella zona, trucidando decine di persone.

«ESEMPIO DI TOLLERANZA». Il governatore della regione dell’Estremo nord, Midjiyawa Bakari, si è complimentato con cristiani e musulmani per aver saputo trovare il modo di collaborare contro la minaccia terroristica e ha invitato tutto il paese a imitare il loro esempio e a formare gruppi di vigilanti misti. Anche in molte aree del dipartimento Mayo-Tsanaga, una zona ad alto rischio attentati, sono nati gruppi misti. «Questo ci rende un esempio di tolleranza interreligiosa».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

28 Commenti

  1. ROLLI SUSANNA scrive:

    E’ la carità in atto: “ama il prossimo tuo come te stesso”, “una mano lava l’altra e tutt’e due lavano la museruola” – diceva mia nonna……..Mettiamoci pure che “l’unione fa la forza”, ce la possono anche fare!!

    • undewater scrive:

      Il secondo proverbio non è calzante, è un po alla Ponzio Pilato.

      • ROLLI SUSANNA scrive:

        Spiegami, per favore, Underwater, non “colgo” se non mi aiuti. Grazie.

        • underwater scrive:

          Una mano lava l altra si dice della omertà, non del aiuto reciproco.

          • ROLLI SUSANNA scrive:

            Grazie, la intendevo diversamente; cioè se ho una mano sporca e la devo pulire mi faccio aiutare dall’alta mano,e viceversa:così mi ritrovo con le mani che, insieme appassionatamente, si sono lavate…Però suona bene pure così!

  2. Sebastiano scrive:

    Peccato però che i musulmani convertiti (soprattutto se convertiti al cristianesimo) rischino la capoccia, considerato che nel corano sono dichiarati apostati e passibili di pena di morte da parte di chiunque li incontri per strada.
    Questo mica se lo ricordano i buonisti dell’ultim’ora.

    • underwater scrive:

      Ma il card. Onayekan si, come ha spiegato nel discorso di Milano, quello che il troll probabilmente seziona (non cita) a suo comodo.

      • Yusuf scrive:

        «In Nigeria su 160 milioni di abitanti siamo fifty-fifty tra cristiani e musulmani, anche solo per la necessità di vivere insieme dobbiamo rispettarci e per noi nigeriani non è difficile. Per un nigeriano cristiano un nigeriano musulmano non è uno straniero e lo stesso vale per un musulmano. Siamo entrambi dei convertiti è una scelta personale che ciascuno ha fatto», dice sorridendo e ricordando che lui stesso ha uno zio musulmano: «anche se nella nostra lingua la parola zio non esiste, per me è un altro padre» e una sorella ha sposato un musulmano «ho battezzato io stesso i suoi due figli». (S.E, Cardinal Onaiyekan – vescovo di Abuja)

        • underwater scrive:

          Io quel giorno in Duomo c ero, tu probabilmente stavi ascoltando Khamenei. Sutor, non ultra crepidam!

          • Focauld scrive:

            La frase originale è “Ne supra crepidam sutor iudicaret”. Dopo così tanti secoli che te l’hanno detta non l’hai ancora imparata ? :-))

            • underwater scrive:

              Fatto sta che voi parlate di vescovi, quando vi intendete solo di imam.

              • underwater scrive:

                Detto dal menzognero in persona è un complimento. La gerarchia cattolica non fa decisamente per voi. Tornate a giocare con il tritolo e le sure.

                • underwater scrive:

                  Appunto.

                  • underwater scrive:

                    Come se fossero i cristiani a volere lo scontro ed i musulmani avessero l aureola in testa. Il Sudan, e la Nigeria dimostrano che Islam=guerra di religione assicurata e collezionare estratti, veri o presunti, di porporati con parenti musulmani non cambia la realtà.

                    • underwater scrive:

                      Si, e si chiamano sultanati arabi wahhabiti e doppiogiochisti. Non interessa a nessuno diffamare l Islam. Il Cristianesimo è sempre il bersaglio. L Islam si diffama da solo odiando il resto del mondo, come ha detto il generale Al Sisi.

                    • underwater scrive:

                      Nessuno nega che esistano fondamentalismi non islamici, ma dirlo per minimizzare quello islamico, di gran lunga il più pericoloso oggi, è una operazione sporchissima.

                    • Sebastiano scrive:

                      e non a caso è la stessa strategia che usano gli islamodoppiogiochisti, ben accolti e ben pasciuti alle spalle degli occidentali.

                    • underwater scrive:

                      Insisti, mi raccomado, con le mezze frasi, le mezze citazioni, come se chi denuncia il terrorismo islamico non si sia mai augurato che qua e là sbocciasse la tolleranza reciproca o pensasse che oltre la frontiera sono criminali. Citare preti, suore, vescovi non cancella il fatto che siano stati islamici ad attaccare e non occulta la domanda sulla responsabilità di Corano ed hadith nel suggerire male.

    • ROLLI SUSANNA scrive:

      Sebastiano
      Si, molto triste questo, e questo succede anche in Europa.

      • Leo scrive:

        @Focauld

        Sempre che cattolici lo siano veramente, che ci facciano o che ci siano. Riguardo alla protestantizzazione del mondo cattolico il compianto don Francesco Ricci la chiamava la “relativizzazione di Cristo”.

        • underwater scrive:

          Il Francesco Ricci ultimo generale dei gesuiti prima del 1773? Suvvia, siete proprio gli ultimi a parlare di protestantizzazione. Voi siete per la dhimmitudine e lo sterminio.

      • Leo scrive:

        I cardinali africani (e non solo) sanno bene che i problemi e le guerre non vengono dalle religioni, ma dal fondamentalismo, di qualsiasi matrice sia (cristianista, talmudista, islamista, etc.). E conoscono anche bene l’azione nefasta dell’Occidente desacralizzato, come notava S.E. il Cardinale senegalese Théodore-Adrien Sarr, Arcivescovo di Dakar :-
        “Diventa sempre più necessario che l’Occidente e gli occidentali smettano di pensare che solo quello che loro concepiscono come modo di vedere e di fare, sia valido”.

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Disponibile in oltre 60 città italiane e 300 europee permette di gestire tutte le operazioni relative alla sosta, pagamento compreso.

Una rassegna espositiva racconta gli straordinari artigiani che nel ‘900 fecero della bicicletta un'opera d’arte, i grandi giornalisti che contribuirono alla nascita del giornalismo sportivo, i personaggi che lanciarono le due ruote e gli eroi del pedale che ne immortalarono il mito.

Il restyling della cinque porte bavarese porta in dote un aggiornamento della connettività e dei servizi d’infotainment sulla falsariga di quanto introdotto dalla nuova Serie 3. Gamma motori da 150 a 326 cv e consumi ridotti del 14% rispetto al passato.

Il prezzo d’attacco è prossimo a 10.000 euro, ma non per questo sono una scelta povera. Ecco una guida alle utilitarie più economiche, performanti e meglio accessoriate.

Le concept che anticipano l’erede della mitica Alpine A110 saranno protagoniste del Festival di Goodwood, affiancate da modelli celebri che hanno scritto la storia della Casa di Dieppe. L’unveiling della nuova berlinetta è atteso a fine 2016.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana