Google+

Cambiamenti climatici. Nuovo studio conferma: l’accordo di Parigi è inutile

agosto 2, 2017 Leone Grotti

Il patto firmato da 195 paesi e fatto di promesse non servirà a contenere a 2 gradi il riscaldamento globale. «Serve piuttosto una svolta tecnologica»

Lo sapevamo già, ma repetita iuvant. Quel grande calderone di promesse non vincolanti che è l’accordo sul clima di Parigi, firmato da 195 paesi, anche qualora venisse rispettato, non servirà a contenere a 2 gradi il riscaldamento globale rispetto ai livelli pre-industriali. Lo sostiene uno studio guidato da un professore dell’Università di Washington pubblicato su Nature Climate Change e ripreso da tutti i quotidiani del mondo. Secondo il docente Adrian Raftery, c’è solo l’1 per cento di possibilità che le temperature crescano in misura inferiore a 1,5 gradi.

PREVISIONI E SCIENZA. Lo studio si basa su un modello statistico e non è in grado di predire che cosa succederà davvero nel 2100, ma secondo i calcoli dell’ateneo di Washington «c’è un 90 per cento di possibilità che le temperature aumentino di 2-4,9 gradi» rispetto ai livelli pre-industriali. Come scritto in passato da due articoli del Wall Street Journal e New York Times, in realtà nessuno è mai riuscito a dimostrare scientificamente che se non si agisce la soglia dei 2 gradi sarà superata. Allo stesso modo, nessuno ha mai dimostrato scientificamente che se la soglia verrà superata moriranno centinaia di migliaia di persone entro il 2100 per i cambiamenti climatici, come sostiene la Commissione internazionale sul cambiamento climatico dell’Onu (la stessa che nel 2007 ha pronosticato lo scioglimento dei ghiacciai dell’Himalaya tra 18 anni). Ma il punto è un altro.

«SVOLTA TECNOLOGICA». Invece che concentrarsi sulle emissioni di gas serra, il nuovo studio prende in analisi i trend di aumento della popolazione, il Pil pro capite e l’intensità delle emissioni, cioè la quantità di diossido di carbonio emesso per ogni dollaro speso in attività economiche. Pur specificando che «agire è fondamentale» e che «i nostri risultati non devono essere usati per dire che ormai è troppo tardi per impedire l’innalzamento della temperatura», Raftery sottolinea che «solo una svolta tecnologica potrebbe cambiare sensibilmente le nostre previsioni».

UN PESSIMO ACCORDO. La nota è importante, visto che l’accordo di Parigi per combattere il riscaldamento climatico non si basa su investimenti per la ricerca di nuove tecnologie ma sulla costosissima (e a quanto pare praticamente inutile) riduzione delle emissioni. Già nel 2015, lo scienziato politico danese Bjørn Lomborg aveva pubblicato uno studio su Global Policy per evidenziare che anche qualora le promesse di tutti i paesi venissero mantenute, cosa che non sta neanche lontanamente accadendo – la riduzione della temperatura sarebbe stata al massimo pari 0,048 gradi centigradi. Sommando tutti gli impegni presi, infatti, si ottiene una riduzione delle emissioni di Co2 di circa 36 miliardi di tonnellate, ma per contenere l’innalzamento delle temperature ai livelli desiderati, andrebbero ridotte di 3.333 miliardi di tonnellate.

«FALSO SENSO DI RIGORE». Se la strada più adatta per combattere i cambiamenti climatici sembra essere quella dell’avanzamento tecnologico, resta un problema di fondo, come sottolinea al Guardian Andrew Dessler, scienziato del clima presso l’Università Texas A&M: «Sono d’accordo sul fatto che è molto improbabile che l’innalzamento della temperatura resti al di sotto dei livelli desiderati ma questa ricerca dà un senso fasullo di rigore. Domani qualcuno potrebbe inventare una fonte di energia carbon-free subito adottata da tutti. Le cose possono cambiare molto più rapidamente delle previsioni delle persone».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download