Google+

Cambiamenti climatici, fa più danni l’allarmismo della Co2

febbraio 4, 2015 Redazione

L'”ambientalista scettico” Bjorn Lomborg spiega perché, dati alla mano, è più utile aiutare il Terzo Mondo a uscire dalla povertà che buttare montagne di denaro in inutili campagne “green”

marcia-ambientalista-clima-shutterstock_218837329

Con la consueta sana dose di pensiero anti-ideologico, l'”ambientalista scettico” Bjorn Lomborg è tornato a sottolineare dalle colonne del Wall Street Journal quale sia secondo lui “la cosa allarmante dell’allarmismo climatico”. La tendenza a bombardare il pubblico con titoloni catastrofici e appelli disperati spesso impedisce al mondo di prendere atto di dati che in molti casi smentiscono quegli stessi allarmi, e dunque di studiare soluzioni fondate sulla ragione anziché sul panico.

siccita-cambiamenti-climatici-shutterstock_775062550,09 GRADI. Per esempio, ricorda Lomborg cominciando a elencare i fatti inattesi registrati dagli osservatori scientifici, «è indubbio che le emissioni di anidride carbonica sono in crescita, e più rapidamente di quanto abbia predetto la maggior parte degli scienziati. Ma molti allarmisti climatici sembrano credere che i cambiamenti climatici siano peggiori delle attese. Ignorando però che molti dati in realtà sono incoraggianti. Lo studio più recente dell’Ipcc (il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico, organismo Onu premiato con il Nobel per la pace nel 2007 insieme ad Al Gore, ndr) ha riscontrato che nei precedenti 15 anni le temperature erano aumentate di 0,09 gradi Fahrenheit. La media di tutti i modelli prevedeva 0,8 gradi. Stiamo dunque assistendo a un aumento di temperatura inferiore del 90 per cento alle attese».

LA CALOTTA SI ALLARGA. Concentrare l’attenzione solo sui casi peggiori, insiste Lomborg, non contribuisce all’individuazione di solide politiche ambientali. Un altro esempio? Le calotte polari. «Sì, il ghiaccio artico si scioglie più rapidamente rispetto alle attese dei modelli. Ma i modelli hanno predetto che anche il ghiaccio antartico si sarebbe ristretto, e invece si sta espandendo». Non basta? Prendiamo la siccità: si continua a ripetere che in futuro la mancanza di acqua sarà una piaga sempre più frequente. Eppure, spiega il direttore del Copenaghen Consensus Center, «uno studio pubblicato a marzo dalla rivista Nature mostra che in realtà la superficie del pianeta colpita da siccità è diminuita dal 1982».

TIFONI E URAGANI. E non è finita. Continua Lomborg: «A dicembre, alla conferenza Onu sul clima organizzata a Lima, in Perù, è stato detto ai partecipanti che i loro paesi dovranno tagliare le emissioni di anidride carbonica per evitare in futuro danni causati da tempeste come il tifone Hagupit, che ha colpito le Filippine proprio nei giorni della conferenza, uccidendo almeno 21 persone e costringendone oltre un milione a lasciare le proprie case. Eppure, secondo uno studio pubblicato nel 2012 dall’American Meteorological Society’s Journal of Climate, i tifoni che colpiscono l’area delle Filippine per la verità sono in calo dal 1950».

PIÙ SVILUPPO, MENO SLOGAN. Insomma, ribadisce l'”ambientalista scettico”, sentiamo ripetere in continuazione che «le cose sono peggiori che mai, ma i fatti non dicono questo». E forse pensando proprio a un caso come quello delle Filippine, Lomborg suggerisce a esperti e comunicatori di riconoscere una volta per tutte che «non si tratta tanto di tagliare le emissioni di anidride carbonica, quanto di tirare fuori le persone dalla povertà». Non è un caso se nel mondo il tasso di morti causate da disastri naturali è crollato del 97 per cento dall’inizio del secolo scorso a oggi: il calo impressionante, spiega Lomborg, «è dovuto soprattutto allo sviluppo economico che aiuta le nazioni a resistere alle catastrofi». Del resto è ovvio che un uragano in Florida non uccide quanto un uragano nel Sudest asiatico. Più che spendere montagne di soldi per produrre risultati trascurabili con le energie rinnovabili, perciò, il mondo farebbe meglio a promuovere con più convinzione lo sviluppo dei paesi poveri.

Foto marcia per il clima da Shutterstock
Foto siccità da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. ftax says:

    @Tossani. Peccato. Persa un’altra splendida occasione…
    per non fare “discorsi grandi” inutili.

  2. Mappo says:

    Per Tossani sembra esistere solo la TAV. Comunque anche i suoi interventi a modo loro sono utili, ogni volta che li leggo mi convinco sempre di più della bontà del progetto TAV in Val di Susa e altrove. A scanso di equivoci ricordo che vivo a Firenze e la TAV passerà a un centinaio di metri da casa mia.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.