Google+

«Caldo soffocante, mancanza d’acqua e di spazio. Questo è San Vittore»

luglio 11, 2012 Paola D'Antuono

«Le condizioni dei carcerati sono drammatiche». Intervista a Fabio Pizzul (Pd) che ha incontrato Antonio Simone: «Va d’accordo coi suoi compagni di cella, anche se loro fumano e lui no»

Il viaggio tra le celle di san Vittore ha messo a dura prova i membri della Commissione speciale carceri di Regione Lombardia. Dopo Stefano Carugo e Enrico Marcora tempi.it ha ascoltato il racconto di Fabio Pizzul, consigliere regionale del Partito Democratico che ha definito «drammaticamente cronica» la situazione dei detenuti e degli agenti di polizia penitenziaria.

Uno spettacolo da film dell’orrore dietro le mura di San Vittore.
Purtroppo sì. Le celle sono sovraffollate, ci sono troppe persone e nei raggi non ristrutturati la situazione è al limite. Ai piani alti l’acqua arriva a fatica a causa di condutture vecchie che la disperdono. Questo significa che molti detenuti non possono fare la doccia anche per un giorno intero. I bagni, poi, se così si possono definire, non sono nemmeno separati dai letti. La struttura porta chiaramente su di sé il peso degli anni.

Come si è arrivati a questo punto?
Purtroppo i direttori delle carceri italiane hanno a che fare con budget ridicoli, praticamente azzerati, con cui a malapena riescono a coprire i costi di gestione. Prima di andare a San Vittore, ho visitato assieme ai miei colleghi il carcere di Canton Mombello di Brescia. Qui i materassi sono stati acquistati da alcuni membri della società civile, associazioni no profit e imprese, il carcere non aveva abbastanza soldi a disposizione.

Avete parlato con i detenuti?
Abbiamo parlato sia con loro che con gli agenti di polizia. Si lamentano per il caldo, che li costringe a giornate estenuanti. Nelle celle le finestre non si posso aprire, perché toglierebbero spazio vitale, quindi si tolgono direttamente i vetri e la conseguenza è l’invasione di scarafaggi e insetti di varia natura. L’ora d’aria con questo caldo è un tormento e molti detenuti preferiscono rimanere in cella. Tutto ciò in uno spazio angustissimo.

Non va meglio agli agenti di polizia.
Sono davvero in difficoltà e soffrono esattamente come i detenuti, con la differenza che loro sono in carcere per lavorare. Sono pochi e devono gestire tutti quei carcerati e non hanno nemmeno gli strumenti fondamentali per fare bene il loro mestiere. Molto spesso sono costretti a comunicare urlando perché non ci sono dei cordless. Il vero tormento lo vivono nelle garitte di vedetta: 12 ore sotto il sole cocente senza nemmeno un ventilatore.

Ha avuto modo d’incontrare anche Antonio Simone?
Sì, lo abbiamo salutato e ci siamo trattenuti qualche minuto con lui. Stava scrivendo una delle lettere indirizzate a tempi.it, mentre i suoi cinque compagni di cella rimanevano in piedi per permettergli di star seduto. Lo abbiamo visto impegnato a non lasciarsi andare all’inerzia della carcerazione, capace di mantenere un suo spazio e una sua dignità personale. Anche il rapporto con i suoi compagni di cella ci è sembrato umano. Vanno d’accordo, anche se loro fumano e lui no.

Come fare per migliorare la condizione delle carceri?
Partendo dal presupposto che la carcerazione non è l’unico strumento per espiare la pena e che molto spesso la magistratura abusa della carcerazione preventiva. Bisognerebbe applicare con maggior frequenza la pena alternativa, che tra l’altro è lo strumento migliore per accompagnare i detenuti nella vita sociale e lo dimostrano i bassissimi tassi di recidiva. Certo, la detenzione in alcuni casi è l’unica pena applicabile, ma c’è modo e modo di espiare la propria colpa dietro le sbarre e il carcere di Bollate lo dimostra. È una struttura che funziona benissimo e dove vige il regime delle celle aperte, che non è contro la legge, anzi è previsto dal nostro codice. Il nuovo provveditore Aldo Fabozzi, che sostituisce Luigi Pagano, ha intenzione di applicare una circolare del novembre 2011, per l’applicazione di un regime di media sorveglianza, a tutte le carceri lombarde. Il che significa celle aperte per la maggior parte della giornata.

Sarebbe applicabile anche a San Vittore?
Purtroppo no e nemmeno a Canton Mombello. Il sovraffollamento e i corridoi angusti renderebbero il tutto troppo difficile da gestire. In quel caso meglio tenere le porte chiuse.

La carcerazione preventiva, invece, meriterebbe un discorso a parte.
La magistratura la usa con troppa facilità e spesso finiscono in carcere persone innocenti. La sua applicazione andrebbe ripensata, anzi più in generale bisognerebbe pensare a una riforma del codice penale, che identifichi la detenzione come extrema ratio.

Intanto un piccolo passo la Regione l’ha compiuto. Presto a San Vittore arriveranno i ventilatori.
Sono state stanziate alcune decine di migliaia di euro. Speriamo di portare un po’ di sollievo ai detenuti e ai poliziotti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi