Google+

“Caduto Berlusconi, spread in ribasso”, dicevano. E adesso? – RS

gennaio 9, 2012 Redazione

“In quel grido bugiardo, verificatosi come segnacolo in vessillo del perfetto sprovveduto, stava la verità psicologica sinistra di un’opposizione cieca, senza alternative, determinata solo e soltanto a distruggere per distruggere, incurante dell’interesse all’equilibrio e alla razionalità che, specie in epoca di crisi, dovrebbe guidare le scelte civili”

“Vorrei prima di ogni altra cosa, quanto a buoni proponimenti per l’anno incipiente, che coloro i quali hanno detto sonoramente ‘caduto Berlusconi, spread in ribasso’ ammettessero di essere stati un po’ coglioni. Tutti siamo stati, chi più chi meno, chi prima chi poi, un po’ coglioni. E quelli che lo sanno, lo ammettono, lo hanno riconosciuto in circostanze varie, meritano il rispetto degli altri” (Foglio, p. 1).

Quelli che se ne fregano, invece, “non meritano alcun rispetto. Banchieri, giornalisti, esperti, leader politici: la lista è interminabile, e qui non si fanno inutilmente i nomi, non si proscrive nessuno. Anzi, in funzione politicamente pedagogica, sarebbe bello se i grandissimi cazzoni che si sono illustrati in questa acrobazia si associassero in una specie di alcolisti anonimi, e si godessero la vita ma sapendo, nel loro intimo, che hanno politicamente, socialmente, umanamente, culturalmente prospettato in ragione di una ingenerosa cazzata” (Foglio, p. 1).

Michele Serra faccia dunque meno lo spiritoso, lui che è così sensibile alle buone ragioni in generale, e la smetta di dire che quella sullo spread incambiato dopo la caduta di Berlusconi è una solfa contropropagandistica indegna di una civile pubblicistica. Tra le tribune che hanno reso possibile quella turlupinatura, molte sono di sua stratta pertinenza, a stampa e televisiva. Alla luce della fatale e grottesca affermazione, naufragata in modo tanto clamoroso dopo una verifica ormai duratura e insindacabile, andrebbe rivista tutta la storia politica dell’attacco ossessivo, compulsivo, disordinato e fanatico, a Berlusconi e al suo governo. In quel grido bugiardo, verificatosi come segnacolo in vessillo del perfetto sprovveduto, stava la verità psicologica sinistra di un’opposizione cieca, senza alternative, determinata solo e soltanto a distruggere per distruggere, incurante dell’interesse all’equilibrio e alla razionalità che, specie in epoca di crisi, dovrebbe guidare le scelte civili” (Foglio, p. 1).

Accusare Berlusconi di essere la causa dell’impennata dello spread, “non è stata una gaffe, è stata la bandiera di frastornante stupidità di un esercito di mestatori che ha inquinato la legittima battaglia contro Berlusconi. Non ne deriva, dal ristabilimento della realtà dei fatti, che noi avevamo ragione; ma che loro avevano torto, questo sì” (Foglio, p. 1).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. de carolis filippo scrive:

    Grazie ragazzi, non sono berlusconiano,anzi, ma la tanto sbandierata idea che il Cav fosse la causa di tutti i nostri mali e che bastassero le sue dimissioni per poterci incamminare verso la Gloria era pura propaganda.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana