Google+

Caccia al “Re di fiori”. Potrebbe essere lui il collegamento tra Isil e i sostenitori di Saddam Hussein

giugno 25, 2014 Redazione

Al-Douri è uno dei leader dell’esercito di Naqshbandi, nata all’indomani dell’esecuzione del dittatore iracheno. Su di lui pende una taglia di 10 milioni di dollari. È l’unico big del partito baathista che non è mai stato catturato

iraq-baath-al-douriFino a poco tempo fa era soltanto un fuggitivo, una carta mancante nel mazzo distribuito dagli Stati Uniti per dare un nome ai big del regime di Saddam Hussein. Ora, l’esecuzione di Rauf Rashid Abd al Rahmandel, giudice che condannò a morte Saddam nel 2007, potrebbe essere la dimostrazione definitiva che il “re di fiori”, Izzat Ibrahim al-Douri, non è soltanto vivo e vegeto ma uno dei principali artefici dell’avanzata-lampo dell’Isil nell’Iraq del nord.

IL RE DI FIORI. Proprio sulla pagina Facebook attribuita ad al-Douri è stata comunicata l’esecuzione del giudice di Saddam. Al-Douri è un ex collaboratore stretto del dittatore iracheno. Stando alle informazioni dell’esercito americano avrebbe ormai quasi 70 anni. Dal 2004, sulla sua testa pende una taglia di 10 milioni di dollari. Si tratta dell’unico big del partito baathista ad essere sfuggito alla cattura americana. Ai tempi di Saddam era diventato ex vice-presidente del partito.
Ci sarebbe lui dietro la nascita dell’esercito di Naqshbandi (JRTN), organizzazione guerrigliera, nata all’indomani dell’esecuzione di Saddam, nel 2007, che ha accolto i transfughi in libertà del vecchio apparato, e che ora è molto probabilmente alleato con l’Isil. Il ruolo del “re di fiori” nel nuovo gruppo baathista non è chiaro, ma è il membro più carismatico e ricoprirebbe un ruolo da leader.

ALLEANZA CON ISIL. Mosul e Tikrit sono sempre state roccaforti del regime di Saddam. La rapida conquista di queste due città da parte dei fanatici islamici di Isil, secondo i media americani, è stata determinata dal supporto del gruppo dei nostalgici di Saddam. Sarebbero loro infatti a fare da collettore dei ribelli sunniti (anche quelli “laici”), minoranza irachena che un tempo dominava al governo e che, con la fine della dittatura, è stata a sua volta discriminata e repressa dalla maggioranza sciita e dal governo Maliki.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.