Google+

«C’era Gesù, tra noi, nelle trincee presso il Don». Peppino Prisco ricorda il Natale durante la campagna di Russia

dicembre 27, 2014 Peppino Prisco

Prisco si arruolò negli alpini a 19 anni partecipando alla campagna di Russia e guadagnando una medaglia d’argento al valor militare. Del suo Battaglione rientrarono 159 alpini su 1700

lettera_bistratto da peppinoprisco.it – Giuseppe Prisco, meglio noto come Peppino Prisco (Milano, 10 dicembre 1921 – 12 dicembre 2001), è stato un avvocato e dirigente sportivo italiano, vicepresidente dell’Inter dal 1963 al 2001. Si arruolò negli alpini a 19 anni partecipando alla campagna di Russia come sottotenente nella Divisione Julia, 9º Rgt. alpini, Btg. L’Aquila, 108ª Compagnia, e guadagnando una medaglia d’argento al valor militare. Del suo Battaglione rientrarono 159 alpini su 1700, lui era uno dei soli tre ufficiali superstiti.

Natale ’42

C’era Gesù, tra noi, nelle trincee presso il Don,
a tenerci compagnia nel gelo.
Se no, di che saremmo vissuti, se neppure Lui
ci avesse parlato,
nel silenzio notturno della steppa?
Chi può vivere soltanto di gelo, di fame, di fuoco?
E allora Lui ci sussurrava il nome della mamma,
ne adoperava la voce
per offrire l’augurio e il dono di Natale:
“Ritorna figliolo… noi ti aspettiamo”.
Innumerevoli gomitoli grigio-verdi
rannicchiati ed infissi nella neve,
eravamo una unica linea presso il Don – ma pochi,
per la bianca vastità di Jvanowka,
Galubaja Kriniza, Nova-Kalitwa:
molti soltanto a Selenyj-Jar, al piccolo cimitero
nato dal sangue degli Alpini de “L’Aquila”.
Il Bambino parlava a noi, si soffermava
in silenzio e inatteso innanzi a Loro,
Li attendeva per portarli con sé,
nella notte di Natale.
Noi superstiti restavamo sgomenti,
quel mistero si esprimeva soltanto in dolore:
sopra la neve, sotto la neve
legava un’unica paternità, una stessa sorte.
Ma noi siamo tornati.
Non c’è più Natale eguale a quell’ultimo nostro:
ogni anno siamo là, su quella neve a chiamarLi.
Fratelli nostri, noi Vi ricordiamo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. lcll says:

    Testimonianza autorevolissima
    di uno che ha fatto la prima guerra da ingenuo ragazzino fra i tanti
    e poi la seconda convinto seguace del duce
    e che fino alla fine della vita una cinquantina di anni dopo è sempre rimasto orgogliosamente fascista.

    • Mappo says:

      Lcll, è un po’ difficile che Prisco abbia partecipato alla prima guerra mondiale essendo nato nel ’21, sul fatto che poi sia rimasto orgogliosamente fascista non saprei, ognuno è libero di pensarla come meglio crede, ma per rispetto alla sua intelligenza spero che fin dalla Ritirata di Russia abbia aperto gli occhi su quello che il Duce aveva fatto mandando gli alpini come lui al massacro prima in Grecia e poi in Russia non per esigenze belliche, ma solo per bambinesco spirito di emulazione nei confronti di Hitler, cosa che ci è costata oltre ad un’inutile guerra infiniti dolori e umiliazioni

    • claudio says:

      Caro Lcll, ma alle 4 e 50 del mattino non hai niente di meglio da fare che scrivere commenti palesemente errati e sciocchi su Tempi on line? Magari eri al lavoro, e la cosa sarebbe ancora più grave…

  2. Leo Aletti says:

    Peppimo Prisco, avvocato cristiano, era anche un pro-life, mi ricordo la sua presenza 11\2\1989 ad una manifesrazione a difesa di due medici espulsi dalla Mangiagalli perchè si opposero all’aborto.

    • Andrea says:

      Anch’io dico W il nostro Peppino!
      Andrea, prima cattolico, poi pro-life, poi alpino e infine profanamente juventino

  3. yoyo says:

    W il nostro Peppino!

  4. Orazio Pecci says:

    La saluto sull’attenti, signor sottotenente. Preghi per noi dal cielo dove si trova.
    Un tifoso di squadre toscane

  5. gieinz says:

    E facci un gol eh eh
    E facci un gol eh eh
    Peppino Prisco facci un gol
    Ed è la Nord che te lo chiede
    Peppino Prisco facci un gol

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download