Google+

Buongiorno? Buonanotte

ottobre 28, 2016 Emanuele Boffi

Per ventiquattro ore la morte di Valentina Milluzzo e dei suoi due gemelli all’ospedale Cannizzaro di Catania è stata imputata a un dottore «obiettore di coscienza»

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Per ventiquattro ore la morte di Valentina Milluzzo e dei suoi due gemelli all’ospedale Cannizzaro di Catania è stata imputata a un dottore «obiettore di coscienza». Per un giorno intero è parso che la tragedia fosse imputabile a un sadico che, in nome dei suoi princìpi morali, avrebbe fatto perire la donna e i due piccoli. Poi si è scoperto che non era andata così, che la vicenda era stata raccontata male – molto male – e che, fatte salve eventuali responsabilità da accertare, di certo l’obiezione di coscienza non c’entrava nulla.

Ma questo non ha evitato che, oltre ai soliti balordi di Twitter, anche due opinionisti come Roberto Saviano e Massimo Gramellini la facessero fuori dal vaso. Con il primo che ha scritto che «l’obiezione di coscienza, imposta ai ginecologi più che liberamente scelta, in un Paese dove i padiglioni degli ospedali pubblici e laici sono intitolati a santi, è una piaga che rende la 194 la più tradita delle leggi».

E con il secondo che nel suo “Buongiorno” sulla Stampa ha concluso il suo astruso ragionamento con queste parole: «Quando una donna viene ricoverata dopo una violenza si ricordano di sottoporla all’esame per l’Aids, ma si dimenticano quasi sempre di somministrarle la pillola del giorno dopo. Sarebbe piacevole vivere in un Paese dove una donna che entra in un ospedale pubblico non fosse costretta a preoccuparsi della fedina morale del medico che ha di fronte».

Già. Così come sarebbe piacevole leggere un quotidiano senza essere costretti a preoccuparsi che il tal opinionista si sia fatto due domande prima di scrivere una qualche frase che faccia obiezione all’intelligenza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Piccole, economiche ma capaci di grandi cose, le nuove moto dedicate ai patentati A2 possono piacere anche al motociclista navigato. Abbiamo confrontato tre naked di questa categoria.

L'articolo Confronto: KTM 390 Duke, Honda CB 500 F e BMW G 310 R proviene da RED Live.

Piccole ma capaci di grandi cose, le nuove moto dedicate ai patentati A2 possono piacere anche al motociclista navigato. Qui la prova della BMW G 310 R.

L'articolo BMW G 310 R proviene da RED Live.

In Svezia ci hanno preso gusto. Dopo aver fatto registrare il nuovo record sullo 0-400-0 km/h, strappato alla Bugatti Chiron, il costruttore nordico si è spinto oltre, conquistando con la hypercar Koenigsegg Agera RS il primato di vettura di serie più veloce del pianeta con 468 km/h. La Hennessey Venom GT si “ferma” a 435 km/h Nel […]

L'articolo Koenigsegg Agera RS è l’auto più veloce del mondo proviene da RED Live.

Grazie alla collaborazione di Garage Italia Custom Volkswagen propone due serie speciali della T-Roc. Chiamate Black e Cyber, saranno realizzate in 50 esemplari ciascuna e vendute attraverso Amazon

L'articolo Black e Cyber, la Volkswagen T-Roc di Lapo proviene da RED Live.

Le vetture elettriche sono considerate il futuro dell’automobile, ma non hanno ancora riscosso il successo auspicato. Ecco i migliori modelli a zero emissioni, suddivisi per fasce di prezzo.

L'articolo Le migliori auto elettriche proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download