Google+

Buone notizie per Meriam. Il fratellastro desiste e una delle ultime due cause a suo carico cade

luglio 17, 2014 Leone Grotti

Il fratellastro della cristiana, che lei non riconosce, aveva fatto causa perché venissero riconosciuti i loro legami familiari. Ora resta solo la falsificazione di documenti

meriam-ibrahim-sudan-maya-martinArrivano finalmente buone notizie per Meriam Yahya Ibrahim, la cristiana sudanese condannata a morte per apostasia e adulterio, poi scagionata in appello e oggi rifugiata all’ambasciata americana di Khartoum in attesa dei documenti per espatriare.

IL FRATELLASTRO DESISTE. È caduta una delle due case ancora pendenti, quella per falsificazione di documenti e quella intentata dal fratellastro della donna, che lei non riconosce, perché vengano riconosciuti i loro legami familiari. Oggi Abdel Rahman Malek, avvocato del fratellastro, ha dichiarato di aver lasciato cadere quest’ultima causa, che sarebbe dovuta arrivare in tribunale a Khartoum domani. «Non stiamo più procedendo con la causa», ha affermato a Reuters senza dare ulteriori spiegazioni, mentre l’avvocato di Meriam ha detto di non essere ancora informato degli ultimi sviluppi.

ULTIMO OSTACOLO. L’ultimo ostacolo che separa Meriam dal trovare rifugio negli Stati Uniti è l’accusa di falsificazione di documenti. Questa, secondo quanto dichiarato a tempi.it da Antonella Napoli, presidente di Italians for Darfur, dovrebbe essere risolta senza problemi ma non entro breve: «Non si tratta di giorni, anche se potremmo restare sorpresi. Il Ramadan ha rallentato tutto, ma la vicenda si concluderà bene».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana