Google+

Bufale? Sì, quelle del pentito. Scarcerato il re della mozzarella Mandara

agosto 27, 2012 Redazione

Giuseppe Mandara era stato arrestato a luglio perché membro di un clan che non esiste più da dieci anni. Colpa di un refuso e di un pentito che per il tribunale del Riesame si è dimostrato non credibile in «ogni suo movimento labiale».

Il re della mozzarella Giuseppe Mandara non era in affari con i clan della Camorra. Lo dice il Tribunale del Riesame di Napoli. «Altro che favoreggiamento. Altro che disponibilità. Altro che capitali da riciclare. Tutto falso. Tutto costruito su presupposti inesistenti» scrive oggi Stefano Zurlo sul Giornale. Il tribunale ha infatti revocato l’ordinanza del gip di Napoli che a luglio aveva portato all’arresto di Mandara e al commissariamento del suo stabilimento che produce mozzarella di bufala. Notizia che aveva fatto il giro del mondo, scrive Zurlo.

«Nel groviglio di accuse assemblate dalla Procura distrettuale antimafia di Napoli era finito davvero di tutto»: dal presunto cinismo di Mandara che decideva di lasciare in commercio una partita di formaggi contenente un pezzo di ceramica pericoloso per la salute e l’utilizzo di latte vaccino e non di bufala. Ma il Riesame, senza entrare nello specifico, ha demolito l’impianto accusatorio sin dalle fondamenta, che sono poi le parole di un pentito. Il collaboratore di giustizia è Augusto La Torre. Aveva parlato di un finanziamento di settecento milioni di euro negli anni ’80 all’azienda di Mandara. Ma secondo i giudici, il teste è del tutto inaffidabile. Infatti, gli era già stato revocato il programma di protezione testimoni, proprio grazie a una denuncia del Mandara, nel 2003. Inoltre, afferma il tribunale «la sua storia criminale (per tale intendendo anche l’intervallo collaborativo che non ha sedato gli entusiasmi delinquenziali del soggetto) è talmente costellata di costruzioni artefatte (oltre che di estorsioni e di omicidi a dozzine) da rendere sospetto e non credibile ogni suo movimento labiale ed ogni suo scritto».

«Eppure i suoi movimenti labiali, per usare le parole ironiche del riesame, sono i pilastri di questa inchiesta», scrive Zurlo. «Il collegio fa un calcolo semplice semplice: l’azienda fu acquistata, nel marzo dell’83, per «duecentoquindici milioni di lire, dei quali solo sette pagati in contanti, tutta la restante parte pagata con accollo di un mutuo e il rilascio di effetti cambiari». Dei settecento milioni nessuna traccia. Ma c’è di più: «Mandara è finito in carcere per essere membro di un clan che però non esiste più». Da dieci anni. Cos’è successo? Perché il gip ha pensato di applicare una misura coercitiva per la partecipazione di Mandara ad un clan che non esiste più da oltre dieci anni? Il gip deve essere stato tratto in inganno da un errore, afferma il tribunale del Riesame: «Un refuso, non cancellato dal file precedentemente in uso».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Giava scrive:

    E questo mi fa pensare che allora la giustizia funziona! Un errore di un Gip e di una procura viene corretto dal Tribunale del Riesame: il sistema dei controlli tra tribunali funziona, e ciò fa stare tutti un po’ più sereni

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana