Google+

Broken City, il ritorno in grande stile del noir classico

febbraio 8, 2013 Simone Fortunato

Bel noir torbido diretto con una certa sicurezza da Allen Hughes che con il fratello aveva già diretto due film interessanti ma irrisolti come La vera storia di Jack lo squartatore e Codice: Genesi. Broken City, al cinema in questi giorni, è il suo film migliore per qualità tecniche e visive ma soprattutto per una […]

Bel noir torbido diretto con una certa sicurezza da Allen Hughes che con il fratello aveva già diretto due film interessanti ma irrisolti come La vera storia di Jack lo squartatore e Codice: Genesi. Broken City, al cinema in questi giorni, è il suo film migliore per qualità tecniche e visive ma soprattutto per una sceneggiatura che, a differenza dei titoli precedenti, riesce a sciogliere gli snodi narrativi con verosimiglianza e gusto per lo spettacolo.

LA STORIA. un investigatore privato, ex poliziotto caduto in disgrazia (il solito, tostissimo Mark Wahlberg) deve indagare sulle infedeltà della moglie del sindaco di New York proprio nei giorni decisivi che lo porteranno a una probabile rielezione come primo cittadino. Ma la vicenda, come il noir classico insegna, si complicherà terribilmente. Scritto dall’esordiente Brian Tucker, che confeziona una narrazione classica ricca di rimandi a tanti classici del genere, Broken City ha senz’altro un punto di forza nel cast solido e ben amalgamato: Wahlberg è perfetto nel ruolo del private eye, deluso da tante sconfitte nella vita e in vena di riscatto. Ha la faccia e il fisico perfetti per il ruolo e soprattutto è abbastanza sbruffone da ricordare tanti detective del genere. E anche gli altri funzionano: Crowe e la Zeta-Jones (con quest’ultima che purtroppo ha perso tanto charme a causa di improvvidi lifting) sono ambigui al punto giusto e le cosiddette spalle sono attori del calibro di Jeffrey Wright (il capo della polizia), Barry Pepper (lo sfidante di Crowe), Griffin Dunne (il finanziatore del sindaco) e, buon ultimo, Kyle Chandler attorno al quale ruotano i tanti segreti del film.

NOIR. Un cast di esperienza ben diretto da Hughes, che con gli attori ha sempre dimostrato di saperci fare (come nel caso di Washington di Codice: Genesi) per un film che soffre di qualche piccola caduta nell’intreccio e nella costruzione alcuni personaggi (Pepper, la ragazza del protagonista), ma che ha una bella intelaiatura classica innervata di tanti temi fondamentali del noir. La corruzione profonda dell’ambiente politico, il senso di sconfitta di Wahlberg e la sua volontà di riscatto senza compromessi, un’atmosfera plumbea e notturna fatta di inganni, ricatti, doppi e tripli giochi, una sensazione di solitudine e inadeguatezza ma anche una piccola ma importante luce (nel rapporto tra Wahlberg e la sorella, collaboratrice e amica fedele). Grandi temi del noir, un genere di ombre e sensi di colpa che nasce a ridosso della II guerra mondiale e si nutre dell’inquietudini del tempo, della crisi morale ed economica di quegli anni difficili, riproposti da Hughes con correttezza e senso dello spettacolo e con un occhio a un’attualità politica fatta di più ombre che luci. Chissà che Broken City non sia il preludio della rinascita di un genere da troppo dimenticato: sarebbe il frutto cinematografico migliore di questi anni di crisi.

Vale il prezzo del biglietto? Di questi tempi più di altri film in sala
Chi lo amerà? Chi rimpiange il noir
A chi non piacerà?A chi odia il lifting

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana