Google+

Bortolussi (Cgia Mestre): Cosa c’è di buono nella legge di stabilità per le Pmi

novembre 14, 2012 Massimo Giardina

L’emendamento sul ddl stabilità taglia Irap e favorisce la produttività. Giuseppe Bortolussi (Cgia) applaude, ma per far riprendere l’economia occorre aumentare i consumi.

Aiuti alla produttività per 800 milioni di euro e tagli all’Irap dal 2014 con esenzioni per professionisti, autonomi e artigiani non organizzati da sommare agli sconti Irpef per le famiglie più disagiate. È quanto emerge nella legge di stabilità riscritta in Commissione bilancio alla Camera dei deputati. L’emendamento che ha visto come relatori l’ex ministro Renato Brunetta (Pdl) e Pier Paolo Baretta (Pd) è stato presentato ieri pomeriggio mantenendo invariati i saldi come richiesto dal Governo. Giuseppe Bortolussi, presidente dell’Associazione artigiani e piccole imprese di Mestre (Cgia) esprime a tempi.it la sua soddisfazione, ma nello stesso tempo afferma che «purtoppo non è ancora abbastanza».

Presidente, come giudica il nuovo ddl di stabilità così come riscritto ieri in Parlamento?
Molto bene, e aggiungo che non a caso il testo viene da un veneto come Renato Brunetta. Le modifiche fatte vanno nel senso giusto. Nelle ipotesi precedenti avevamo fatto notare delle discrepanze perché si andava a scontare l’Irap per i dipendenti di sesso femminile e quelli sotto i 35 anni.

Perché delle discrepanze?
Un provvedimento così fatto avrebbe avvantaggiato le aziende più strutturate: una piccola impresa che ha tre dipendenti ha meno probabilità di avere giovani o donne di un’azienda di 100 lavoratori e per questo fatto la Cgia aveva reclamato uno sbilancio penalizzante le piccole e micro imprese di 5 miliardi di euro. Per fortuna, l’emendamento rimedia a tale discrepanza e al torto subito dalle aziende più piccole.

Si va nella giusta direzione?
La defiscalizzazione degli investimenti tocca le aziende maggiori e tutte le volte ci scordiamo che in Italia il 98 per cento delle imprese ha meno di 20 addetti e il 95 per cento meno di 10. A livello europeo garantire il lavoro per il 58 per cento sono state le realtà al di sotto dei 10 lavoratori. Dunque, se vogliamo creare occupazione bisogna dare seguito a queste indicazioni che vengono dall’economia reale, ma non basta.

Insomma, a parte l’emendamento di ieri, non giudica così bene l’operato del Governo.
No, anzi, è il contrario. Riconosco la sensibilità che Monti ha avuto verso le imprese, ad esempio con lo slittamento dell’acconto da novembre 2100 a giugno 2012: per le piccole imprese è stata una boccata d’ossigeno come il fatto che ha sbloccato, secondo i tempi e le modalità richieste dalla Comunità europea, i pagamenti della Pubblica amministrazione.

Ma?
Ma c’è un grosso difetto: il Governo sta adottando una politica economica recessiva che non favorisce i consumi. Le aziende che producono per l’estero vanno bene, ma non serve alle imprese che lavorano per il mercato interno. Se non ci sono i consumi, per quanto si possa aiutare l’offerta, continua a mancare la domanda e si crea un circoo vizioso: calano i consumi, le aziende vanno in casse integrazione prima, e in mobilità nel passaggio successivo, licenziano e poi chiudono.

Il saldo delle imprese è però attivo: 280 mila chiuse contro 300 mila nuove.
Ne nascono nuove ma non sono strutturate. Se chiude un’azienda con 50 dipendenti e ne apre una di 3, il saldo positivo è di 47 persone senza lavoro.

Quale ricetta consiglia?
Una politica espansiva: accettare un po’ più inflazione ma favorire l’occupazione. La nostra è una crisi della domanda e non dell’offerta. In tutti i casi analizzati dal Fondo monetario internazionale, quando si diminuisce la spese pubblica e si aumentano le tasse, l’economia diventa recessiva. E il contesto del rigore strutturato per il 70 per cento da tasse e per il 30 per cento da tagli ai servizi è una torchiatura. Ho detto appositamente taglio ai servizi e non agli sprechi.

L’altro giorno, sempre nel ddl di stabilità è stata data la possibilità per le imprese non quotate di finanziarsi più facilmente attraverso l’emissione di mini bond. Tassazione e indebitamento. Non sarebbe meglio percorrere un’altra strada: detassazione e ricapitalizzazione?
Sappiamo bene che le pmi sono sottocapitalizzate e la proposta sui mini bond riguarda solo imprese di una certa dimensione: è una chance che verrà utilizzata da pochi, ma ripeto, per far ripartire l’economia bisogna dare una spinta ai consumi, solo così le imprese riprenderanno a generare ricchezza e ricapitalizzarsi.

Mi sta dicendo che il punto è il cuneo fiscale.
Sì, non c’è altra soluzione se non diminuire il cuneo fiscale e  lasciare i soldi in tasca ai soggetti che percepiscono un compenso sotto i 35 mila euro. Noi avevamo proposto assegni assegni familiari triplicati. Si favorisce la famiglia e si rimette in moto l’economia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana