Google+

“Born and raised”, il bello e trascurabile disco di John Mayer

maggio 29, 2012 Carlo Candiani

La retromanìa contagia anche il più promettente fra i rock blues man dell’ultima generazione, ormai da più di dieci anni in pista e la bellezza di sette Grammy conquistati all’attivo. Autore, interprete e valente chitarrista, il trentacinquenne John Mayer ritorna sulle scene discografiche con un lavoro tutto acustico che rimanda direttamente alla atmosfere del giovane Paul Simon, all’epoca […]

La retromanìa contagia anche il più promettente fra i rock blues man dell’ultima generazione, ormai da più di dieci anni in pista e la bellezza di sette Grammy conquistati all’attivo. Autore, interprete e valente chitarrista, il trentacinquenne John Mayer ritorna sulle scene discografiche con un lavoro tutto acustico che rimanda direttamente alla atmosfere del giovane Paul Simon, all’epoca d’oro della West Coast (e non è un caso che tra i cori appaiano Crosby e Nash), all’Elton John pre Crocodile Rock di Tumbleweed Connection e al George Harrison post Beatles. I richiami non sono solo musicali, anche la grafica della copertina del cd rimanda a reminiscenze Seventeen con quella segnalazione nell’angolino basso, “Stereo recorded sound”, che fa tanto vintage.

Chitarra acustica, quindi, bene in evidenza, in una serie di brani improntati alla semplicità, quasi bucolica, del folk rock americano che accompagnò, in quei primi anni Settanta, la contestazione delle nuove generazioni mentre infuriava la guerra in Vietnam. È una ricerca nella memoria, raccontata dallo stesso Mayer, in apertura del suo Born and Raised: “ Sono in cerca del sole di Neil Young, quando nel ’71 compose After the gold rush. E ancora: “Joni (Mitchell) ha scritto Blue nella sua casa sulla spiaggia. So che c’è una canzone che mi aspetta, ma io non riesco a vederla. Mi sono imbarcato con una canzone nell’anima, ma non lo sa nessuno”. È la confessione di un artista “nato e cresciuto” con queste icone rock, che ora come fantasmi attraversano tutto il cd e ne contraddistinguono pesantemente il ritmo, con la pedal steel di Greg Leisz, sempre presente e le estemporanee collaborazioni di Chris Botti alla tromba, Jim Keltner alla batteria e Sara Watkins al violino.

Mayer, capelli lunghi fin sulle spalle e cappello texmex, racconta storie d’amore malinconiche dall’andamento lento in ballate rarefatte, nate tra i canyon e i laghi trasparenti dell’America delle grandi foreste. Tutto bene, quindi? No, non proprio. Anche se, per i nomi citati, le aspettative erano molte, il prodotto dopo una partenza interessante si affloscia, diventa un po’ monocorde, e, rischiando la noia, si trascina verso la fine, tradendo le intenzioni di un signor produttore come Don Was. Insomma, il disco è un bel sentire, specialmente per chi “dopo James Taylor, il diluvio”. Ma vuoi per la mancanza di brani memorabili, vuoi per un’insistenza su atmosfere alquanto “déjà vu”, il tutto si risolve in un lavoro dimenticabile, simile a centomila altri dischi, che nulla toglie e nulla aggiunge alla bravura del titolare. Per John Mayer un’occasione persa: pazienza, sarà per la prossima.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. I just want to tell you that I am just beginner to blogs and honestly savored this blog. More than likely I’m want to bookmark your blog post . You definitely come with terrific writings. With thanks for sharing with us your blog site.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi