Google+

Borghi (Giornale): «Marcegaglia mente, emergenza finanziaria è europea prima che italiana»

settembre 27, 2011 Roberto Regina

Claudio Borghi, intervistato dai conduttori de Gli spari sopra, esprime le sue perplessità sulle ultime dichiarazioni di Emma Marcegaglia. L’economista e opinionista del Giornale accusa la leader di Confindustria – che sta lavorando a un manifesto delle imprese per salvare l’Italia – di mentire: «Le cause di questa crisi non sono solo italiane, il problema urgente è a livello europeo»

La leader di Confindustria Emma Marcegaglia ha dichiarato l’intenzione di presentare al governo un manifesto delle imprese per salvare l’Italia, un documento pensato per rilanciare l’economia italiana attraverso la riduzione della spesa pubblica e l’introduzione di tagli studiati ad hoc. Non si è fatta attendere la replica di Claudio Borghi, docente di economia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, opinionista per Il Giornale, che questa mattina ai microfoni de Gli Spari Sopra ha preso le distanze da questa proposta giudicandola non efficace: «Chi si trova in una posizione di rappresentanza come lo è la Marcegaglia dovrebbe avere l’obbligo di dire la verità e lei non la dice. Le cause di questa crisi non sono tutte italiane, il problema urgente è a livello europeo, per questo la sua soluzione non è pertinente».

Borghi precisa infatti che «il problema non riguarda tanto la riduzione del debito pubblico quanto un problema di architettura europea» e il nodo centrale è rappresentato dai mercati finaziari: «pensiamo al Giappone, ha un debito pubblico superiore al 200% e ha dei tassi bassissimi, questo è possibile perché nessuno dubita che i titoli di Stato possano avere problemi. Invece l’Europa è l’unica di tutte le economie importanti a non avere una banca centrale che serva come prestatore di ultima istanza e quindi non è garantita da nessuno». Un esempio: «Se in Giappone ci fosse un’asta dei titoli di Stato dopo il terremoto, quindi in una situazione sociale di gravissima preoccupazione, e nessuno li comprasse, arriverebbe la banca del Giappone a comprarli. La banca centrale europea non usa questa strategia perché ha come obiettivo l’inflazione, ed ecco spiegato perché ci troviamo di fronte a questi problemi». La formula della Marcegaglia non tocca il cuore del problema, perché «prima la banca centrale deve garantire tutto il debito dell’Eurozona e solo successivamente, quando tutti i titoli di Stato saranno tornati in buona salute, si potrà a pensare regole serie per evitare che la gente faccia più debiti del dovuto pensando che poi siano altri a pagare».

Sul possibile default della Grecia poi, Borghi ha espresso tutte le sue perplessità: «se si fosse pagato tutto all’inizio, quando cioè il problema del debito pubblico era dell’ordine dei 200 miliardi, non si sarebbe speso un centesimo perché bastava una garanzia da un ente solvente. Adesso invece siamo costretti a considerare il crollo di borsa dei mercati e dei titoli obbligazionali e a parlare di un piano di tremila miliardi. Quando viene fuori un problema di questa portata lo si cura subito, solo successivamente si può discutere sulle regole per evitare che il problema si ripeta».

Ascolta il file audio

[podcast pid=20/]

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana