Google+

Boom di affidi. «Un’occasione per imparare cos’è la cultura dell’accoglienza»

novembre 23, 2012 Matteo Rigamonti

In dodici anni gli affidi sono aumentati del 42 per cento. Intervista a Rosi Serio, vicepresidente dell’associazione Famiglie per l’accoglienza

In dodici anni, in Italia, gli affidi sono cresciuti del 42 per cento: dai 25.145 del 1998 si è passati ai 29.309 del 2010. Ma ad essere aumentati, in particolare, sono gli affidi familiari, che sono passati da 10.200 a 14.528 (più 46 per cento). Mentre gli inserimenti in strutture sono praticamente rimasti stabili a quota 14 mila. Un’esperienza, quella dell’affido – sia consensuale che no –, che a molti ragazzi ha offerto e continua ad offrire la possibilità di incontrare una seconda famiglia che, senza sostituirsi a quella d’origine, permette di compiere i giusti passi per diventare uomini. «Il nostro scopo è quello di offrire ai ragazzi le giuste condizioni per la loro crescita umana e l’inserimento nella società», dice Rosi Serio, vicepresidente dell’associazione Famiglie per l’accoglienza, parlando dell’affido. «E per farlo occorre solo una cosa: la cultura dell’accoglienza».

Come si spiega questo dato?
Anzitutto è un dato che dimostra l’accresciuto riconoscimento del valore educativo e sociale dell’accoglienza, che è possibile grazie alla presenza delle molte associazioni che operano in questo campo. Quanto ai motivi, poi, è innegabile il costo irrisorio per la collettività dell’affidamento in famiglia e la dimensione economica è imprescindibile in un momento come l’attuale in cui Comuni e Regioni hanno sempre meno risorse a disposizione. Pesa certamente, infine, anche l’avvenuta chiusura dopo il 2006 degli istituti per i minori.

Tra le cause più comuni dell’affido, secondo il ministero, c’è l’inadeguatezza genitoriale (37 per cento dei casi). Cosa significa?
È un fenomeno dalle molteplici sfaccettature, difficile da semplificare, ma che certamente attiene ai limiti di uno o di entrambi i genitori nella capacità di assicurare un adeguato sviluppo educativo ai figli. Le cause possono essere di diverso tipo: variano dalla fragilità psichica o psicologica del soggetto, ad una eventuale forma di dipendenza, passando per i casi più “semplici” di mancata educazione ricevuta da parte dei loro stessi genitori.

A rientrare nella famiglia d’origine, una volta terminato l’affido, è il 34 per cento dei ragazzi. Perché?
È vero, più del 60 per cento dei ragazzi non ritorna alla famiglia di origine; ma non è un fallimento se l’affido non termina con il rientro. Lo scopo dell’affido, infatti, è quello di garantire al ragazzo un contesto familiare adeguato, che gli permetta di crescere, senza precludergli certo la possibilità di avere un giusto rapporto con la famiglia d’origine, che resta essenziale per il suo sviluppo.

Qual è il compito di una famiglia che accoglie una persona in affido?
Noi offriamo una compagnia che ha lo scopo di sostenere la possibilità di una crescita personale al ragazzo e il suo inserimento nella società. Per questo la cosa più importante è l’educazione, innanzitutto nostra, alla cultura dell’accoglienza. Solo così, infatti, possiamo partecipare alla creazione di una migliore qualità di vita nella società.

Cos’è la cultura dell’accoglienza?
L’accoglienza è una dimensione fondamentale nell’esperienza della persona. Chiunque, infatti, ha bisogno di essere accolto per sentirsi pienamente uomo. Noi cerchiamo pertanto di sostenere nei fatti l’originale desiderio e apertura che sono nel cuore di ciascuno, sperando che sempre possa avvenire l’incontro con l’altro: sia che sia un amico, un familiare o persino un estraneo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. marta scrive:

    Forse i numeri che avete scritto sono sbagliati? (non mi ritrovo con le percentuali). Grazie

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana