Google+

«Bond, James Bond», 50 anni fa nasceva il mito cinematografico dell’agente 007 Video

settembre 27, 2012 Paola D'Antuono

È passato mezzo secolo dall’uscita di “Agente 007 – Licenza di uccidere”. Da allora, tanti sono stati i volti di James Bond: da Sean Connery a Roger Moore, passando dai dimenticati Timothy Dalton e George Lazenby, fino a Daniel Craig.

50 anni fa l’affascinante Sean Connery si presentava a un tavolo da casinò, completo elegantissimo e sigaretta in bocca: «Sono Bond, James Bond». Era la prima apparizione cinematografica dell’agente inglese  007 con licenza di uccidere, nato dalla penna dello scrittore Ian Fleming nei primi anni 50. Il primo film, nonostante alcune critiche, fu un successo, e Connery e la bond girl Ursula Andress entrarono prepotentemente nell’immaginario collettivo. Da quel 5 ottobre 1962 l’agente 007 è una presenza costante al cinema.

SEI ATTORI PER UN AGENTE SEGRETO. Nonostante l’ultima interpretazione di Sean Connery risalga al 1971 (Agente 007Una cascata di diamanti), nell’immaginario collettivo il grande attore scozzese rappresenta il solo e inimitabile James Bond. Non stupisce dunque che proprio l’identificazione dell’attore con un personaggio così amato spinga Connery a dare l’addio definitivo alla serie dopo vari tentennamenti. Al suo posto arriva George Lazenby, che cerca di costruire un personaggio lontano dal primo 007, ma l’operazione non viene capita e dura solo il tempo di una pellicola. La produzione convince Connery a tornare per prendere parte alla sua sesta e ultima interpretazione, prima di presentare al pubblico Roger Moore. È difficile convincere gli spettatori che un nuovo Bond è possibile ma l’attore inglese sembra riuscirci: è infatti l’agente segreto a servizio di Sua maestà più longevo della saga, prendendo parte a ben sette film dal 1973 al 1985. Alle soglie dei sessant’anni Moore lascia il testimone a Timothy Dalton, che in passato era stato contattato in diverse occasioni ma aveva rifiutato sentendosi troppo giovane per quel ruolo. La sua esperienza dura il tempo di due film perché nel 1995 tocca a Pierce Brosnan girare Goldeneye. Con lui per 007 si apre una nuova era: i quattro film interpretati dalla star irlandese sono dei successi senza precedenti, pellicole spettacolari in cui Brosnan esprime tutte le sue qualità.

DANIEL CRAIG. Dopo venti pellicole i produttori decidono che è ora di rinnovare il personaggio e le sue storie e dar quindi vita a un reebot della serie. La caccia al nuovo e giovane James Bond si conclude con la scelta di Daniel Craig, che nel 2006 recita in Casino Royale. Il suo Bond rude, violento, iper muscoloso, metrosexual e anche un po’ inesperto riesce a catturare anche il pubblico più giovane. L’esperimento è riuscito e si ripete due anni dopo con Quantum of Solace.   Dopo averlo visto di recente accanto alla regina Elisabetta nella cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Londra, Daniel Craig è atteso al cinema il prossimo 31 ottobre nel 23esimo film della saga, Skyfall, diretto da Sam Mendes, e che vede finalmente la luce dopo varie peripezie produttive.

DONNE, ALCOL E MOTORI.  Daniel Craig guiderà una splendida Aston Martin (la DB5), come tutti i suoi predecessori, ma non potrà più gustarsi il mitico Martini agitato. I tempi e il marketing cambiano e 007, 50 anni dopo, dovrà accontentarsi di una comunissima birra Heineken. E le donne? Le Bond girl sono il cuore pulsante del film, le uniche “distrazioni” che ama concedersi Bond e a cui non riesce a resistere, specie “quando una bella donna lo sorpassa in velocità». In Skyfall le bellezze al fianco dell’agente segreto saranno Bérénice Marlohe, attrice francese semisconosciuta in Italia, e l’inglese Naomie Harris. Chissà se avranno almeno un po’ dell’appeal e della sfacciataggine sexy di Ursula Andress e Carole Bouquet.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.