Google+

Bonanni e Angeletti: «La scelta di Fiat non è una minaccia per i lavoratori»

novembre 23, 2011 Massimo Giardina

Il segretario della Cisl Raffaele Bonanni e quello della Uil Luigi Angeletti intervengono a Radio Tempi e commentano la scelta di Fiat di recedere «da tutti i contratti collettivi aziendali e territoriali»

Cisl e Uil non si scandalizzano per la disdetta degli accordi vigenti comunicata da Fiat con effetto dal gennaio 2012. Luigi Angeletti (Uil) e Raffaele Bonanni (Cisl), intervistati da Radio Tempi, non comprendono l’atteggiamento della Fiom che ha proclamato degli scioperi nell’immediato futuro a seguito della decisione adottata dai vertici del Lingotto. «La scelta di Fiat non è una minaccia per i lavoratori» replica Bonanni. «Come al solito, da alcuni emergono delle ragioni ideologiche che nulla hanno a che fare con le esigenze proprie dei lavoratori». Gli fa eco Angeletti: «La Fiom pretende di violare lo spirito della Costituzione e la sostanza dello Statuto dei lavoratori, per cui non ci possono essere situazioni di vantaggio per i sindacati. La Fiom pretende che valgano solo i diritti e non gli impegni assunti dalle altre sigle sindacali. Così però si violerebbe il principio costituzionale della parità».

Il segretario della Cisl rileva che Fiat «da quando ha deciso di uscire da Confindustria non ha più vincoli». È libera quindi di stipulare un contratto con i propri lavoratori senza doversi attenere a quello nazionale, che vede come intermediario Confindustria. «Non è il primo caso in cui si apre una contrattazione sindacale per una singola azienda: è successo anche con Poste o Enel, per citare qualche esempio». Per Angeletti la mossa di Marchionne «non è una sorpresa, noi lo avevamo già detto più di un mese fa. Fiat, avendo lasciato Confindustria, non ha più nessun obbligo nei confronti del contratto dei metalmeccanici. A questo punto i nostri riferimenti per il futuro saranno i contratti stipulati per Pomigliano e Mirafiori».

Ascolta l’intervista a Luigi Angeletti (Uil)
[podcast pid=103/]

Un altro punto che accomuna i segretari di Cisl e Uil riguarda il futuro: entrambi giudicano le organizzazioni centralizzate del ventesimo secolo obsolete e ritengono che sia giunto il momento di riformare il diritto del lavoro. Per Angeletti «bisogna fronteggiare un mondo diverso. L’azione sindacale deve essere sempre di più spostata verso il territorio, verso le imprese. L’azione del sindacato non è quella mediazione politica di appelli sistematici ai governi, come si vede ogni giorno sui media, ma dev’essere un’azione sindacale che agisce sul territorio. I sindacati centrali e Confindustria non sono coincidenti con la realtà».

Sulla stessa linea, il segretario della Cisl Bonanni afferma che «un sindacalismo burocratico, fatto funzionare solo dal centro, non serve bene la causa dei lavoratori. Il sindacalismo è costituito dal protagonismo dei delegati nel posto di lavoro: il luogo decisivo è l’azienda». «Si deve riformare»: così conclude Angeletti, che insieme a Bonanni auspica un dialogo con il governo Monti per contribuire ad un serio dialogo nel tavolo delle riforme. «Le leggi sono un prodotto degli uomini e quindi per definizione sono perfettibili».  
Twitter: @giardser

Ascolta l’intervista a Raffaele Bonanni (Cisl)
[podcast pid=100/]

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. paolo delfini scrive:

    SONO D’ACCORDISSIMO SULLA MODERAZIONE DA PARTE DI CISL E UIL, MA STIAMO ATTENTI A NON SANTIFICARE LA ATTUALE DIRIGENZA FIAT,ANCHE DA PARTE DI ESSA SERVE MAGGIORE AMOR PATRIO, SENZA VOLER ESSERE RETORICO

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana