Google+

Le bombe, i rapimenti, la crudeltà dei ribelli. Storia di Dimah, cristiano siriano profugo in Italia. «Quello che scrivete sulla guerra è falso»

giugno 10, 2014 Leone Grotti

Quando i ribelli sono arrivati a Damasco è scappato con la famiglia. Faceva l’orefice e i jihadisti gli hanno rubato tutto. Vive grazie alla Caritas e agli zii

Prima che scoppiasse la guerra nel 2011, Dimah (nome di fantasia che usiamo per ragioni di sicurezza) viveva a Damasco con la moglie e i due figli. Gli attacchi dei ribelli, i razzi quotidiani lanciati a pochi metri da casa sua e le autobombe degli attentatori kamikaze hanno sconvolto la sua vita, come quella di milioni di altri siriani, e l’hanno costretto a scappare. Dimah, 50 anni, si è rifugiato in Italia, vive con la famiglia a Matelica e ha accettato di raccontare a tempi.it la sua storia.

L’ARRIVO DEI RIBELLI. Come molti altri cristiani, Dimah viveva nel quartiere di Bab Touma nella capitale. Faceva l’orefice, ma quando «i ribelli sono riusciti a prendere le periferie di Damasco sono entrati anche nel mio negozio: mi hanno rubato tutto, circa 15 chili d’oro, e poi hanno distrutto il locale».
La perdita del lavoro non ha scoraggiato Dimah, che ha deciso di scappare solo quando la sua vita, quella della moglie e delle due figlie di otto e quattro anni è stata messa davvero in pericolo: «Hanno cominciato presto a lanciare razzi. Non c’era giorno che non ne arrivasse uno, anche a soli dieci metri da casa mia. Per due anni non siamo usciti di casa, per paura di essere uccisi da una bomba, poi ho capito che era giunto il momento di scappare: come potevamo andare avanti così?».

DA DAMASCO A MATELICA. Il 29 maggio 2013, alle quattro di mattina, Dimah e la sua famiglia sono partiti: «Sono stato fortunato. Io ho il passaporto italiano perché ho vissuto in Italia 15 anni, altrimenti nessun paese ci avrebbe fatto entrare. Un amico tassista mi ha aiutato e ci ha portato in Libano. Da lì siamo arrivati in questo paese e da un anno viviamo in un piccolo appartamento a Matelica, dove dei miei zii ci stanno aiutando a tirare avanti».

«MI HANNO RUBATO TUTTO». Dimah ha lasciato a Damasco i suoi genitori: «Non potevo portare anche loro. Sono vecchi e soprattutto non ho più soldi. I ribelli mi hanno rubato tutto, ho lavorato per 30 anni ma non ho più una lira, come dite voi. Loro odiano noi cristiani, forse perché il presidente Assad ci aiuta o perché siamo buoni e tranquilli. Questi sono mercenari arrivati da fuori per ammazzare la gente. Dicono che vogliono la pace ma non è vero. A Maloula hanno distrutto tutto, i miei genitori avevano là una casa: l’hanno saccheggiata e poi bruciata».

I RAPIMENTI. Ognuno in Siria ha in famiglia una tragedia da raccontare, storie di violenza legate agli orrori della guerra. Anche Dimah ne ha tante e ne racconta alcune: «La sorella di mia moglie è sposata, il fratello di suo marito è stato rapito e picchiato. Anche lui faceva l’orefice: gli hanno rubato la macchina e svuotato il negozio, poi quando hanno capito che non aveva più niente per fortuna l’hanno rilasciato. Al cugino di mio padre non è andata così bene: l’hanno rapito per strada, picchiato a sangue e chiesto alla famiglia 50 milioni siriani di riscatto. Quasi un milione di euro. Per loro era troppo e così si sono messi d’accordo per un riscatto di 20 milioni siriani. La famiglia ha pagato e i ribelli hanno liberato l’uomo, che è morto appena sei ore dopo per le troppe percosse subite: per un mese non hanno fatto altro che pestarlo tutti i giorni».
Ecco perché «anch’io sono scappato. Temevo che questo succedesse anche a me e alla mia famiglia. Questi casi noi li abbiamo vissuti sulla nostra pelle, ma tutti hanno una storia simile da raccontare».

siria-islam-crocifissione-raqqa-cristianiIL DRAMMA DEL LAVORO. Nonostante le difficoltà, oggi la famiglia di Dimah si trova bene in Italia: «È stato un trauma lasciare la Siria, ma le mie figlie quest’anno sono andate a scuola: la più grande parla e scrive bene l’italiano, fa la terza elementare e va benissimo. La più piccola va all’asilo ma già parla bene l’italiano». Restano i problemi economici: Dimah sopravvive solo grazie all’aiuto dei suoi zii. «Loro stanno facendo tutto per me. Anzi di più. Io non ho più niente, vorrei un lavoro per dare da mangiare alla mia famiglia ma non l’ho ancora trovato. Grazie a Dio il vescovo e la Caritas ci danno una mano: mi aiutano a cercare lavoro e ci mandano un po’ di alimenti per mangiare. Tengo duro per le mie figlie: loro non c’entrano niente. Ma io voglio lavorare, non sono abituato a vivere così».

«QUELLO CHE SCRIVETE È FALSO». La sua speranza è di tornare in Siria un giorno: «Spero che ritorni la pace ma la guerra va avanti da più di tre anni e non si sa quando finirà. Non so neanche se tornerò mai in Siria». Al dolore per il suo paese e la sua condizione se ne aggiunge un altro: «Quello che si dice in Italia sulla guerra in Siria è completamente falso. I giornali scrivono che la gente come me scappa da Assad e dallo Stato ma non è vero. I ribelli dicono di essere venuti per la pace e invece ammazzano e distruggono tutto. Due mesi fa è morta una mia cugina di primo grido di 11 anni. Camminava per strada quando è esplosa un’autobomba. La sua famiglia è viva per miracolo. Ho dei filmati che ritraggono i ribelli che tagliano la testa alla gente e poi ci giocano a calcio. In che cosa crede questa gente? Come fate voi a sostenerli?».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Hector Hammond says:

    «Come fate voi a sostenerli?».
    Forse la risposta è il semplice , tipico prostarsi all’america dell’europa e dei suoi politici, giornalisti,intellettuali…

    • augusto says:

      Hai ragione Hector. La cosiddetta “elite” del “democratico ” occidente combatte quei carnefici di Assad e suoi, e aiuta quei sinceri,democratici ed idealisti che vogliono portare pace e benessere in Siria, cioè quei branchi di assassini esaltati quali sono le milizie islamiste.Grazie a Dimah per la sua drammatica e coraggiosa testimonianza.

      • Hector Hammond says:

        Grazie Augusto :), fa piacere non sentirsi soli.Nel mondo cattolico temo che alcune problematiche non vengano recepite o non ci sia voglia di rendersene conto.Nella parrocchia che frequento parlare di determinati argomenti è off limits.

  2. augusto says:

    La drammatica testimonianza di Dimah è commovente.Comunque la maggior parte degli Europei sa come stanno le cose in Siria,Invece media e politici vogliono farci credere che Assad e i suoi siano carnefici, mentre i “ribelli” sarebbero tutti giovani idealisti, democratici e “moderati” che vogliono portare pace e benessere in Siria, Certe nenie di regime non convincono piu, e i “democratici” vertici occidentali un giorno dovranno rendere conto alla Storia ,e spero anche davanti a qualche Tribunale, del fatto di aver supportato, foraggiato e armato bande di feroci assassini.Altro che “primavere” arabe !

  3. Ale says:

    Forse come hanno creato la “crisi economica” per guadagnare sulla pelle della gente così creano le guerre per far guadagnare le aziende che producono fucili e bombe, quasi sempre Made USA, uccidono e sottraggono beni, svalutati dalla guerra, per poi far cosa?! Controllo globale?! Nuovo Ordine Mondiale?! Quello del Petrol-dollaro. Gheddaffi sarà stato un pazzo, cane sciolto, ma voleva fare “gli Stati Uniti d’Africa” e vendeva il petrolio a chi voleva..pestando i piedi agli USA. Saddam in Irak permetteva libertà di culto. Come stanno oggi in Irak? Non si sente più niente.. Se non fai quello che dice lo Zio Sam sono guai..

    • Hector Hammond says:

      Io vedo la crisi economica come una metamorfosi creata ad hoc per mutare il mondo in un luogo non più illuminato dai valori cristiani , ma da altri referenti.La sincronia che c’è tra crisi economica, immigrazione di proporzioni bibliche, propaganda omofila, guerre in funzione antiRussia ,unica nazione dove resiste un sentir cristiano che incida a livello politico(vedesi leggi “omofobe”) non riesco a spiegarmela solo come una semplice coincidenza.

  4. Ale says:

    La stampa e le TV sono loro asservite..lo sanno anche i bimbi. Siamo una colonia USA.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download