Google+

Boko Haram è come lo Stato islamico, se non peggio. Ha già ucciso oltre 4 mila persone nel 2015

luglio 19, 2015 Leone Grotti

Nel 2014 i jihadisti in Nigeria hanno ammazzato 9 mila persone. Mentre l’Occidente è indifferente, i fedeli resistono: «La Chiesa è nata con la persecuzione e il sangue dei martiri»

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

James Yaduma sapeva che sarebbero arrivati, che era solo questione di tempo. L’uomo nigeriano viveva a Zha, piccolo villaggio nello stato settentrionale di Adamawa, vicino alla città di Mubi, da poco conquistata dai terroristi di Boko Haram e ribattezzata “Madinatul Islam”, la Città dell’Islam. Un venerdì, a notte fonda, è stato svegliato da raffiche di kalashnikov e ha capito tutto in un attimo. Al Daily Post, giornale locale, ha raccontato: «Hanno cominciato a sparare in modo indiscriminato contro la gente che cercava di scappare. Ne hanno uccisi tanti. Poi sono arrivati a casa mia: i miei genitori erano troppo vecchi per fuggire. Li hanno presi, insieme ad altri miei parenti, hanno acceso un falò e li hanno gettati dentro vivi. Li hanno bruciati vivi».

Il racconto di Yaduma non impressiona più nessuno in Nigeria: solo negli ultimi due anni ci sono stati così tanti massacri da parte dei jihadisti, che ormai in pochi si prendono la briga anche solo di contarli. L’anno scorso Boko Haram ha ucciso più di 9 mila persone, tante quante lo Stato islamico. Dal primo gennaio a oggi, secondo i dati raccolti all’interno del progetto americano Acled, ha già massacrato almeno 4 mila persone: 240 in Camerun, 57 in Ciad, 220 in Niger e oltre 3.400 in Nigeria. Gli sfollati si aggirano intorno ai due milioni. Ma le stime vengono compilate al ribasso perché «le vittime sono troppe per essere contate» e spesso il governo nasconde il numero reale dei morti.

Come a Baga: la città dello Stato settentrionale di Borno è stata rasa al suolo l’8 gennaio. I jihadisti hanno distrutto 3.700 edifici, testimoni oculari hanno detto di essere scappati tra file di centinaia di cadaveri ammassati nelle strade. C’è chi ricorda «i corpi sparsi ovunque», chi rivede ancora «i bambini uccisi e quella donna colpita mentre stava partorendo. La metà del bambino era già uscita. È morta così, insieme al neonato». Se alcune fonti parlano di 2 mila morti, il governo abbassa la cifra a 150. Qual è la verità? Impossibile dirlo, sta di fatto che una città di 10 mila abitanti è sparita in un solo giorno.

Ma forse i numeri, che rischiano sempre di trasformare un dramma in un problema di contabilità, non sono neanche così importanti. Più degli uomini sgozzati, delle donne lapidate, delle mani mozzate, dei bambini usati come kamikaze dai jihadisti, delle chiese e moschee rase al suolo, sono i piccoli dettagli quelli più importanti. Idriss Dezeh fa parte della Commissione di accoglienza che il Ciad ha messo in piedi per accogliere centinaia di nigeriani fuggiti dalla città di Baga nello Stato confinante. Ha visto decine di disperati, ma le è rimasta impressa nella memoria una persona: «L’altro giorno un uomo è venuto a farsi registrare, io gli parlavo ma lui non mi ascoltava: piangeva e basta. Non aveva più nessuno, i Boko Haram avevano lanciato una granata dentro casa sua uccidendo sul colpo la moglie e i tre bambini».

Storie come questa arrivano un giorno dopo l’altro dalla Nigeria e dai paesi confinanti, come il Camerun. Nelle zone più bersagliate dalle incursioni islamiste, le comunità fuggono e «lungo le strade giacciono teschi umani». Il vescovo camerunense Bruno Ateba, titolare della diocesi di Maroua-Mokolo, sintetizza così: «Ciò che è successo a Parigi durante gli attacchi a Charlie Hebdo, noi lo sperimentiamo ogni giorno».

Boko Haram è un gruppo fondato nel 2002 a Maiduguri, capitale dello Stato di Borno, dall’imam radicale Mohammed Yusuf. Il suo nome significa “L’educazione occidentale è peccato” ed è nato come movimento anti-corruzione. Si è accattivato il favore del popolo denunciando la sterminata corruzione dei governi nigeriani, l’eredità del colonialismo britannico e l’incapacità di porre fine alla povertà dilagante nonostante i proventi milionari del petrolio. Nel tempo, il suo obiettivo è diventato quello di rimettere in piedi il vecchio califfato di Sokoto e imporre come legge la sharia, cacciando dal nord prevalentemente musulmano della Nigeria tutti i cristiani.

Dal 2009, per raggiungere questo scopo, l’organizzazione ha cominciato a usare il mezzo terroristico. Soprattutto sotto l’attuale leadership di Abubakar Shekau, che rilascia messaggi di questo calibro: «Tutte le persone del mondo devono sapere che è in atto il jihad contro i cristiani e la cristianità. È una guerra contro l’educazione occidentale e la democrazia». Nell’estate del 2014 i terroristi hanno cambiato strategia, cominciando a occupare le città invase. In pochi mesi, i jihadisti hanno giurato fedeltà allo Stato islamico di Abu Bakr al Baghdadi, dichiarato la nascita di un Califfato e conquistato decine di città per una superficie pari a 30 mila chilometri quadrati (come quella del Belgio) negli stati settentrionali di Borno, Yobe e Adamawa.

Campagna emotiva e mediatica
Tutto questo è stato fatto nella totale indifferenza della comunità internazionale, che si è risvegliata solo quando i jihadisti hanno rapito dalla piccola città di Chibok circa 300 ragazze, 276 delle quali, se vive, sono ancora nelle mani dei terroristi. Il sequestro è avvenuto nell’aprile del 2014 e su Twitter è subito partita la campagna efficacissima, dal punto di vista mediatico, e inutile, da quello pratico, “Riportiamo a casa le nostre ragazze”. Tutti i leader del mondo, Michelle Obama in testa, hanno postato foto con in mano un foglio e la scritta con tanto di hashtag: #BringBackOurGirls. Poi, come spesso accade, tutti si sono dimenticati di quelle ragazze (e delle altre 2 mila rapite da Boko Haram nel 2014), salvo rispolverare ogni tanto lo slogan.

Ma alla Nigeria non serve un hashtag, come ricordato pochi mesi fa da monsignor Oliver Dashe Doeme, vescovo di Maiduguri: «Una campagna militare di comune accordo, guidata dall’Occidente, è necessaria. L’Occidente dovrebbe fare intervenire forze di sicurezza terrestri». Per comprendere la preoccupazione del vescovo bisogna leggere il bilancio di questi anni della sua diocesi: più di 2.500 cattolici uccisi, 100 mila sfollati, 26 sacerdoti sui 46 operanti evacuati, oltre 200 ragazze rapite, più di 50 parrocchie distrutte, una quarantina occupate da Boko Haram, 4 conventi su 5 abbandonati, mentre tanti sono stati costretti a convertirsi all’islam.

Ma dove sono finiti gli uomini e gli esperti promessi dagli Stati Uniti nel maggio 2014 per sconfiggere Boko Haram? E l’intelligence della Gran Bretagna? E la «squadra specializzata dotata di tutti i mezzi a nostra disposizione» della Francia? E gli aiuti assicurati da Italia e Cina? E quelli garantiti dall’Unione Europea? Svanito l’appeal mediatico del rapimento, tutti si sono dileguati. E dire che Boko Haram non è meno pericoloso dello Stato islamico, anzi. Quando l’esercito regolare ha liberato alcune province del neonato Califfato nigeriano, compresa Mubi, ha potuto raccogliere le prime testimonianze degli abitanti. Tutti i negozi erano stati razziati, le donne costrette a velarsi, a chi rubava le mani venivano tagliate in piazza, ciascuno era controllato e interrogato ogni giorno, tanti i morti di fame. Le persone uccise da Boko Haram non venivano seppellite, ma lasciate per terra. Di conseguenza, le vie erano invase dal tanfo dei corpi in putrefazione. «Anche l’acqua potabile era quasi introvabile, i pozzo erano pieni di cadaveri».

nigeria-acn

«La fede vince tutto»
Non ricevendo aiuti dalla comunità internazionale, i nigeriani a marzo hanno eletto presidente Muhammadu Buhari, 72 anni, ex dittatore musulmano del paese dal 1984 al 1985. Nonostante il passato disastroso di Buhari, tutti sperano che l’ex generale, per quanto favorevole alla sharia, essendo esperto di cose militari sia in grado di sconfiggere la minaccia terroristica. Negli ultimi mesi, decine di città sono state riconquistate dall’esercito regolare, con l’aiuto dei soldati di Niger, Ciad e Camerun. I jihadisti sono stati costretti a rifugiarsi nella loro roccaforte, la foresta di Sambisa. Ma la minaccia è tutt’altro che debellata.

Dal 29 maggio, quando è iniziato ufficialmente il mandato di Buhari come presidente, Boko Haram ha ucciso più di 600 persone, 210 solo nell’ultima settimana: una media di 15 vittime al giorno. Gli attentati hanno distrutto chiese e moschee senza distinzioni. Ignatius Kaigama, arcivescovo di Jos e presidente della Conferenza episcopale nigeriana, ha descritto così il modus operandi dei terroristi: «La vita, per loro, è niente; non gli importa nulla della loro vita: è inutile. Vanno in chiesa, vanno al ristorante, vanno al mercato, vanno a scuola e mettono le bombe. Ciò significa che la loro filosofia di vita è irrazionale».

Davanti a questa minaccia che sembra inarrestabile, la risposta dei cristiani testimoniata a Roma da padre Peter Kamai, rettore del seminario di Jos, è sorprendente. «La fede vince tutto. Tante persone mi dicono: “Padre, preferiamo morire in chiesa piuttosto che a casa”. Ogni domenica trovo le chiese piene di gente. È proprio vero che il sangue dei martiri è il seme dei cristiani. La Chiesa è nata con le persecuzioni e non dobbiamo mai dimenticarlo. L’ultima parola è la frase di Gesù: “Io ho vinto il mondo”. Noi in Nigeria facciamo esperienza di questo. La cosa che mi stupisce maggiormente è vedere che la gente non ha paura». Una testimonianza che può sconfiggere, usando le parole del vescovo Kaigama, «la violenza aberrante e inimmaginabile» di Boko Haram. Anche se un sostegno è necessario: «Se gli Stati Uniti ci aiutano, perché Boko Haram cresce? Perché la loro strategia migliora? Mi domando quale sia la qualità degli aiuti che ci danno».

Foto Ansa e Acs


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    Non è possibile! Ma scusate: credevate davvero che la campagna salottiera di bringbackourgirls avesse seriamente qualche obiettivo concreto? Ma quando mai…
    Beh, a dire il vero, qualche obiettivo ce l’aveva, e l’ha pienamente raggiunto: la visibilità mediatica di tanti insulsi/e, i quali nemmeno dieci giorni dopo avevano altro a cui pensare.

  2. Menelik scrive:

    «Una campagna militare di comune accordo, guidata dall’Occidente, è necessaria. L’Occidente dovrebbe fare intervenire forze di sicurezza terrestri».

    Si vis pacem, para bellum dicevano i Latini: se vuoi la pace, sii pronto alla guerra.
    Chi non è in grado di sostenere una guerra, non avrà MAI pace e vivrà in stato di schiavitù.
    Mai frase fu più veritiera di questa, e l’indifferenza dell’occidente fa schifo.
    Se ci fosse stato qualcosa da depredare, l’occidente sarebbe in prima fila, inventandosi storie come “portare la democrazia”, “restore hope” e baggianate varie.
    Non essendoci nulla da sfruttare, alla grandi democrazie neocoloniali, non potrebbe fregargliene di meno.

    • Raider scrive:

      Poi, però, se gli Occindetali intervengono, sono – per tutti, compresa la pubblica opinione nostrana e i media – invasorineo-colonialisti che lo fanno per il vil denaro. La colpa è sempre dell’Occidente, anche se gli interessi degli altri ci sono: Cina, Brics, O.N.U., Lega Mondiale Islamica, disinteressati sponsor della pace e del bene, che ci stanno a fare? Mettano assieme una forza d’intervento rapido e vedrrte che nessuno fiaterà. Possibile, invece, che, intervenga o se ne stia a casa, la colpa sia sempre e solo dell’Occidente?
      Comunque, inutile prendersela con gli altri, diciamolo a Renzi a alla Mogherini. Cavolo! Con commander-in-chief della loro stoffa, la pace è a posto! Mandiamoci loro, contro Boko Haram: appena lo sapranno, chissà come si squaglieranno quei jihadisti!

      • Menelik scrive:

        Raider, bisogna riconoscere però che:
        1) se gli USA, regnante Bush, non avesse preso la sciagurata decisione di riattaccare la guerra con l’Iraq che si era GIUSTAMENTE ED INTELLIGENTEMENTE fermata alla frontiera del Kuwait nella prima fase, Al Quaeda non avrebbe avuto l’invito a nozze, perché Saddam Hussein a quelli di al Quaeda li arrestava e li faceva sparire dopo averli interrogati in malo modo, e dopo Al Queda non sarebbe venuto l’isis, composto per lo più di ex del partito Baath di Saddam + i sunniti disgustati della politica settaristica di Al Maliki, fondata sulla corruzione.
        2) se gli USA non si fossero messi in testa di tentare di spodestare Assad l’isis non avrebbe avuto un terreno così fertile, e probabilmente i loro aderenti non avrebbero avuto una aspettativa di vita così lunga dunque non avrebbero avuto l’opportunità di fare i danni che stanno facendo.
        3) se gli USA non avessero dato il permesso a Francesi ed Inglesi di fare fuori Gheddafi l’isis non avrebbe avuto l’ennesima occasione di fare quello che stanno facendo in Libia, per giunta noi non avremmo un numero così alto di profughi che bussano alle nostre coste mentre la Francia, responsabile diretta di questa situazione, gli sbatte la porta in faccia, alla faccia di libertè egalitè fraternitè.
        Per quanto riguarda l’Africa lì le cose sono un po’ diverse, ma anche lì abbiamo le mani in pasta, tra ricatti abortivi e politiche luride (gli unici che si sono comportati bene, seriamente ed onestamente sono i missionari, gli altri hanno fatto schifo col loro materialismo affaristico neocoloniale spennellato di umanitarismo).
        E per ultimo ci vogliono anche intricare in una avventura contro la Russia per minare le relazioni commerciali che abbiamo con Putin, nostro fornitore di metano, col malcelato scopo di ridurci ad acquistare lo shale gas americano, e di guastare le relazioni con l’omofobo Putin e col Kazakistan, Paese ricchissimo di petrolio, uranio e minerali che ci farebbero molto comodo.
        Addio idrocarburi dalla Libia, ci vogliono far dare l’addio a quelli della Russia e tagliarci fuori dal Kazakistan…….ma pensano che abbiamo scritto ebete in fronte?
        Io sono un perito industriale, non un sociologo lgbt, e da perito industriale ragiono.
        Metterci contro Putin, è la cosa più stupida che potremmo fare.
        E chi soffia sulle braci per mettere l’Europa contro Putin, si è fatto bene i conti in tasca, non temere.
        Il mondo è diviso n due: chi vende le risorse strategiche, e chi le deve acquistare.
        Ed in quanto ai verdi, possono anche andare a divertirsi al luna park.

        • Raider scrive:

          Caro Menelik, scrivi cose che richiederebbero, per risponderti, più tempo di quanto io possa attualmente trascorrerne davanti al computer. Osservo, en passant, che io farei i salti mortali per lo shale gas o qualunque alta cosa non comporti danni o rischi ambientali superiori a quelli che ci costano gli idrocarburi, a parte il pezzo di listino cui li paghiamo.
          Shale gas e shale oil? Magari! O pensi che sia meglio dipendere dai sauditi e un domani, Dio non voglia, dagli iraniani, che si faranno l’atomica grazie ai Brics che, dai e dai, non muovono un dito contro i jihadisti per debellarli, intendo? Brics che i loro affari li curano, eccome, anche laddove gli occidentali ci rimettono faccia, soldi e soldati.
          O dovremmo dipendere dal Kazakistan, dici? Nel momento in cui l’Iran si dota di atomiche e gli equilibri interni al mondo arabo-islamco mutano e il Medio Oriente nuclearizzato vedrà la tensione crescere e le forze anti-occidentali avanzare a raggio di gittata dei missili puntati sulle nostre teste, quanto pensi che resisterebbero il Kazakistan e le nazioni centro-asiatiche a forte presenza islamica al richiamo di un Califfato turanico e/o iranico?
          E Putin? Per quanto mi consta, l’ho difeso e lo difenderò come ho fatto, bensì distinguendo da caso a caso: ma la sua compiacenza verso il mondo islamico gli si ritorcerà contro, vedrai, presto o tardi, con i tassi di incremento demografico e migratorio che condannano la Russia come condannano tutti noi che viviamo in Europa.
          Perché la minaccia globale, per tutta una serie di ragioni storiche, politico-culturali, teologiche, economiche, è l’Islam. E senza entrare nel merito del tuo discorso punto per punto, che l’Occidente sia in errore comunque agisca, per islamici e filo-islamici, ne è una prova: e se non ti sembra sia così, rimane, comunque, una cosa molto strana, la colpevolizzazione dell’Occidente e solo dell’Occidente. Da questa paranoia ideologica per cui l’Occidente è il concentrato di tutte le storture, a ogni buon conto, ci si difende in un solo modo: avendo chiaro questo punto decisivo:
          NO ALL’ISLAM!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana