Google+

Zuppe, star e lattine: Andy Warhol in mostra ad Aosta

dicembre 5, 2011 Mariapia Bruno

Famoso al pari di molte star della musica, di cui condivideva l’animo rock, Andy Warhol ha conquistato il mondo con le sue serigrafie, i suoi multipli e le sue stampe multicolor. Ottanta lavori del re della Pop Art sono esposti in questi giorni nelle storiche sale del Centro Saint-Bénin di Aosta, dove si potranno ammirare preziosi pezzi creati tra il 1957 e il 1987 e provenienti da ventitrè collezioni, che documentano lo straordinario percorso artistico di questo personaggio chiave del XX secolo. «La mostra – sottolinea l’assessore all’istruzione e alla cultura della regione Valle d’Aosta Laurent Viérin – costituisce un omaggio a un artista cruciale e amatissimo dal pubblico, ma anche un momento di riflessione sulla comunicazione di massa e sul significato dell’arte nella società di oggi».

 

Attraverso l’uso ripetitivo, decontestualizzato e su vasta scala di immagini pubblicitarie di noti prodotti commerciali, Coca Cola e Campbell’s Soup su tutti, e di immagini di forte impatto come la sedia elettrica, Warhol svuota di ogni significato le sue rappresentazioni. La sua è un’arte fortemente provocatoria che nasce da una personalissima idea di democrazia sociale, concetto base della Pop Art, secondo il quale l’oggetto artistico deve essere un bene di consumo, come uno dei tanti prodotti commerciali.

 

La rassegna, curata da Francesco Nuvolari, mette insieme una serie di memorabilia, pezzi unici come gli Space Fruits (Peaches, 1978, pezzo unico), i Carton Box e i Flowers. Non mancano le celeberrime Campbell’s Soup Cans, accostate a un sacchetto da spesa in carta del 1966 con serigrafato il logo Campbell’s e un paio di scarpe in pelle con simile decorazione, distribuito allo Studio 54 nel 1978. E ancora le copertine di riviste e le cover discografiche più famose e ambite dai collezionisti, The Rolling Stones, Sticky Finger del 1971, una copertina di Lp originale, autografata da Warhol e da Mick Jagger e The Velvet Underground and Nico del 1967. Una straordinaria collezione in mostra fino all’11 marzo 2012.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana