Google+

Zsolt Bodoni e gli statuari eroi dalla bellezza tetra

novembre 9, 2011 Mariapia Bruno

Le sue opere potrebbero sembrare una versione meno “arrabbiata” di Francis Bacon: i colori sono quelli, forti e cupi, i soggetti affini, crudi e quotidiani. Ma Zsolt Bodoni ben si discosta dal dublinese maledetto affacciandosi, da giovane ungherese classe 1976, in maniera decisa sulla scena artistica contemporanea. Operante a Budapest, l’artista sta conoscendo un non indifferente successo. Dopo aver esposto a New York, Los Angeles e Londra arriva alla Brand New Gallery di Milano che, in contemporanea con la mostra di Shinique Smith, gli dedica la prima personale italiana intitolata Remastered, che sarà visibile dal 10 novembre al 22 dicembre 2011.

 

Nelle sue opere Bodoni analizza l’uso delle immagini da parte del potere come forma di propaganda del proprio status ed esplora, rifacendosi a soggetti antichi e mitologici, l’iconografia monumentale di una bellezza tetra. Ecco da dove nasce il riciclaggio dell’eroe in parallelo con l’ascesa e la caduta degli imperi e dei regimi. La statuarietà del mondo antico allude anche alle divinità mortali della cultura odierna delle celebrità. Questi archetipici personaggi compiono un ciclo di costruzione e distruzione, una metamorfosi che li porta ad una nuova rigenerazione. Reinterpretando opere chiave della storia dell’arte e contaminandole con elementi bellici, Bodoni crea stanze cavernose abitate da cavalli con maschere a gas, languidi nudi, animali selvaggi e macchine da guerra. Bellezza e morte, eterne tematiche di arte e poesia, sono sempre costanti. Un incontro altisonante e pretenzioso. 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva alla seconda generazione e cambia tutto: motori, interni, estetica (911 style). La Panamera ripropone un mix vincente in salsa decisamente più moderna. Limousine quando serve sportivissima quando si vuole ha prestazioni da supercar e comfort eccellente. E se provi il launch control…

Tiratura diabolicamente limitata per la nuova special di Borgo Panigale. Con i suoi dettagli si riallaccia al filone steampunk

Ducati punta allo stile americano a cavallo degli anni ’60 e delle Baja, maratone fuoristradistiche nel deserto tra California e Messico; la Desert Sled non è una semplice rivisitazione estetica, ma un modello nato con le giuste caratteristiche per divorare sabbia e resistere agli scossoni dell’offroad.

L’Ovale Blu ha inaugurato a Milano uno spazio temporaneo per seguire e commentare le puntate di MasterChef Italia. Aperto agli specialisti delle piazze on line ma non solo, basta registrarsi sul sito

La celebre coppia di agenti ritorna, stavolta sul grande schermo dei cinema. Ecco il primo trailer della pellicola che debutterà il 24 marzo negli Stati Uniti e il 20 luglio in Italia

banner Mailup
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana