Google+

Vivere la fede a Milano come in Paraguay

settembre 8, 2017 Aldo Trento

padre-aldo-trento-bambine

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Grazie padre per testimoniarci costantemente i frutti della fede in Cristo. Spesso qui a Milano nei volti della gente c’è un grande sconforto e una domanda: «Dio agisce, sta agendo? Io ho abbastanza fede?». Ci aggiunga la gran confusione dottrinale… in molti stiamo facendo fatica anche a capire se ci sono o meno interventi del Papa che ci confermino nella fede. Da parte mia, vivo un forte disorientamento vocazionale.
Mario

Caro amico, primo: se è vero che a Milano c’è una delusione visibile nei volti delle persone la questione è personale e solo personale, perché la fede è un rapporto personale tra “l’io” e Gesù. In un mondo decristianizzato, don Luigi Giussani ci provocava invitandoci a domandarci: “Chi è Gesù per me?”.

Il problema non è Milano e i suoi abitanti, ma personale: “Chi è Gesù per te, padre Aldo, e chi è in questo momento in cui la croce che porti è troppo pesante per non sentire la voglia di lasciarla?”. Anche Gesù in un momento di “sconforto” nel Getsemani, gridò: «Padre, se è possibile, allontana da me questo calice», e sulla croce: «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?». Tuttavia, in questa disperazione che lo ha portato a sudare sangue nel Getsemani, ha detto: «Sia fatta la Tua volontà, non la mia». Permettimi di dirti che il Padre agisce in ogni momento della tua vita e quella di tutti, ma è la tua mancanza di fede che ti spinge a dubitare. Il volto triste, deluso dei cristiani era già denunciato nel XIX secolo da Nietzsche, che non era milanese.

«Signore, aumenta la mia fede» e il Signore ti ascolterà. Il problema non è Milano, siete voi, come per me non è il Paraguay o il volto dei cattolici paraguaiani, ma la mia intimità con Gesù. Quanto più questa intimità è profonda, tanto più Dio agisce intorno a me. Più intenso è il mio rapporto con Gesù, più divento un dono per tutti. Mi accorsi di questa verità quando, in occasione dei miei 46 anni di sacerdozio, il presidente della Repubblica del Paraguay mi mandò un sms: «Padre, lei è un dono per il Paraguay». Chi sono io? Nessuno! Chi sei Tu, o Cristo mio? Tutto! Da questa coscienza di sé nasce un impeto missionario che contagia quanti incontro sul mio cammino. Come vorrei che la gente vedesse il volto dei miei malati terminali, per vedere come Dio agisce e come la Divina Provvidenza porta avanti questa opera di amore verso i poveri!

Secondo: tu affermi «ci aggiunga la grande confusione dottrinale». È la conseguenza di quanto indicato prima. Se il rapporto personale con Gesù si oscura è inevitabile ritrovarsi, come direbbe Dante, in una «selva oscura». Il depositum fidei che la Chiesa custodisce gelosamente e dal quale essa stessa apprende è una fonte inesauribile di grazia. La confusione dottrinale c’è soltanto in chi non riconosce nella Chiesa il prolungamento nell’oggi di Cristo Risorto. In aggiunta, come si può parlare di confusione dottrinale quando ogni domenica recitiamo il Credo, sintesi meravigliosa della dottrina cattolica?

Ma nella tua mail v’è una questione che indica la ragione dei tuoi dubbi: la difficoltà a comprendere il compito di papa Francesco e il modo in cui esercita il mandato che Cristo gli ha dato come successore di Pietro. Ma deve essere chiaro che «ubi Petrus ibi Ecclesia», vale a dire, la presenza di Gesù. Papa Francesco, in continuità con i suoi predecessori, ci educa a vivere le verità della fede e lo fa in un modo tanto semplice che anche io e i miei poveri lo comprendiamo. Per noi che viviamo nelle periferie delle città, condividendo la povertà e la malattia delle persone, la presenza e l’insegnamento del Papa sono l’unica consolazione che abbiamo, perché è la voce di quelli che non hanno voce. Con Francesco e il suo insegnamento, noi poveri, la maggioranza assoluta nel mondo, stiamo recuperando la speranza e la voglia di vivere. Che differenza! A Milano i volti sono tristi e qui, dove mi feci povero con i poveri, vedo sui volti della gente un sorriso.

Quando due anni fa il Papa ci ha visitato in modo inatteso e sorprendente, abbracciando con le sue braccia aperte i malati e gli anziani abbandonati, abbiamo capito che aveva fatto del suo pontificato un camminare con Gesù. Non dimentichiamo che papa Francesco un tempo amava incontrare, come Gesù, i poveri nei bassifondi di Buenos Aires. Fu lì che camminò con i poveri, predicando la Buona Novella come Gesù. Posso sbagliarmi, ma Francesco non è stato scelto dallo Spirito Santo per annunciare nuovi dogmi, ma per insegnarci a camminare come Gesù. E in questo cammino, come Gesù, incontra tutti: gli zeloti, gli scribi, i farisei, i pubblicani, i peccatori e la massa dei poveri.

Pertanto, caro amico, ti invito a continuare a immergerti nell’insegnamento quotidiano del Papa, seguendo le sue orme, perché dove è Pietro, là c’è Cristo… e così nella fedeltà e nella pazienza anche il tuo disorientamento vocazionale si illuminerà di chiarezza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

A Milano settembre è il mese più bello. Anche per pedalare. Il 17 mattina l’hanno pensato in tanti, circa 1.800, schierati alla partenza della prima edizione della GF Milano. Dopo una notte di pioggia, infatti, lo sguardo poteva abbracciare verso nord il profilo innevato delle montagne, nella direzione che avrebbe preso la corsa. Due le […]

L'articolo GF Milano, in gara dalla città al cuore della Brianza proviene da RED Live.

Le righe, si sa, rubano la scena a qualsiasi altro indumento del guardaroba e non tutti se le possono permettere. Ciò che ha fatto Rapha con questa fantasia, protagonista della nuova collezione Cross, è stato scegliere un accostamento di tonalità elegante e, soprattutto, ispirato all’abbigliamento indossato da Jeremy Powers (Rapha-Focus Team) alla conquista del titolo di campione nazionale […]

L'articolo Rapha presenta la nuova collezione Cross proviene da RED Live.

F1 2017 è un generatore virtuale di adrenalina. Un racing game emozionante e coinvolgente, completamente personalizzabile in base alle proprie esigenze. Il nuovo gioco di Codemasters affina la buona ricetta del 2016 e (ri)propone un solidissimo “simcade”, ovvero un efficace ibrido tra simulazione impietosa e arcade permissivo, immediato e profondo. Il risultato? Senza controllo di trazione […]

L'articolo F1 2017 è pura adrenalina virtuale proviene da RED Live.

Con il nuovo Peugeot Belville, la Casa del Leone s’inserisce in uno dei mercati più floridi in assoluto: quello degli scooter piccoli a ruota alta. È disponibile in due cilindrate (125 e 200) con prezzi a partire da 2.950 euro

L'articolo Prova Peugeot Belville proviene da RED Live.

Che Kia sia un’azienda coreana Doc è assodato ma è altresì vero che il suo quartier generale europeo si trova ad appena 500 metri dall’entrata del Salone di Francoforte. E’ quindi normale che Kia viva la kermesse tedesca in modo speciale, come la fiera di casa, quella in cui sfruttare il fattore campo favorevole per […]

L'articolo Kia Proceed Concept: il futuro passa da qui proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana