Google+

Vestiti, ombre e scarpette rosse fluttuano nelle opere di Veronica Garcia

settembre 14, 2012 Mariapia Bruno

È una bambina vestita rosso l’unica protagonista dell’opera Cumpleanos di Veronica Garcia: sola in uno scenario abbandonato, questa piccola Alice in un paese, che non è proprio delle meraviglie, vaga in un campo di disordinati cespugli, dando le spalle a una città fantasma, sopra la sua testa contrastano con un cielo plumbeo dei palloncini bianchi appesi a un filo. Scenari onirici in cui fluttuano città, barche, vestiti, scarpe e manichini. Sono questi i soggetti preferiti dall’artista argentina che, scavando nei suoi ricordi, trasforma la sua memoria in immagini enigmatiche, che la portano indietro alle proprie origini a quando, ancora bambina, si trasferisce con la famiglia nella città di Puerto Madryn, dove scopre l’amore per l’arte.

Così come le scarpe sono il simbolo faticoso del percorso della sua vita, le barche rappresentano il fluire della sua esistenza, mentre gli abiti raccontano la sua identità unica. La sua è una pittura materica, dove i colori sovrapposti si fanno sempre più pastosi e dove un posto importante è occupato dall’ombra, o meglio dal ricordo dell’ombra, quella cosa immateriale che ci segue per tutta la vita come una fedele compagna dei nostri viaggi verso sempre nuovi lidi e di tutte le nostre scelte. Ed è proprio l’ombra a dare il titolo alla retrospettiva El recuerdo de la Sombra che la Costantini Art Gallery di Milano dedica all’artista, dove dal prossimo 20 settembre fino al 13 ottobre 2012 si potranno ammirare una serie di opere recenti che raccontano mente e cuore di un’artista alla continua ricerca del sapere e della conoscenza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Estrema tanto nell’aspetto quanto nella meccanica, la concept coreana anticipa la prima sportiva affidata al reparto Hyundai N. Adotta un 2.0 turbo benzina da 380 cv abbinato a un cambio a doppia frizione e alla trazione integrale.

La seconda generazione della SUV tedesca cresce nelle dimensioni e adotta soluzioni hi-tech in ambito sia multimediale sia di sicurezza. Mediamente più leggera di 90 kg, può contare su motori turbo benzina e diesel con potenze da 150 a 286 cv.

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana