Google+

Václav Havel: diario di un imputato

giugno 29, 2016 Angelo Bonaguro

havel_hradecek_1975Il prossimo ottobre il drammaturgo, dissidente e presidente Václav Havel (1936-2011) avrebbe compiuto 80 anni. Per l’occasione, fra le altre iniziative la Biblioteca Havel di Praga ha annunciato la pubblicazione del diario che l’allora dissidente tenne dal gennaio al maggio 1977 nel carcere giudiziario di Ruzyně, dove si trovava rinchiuso come portavoce e firmatario del primo documento dell’iniziativa informale Charta 77.

La mattina del 6 gennaio di quell’anno nel quartiere di Dejvice a Praga era accaduto un fatto inaudito: in piena stagnazione, come in un film, un’auto della polizia si era lanciata all’inseguimento di una Saab con a bordo lo scrittore Ludvík Vaculík, il drammaturgo Václav Havel e l’attore Pavel Landovský, che intendevano spedire alle autorità il documento n. 1 della neonata Charta, un manifesto in cui si chiedeva al regime comunista il rispetto dei diritti umani sulla base degli accordi internazionali sottoscritti a Helsinki.

Uno di loro aveva appena fatto in tempo a scendere dall’auto e a imbucare una quarantina di lettere prima di essere acciuffato dagli agenti con gli altri due. Ma ormai la frittata era fatta, e il primo documento di Charta 77 oltre ad arrivare al Castello finì nella redazione di Le Monde che ne diede per primo notizia in Occidente. Seguirono fermi, perquisizioni e arresti: lo stesso Havel fu condotto all’interrogatorio il 14 gennaio, e da lì, con l’accusa di «sovversione», finì per la prima volta nel carcere giudiziario di Ruzyně, dove rimase fino al 20 maggio.

Una pagina del diario.  «Il Partito prima indottrina i più giovani, trasforma in eroi i figli che denunziano i propri padri, e ora si pente…».

Una pagina del diario.
«Il Partito prima indottrina i più giovani, trasforma in eroi i figli che denunziano i propri padri, e ora si pente…».

E proprio a quei mesi risalgono gli appunti, le annotazioni, le idee da sviluppare, che il drammaturgo dissidente fissò nel suo diario e che costituivano per lui una sorta di «igiene mentale» per non lasciarsi schiacciare dal meccanismo repressivo. Probabilmente nella pubblicazione ritroveremo anche gli appunti dell’ultimo colloquio che ebbe con il professor Jan Patočka proprio a Ruzyně, mentre attendevano di essere interrogati. Il filosofo già piuttosto anziano era stato a sua volta arrestato perché portavoce di Charta 77, ma poi il suo cuore non resse agli interrogatori e morì il 13 marzo.

Una volta in libertà, Havel riprese quelle note datate 1° maggio e ne sviluppò un bellissimo ricordo: «Da un momento all’altro potevano chiamare uno di noi, ma questo al professore non importava affatto: nel suo improvvisato seminario sulla storia dell’idea dell’immortalità umana e dell’umana responsabilità, soppesava le parole con la massima cura, come se avessimo avuto innanzi a noi un tempo illimitato (…). Alla fine mi invitò a recarmi al più presto da lui perché voleva parlare più a fondo di quella questione (…). Non andai: quel giorno, infatti, da Ruzyně non tornai più a casa, e il colloquio con Patočka sull’immortalità umana è stato l’ultimo colloquio con una persona diversa dagli impiegati del ministero degli interni e della giustizia, se si esclude la breve visita di mia moglie alla presenza di un poliziotto».

Il diario è stato ritrovato per caso da David Dušek, nipote di Zdeněk Urbánek, un vecchio amico di Havel, traduttore e saggista. Dušek vi si è imbattuto mentre riordinava dei vecchi scatoloni del nonno, e inizialmente pensava fossero scritti suoi; la grafia però gli richiamava altri testi di Havel, perciò ha sottoposto il diario all’esame dei collaboratori della Biblioteca Havel. Nessuno degli amici e familiari del drammaturgo era a conoscenza di questi appunti, e lui stesso non ne aveva mai parlato.

Il volume, che uscirà in ceco col titolo Václav Havel: diario di un imputato, sarà pubblicato dalla Biblioteca Havel in facsimile, e accompagnato da alcuni saggi che contestualizzeranno l’epoca e l’autore.

«Il diario di una dei periodi più drammatici della vita di Havel contribuirà a una migliore comprensione della sua situazione di allora, del suo ambiente, degli interrogativi tormentosi di fronte ai quali era stato posto e di come il potere si accanì contro uno scrittore non conformista», ha affermato il direttore della Biblioteca Michael Žantovský.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Neve, ghiaccio, temperature polari e 26 passi alpini. La terza edizione della 20Quattro Ore delle Alpi, organizzata da Audi, ha incontrato le condizioni giuste per mettere alla prova 5 equipaggi che si sono sfidati a suon di km percorsi e prove speciali ghiacciate sulle nuove RS4. C’eravamo anche noi

L'articolo 20Quattro Ore delle Alpi Audi. C’ero anch’io proviene da RED Live.

Presentata per la prima volta nel 2007, la Peugeot 308 ha subito un restyling nel giugno 2017. Dal punto di vista meccanico la novità preponderante era stata la sostituzione del cambio automatico a 6 rapporti in favore di un nuovo 8 rapporti. Un cambio più evoluto sviluppato dalla giapponese Aisin capace di rubare sulla bilancia […]

L'articolo Peugeot 308: aggiornamenti a 8 rapporti proviene da RED Live.

Più dinamica - non solo nel look - e tecnologica. Per sfidare a testa alta le rivali più pericolose del segmento. La nuova Kia Ceed è pronta per sfilare sulla passerella del Salone di Ginevra 2018

L'articolo Nuova Kia Ceed, senza apostrofo ma con più stile proviene da RED Live.

La 2ª edizione del circuito organizzato da Bosch eBike Systems, con il supporto di Trek, coinvolgerà 5 Paesi europei. I percorsi sono adatti sia agli amatori sia ai professionisti. Il via dal Bike Festival di Riva del Garda a fine aprile

L'articolo Bosch eMTB-Challenge – Da aprile a settembre – Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Marchio di fabbrica tanto quanto l’acciaio e i baffi di Tom, la grafica con i tre colori sfumati della bandiera americana ha segnato un’epoca, soprattutto nel mondo delle ruote grasse.  Era da tempo che i fan di Ritchey chiedevano di metterla di nuovo a catalogo e alla fine hanno raggiunto lo scopo, anche se in realtà […]

L'articolo Ritchey Road Logic Heritage, acciaio per pochi proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi