Google+

Václav Havel: diario di un imputato

giugno 29, 2016 Angelo Bonaguro

havel_hradecek_1975Il prossimo ottobre il drammaturgo, dissidente e presidente Václav Havel (1936-2011) avrebbe compiuto 80 anni. Per l’occasione, fra le altre iniziative la Biblioteca Havel di Praga ha annunciato la pubblicazione del diario che l’allora dissidente tenne dal gennaio al maggio 1977 nel carcere giudiziario di Ruzyně, dove si trovava rinchiuso come portavoce e firmatario del primo documento dell’iniziativa informale Charta 77.

La mattina del 6 gennaio di quell’anno nel quartiere di Dejvice a Praga era accaduto un fatto inaudito: in piena stagnazione, come in un film, un’auto della polizia si era lanciata all’inseguimento di una Saab con a bordo lo scrittore Ludvík Vaculík, il drammaturgo Václav Havel e l’attore Pavel Landovský, che intendevano spedire alle autorità il documento n. 1 della neonata Charta, un manifesto in cui si chiedeva al regime comunista il rispetto dei diritti umani sulla base degli accordi internazionali sottoscritti a Helsinki.

Uno di loro aveva appena fatto in tempo a scendere dall’auto e a imbucare una quarantina di lettere prima di essere acciuffato dagli agenti con gli altri due. Ma ormai la frittata era fatta, e il primo documento di Charta 77 oltre ad arrivare al Castello finì nella redazione di Le Monde che ne diede per primo notizia in Occidente. Seguirono fermi, perquisizioni e arresti: lo stesso Havel fu condotto all’interrogatorio il 14 gennaio, e da lì, con l’accusa di «sovversione», finì per la prima volta nel carcere giudiziario di Ruzyně, dove rimase fino al 20 maggio.

Una pagina del diario.  «Il Partito prima indottrina i più giovani, trasforma in eroi i figli che denunziano i propri padri, e ora si pente…».

Una pagina del diario.
«Il Partito prima indottrina i più giovani, trasforma in eroi i figli che denunziano i propri padri, e ora si pente…».

E proprio a quei mesi risalgono gli appunti, le annotazioni, le idee da sviluppare, che il drammaturgo dissidente fissò nel suo diario e che costituivano per lui una sorta di «igiene mentale» per non lasciarsi schiacciare dal meccanismo repressivo. Probabilmente nella pubblicazione ritroveremo anche gli appunti dell’ultimo colloquio che ebbe con il professor Jan Patočka proprio a Ruzyně, mentre attendevano di essere interrogati. Il filosofo già piuttosto anziano era stato a sua volta arrestato perché portavoce di Charta 77, ma poi il suo cuore non resse agli interrogatori e morì il 13 marzo.

Una volta in libertà, Havel riprese quelle note datate 1° maggio e ne sviluppò un bellissimo ricordo: «Da un momento all’altro potevano chiamare uno di noi, ma questo al professore non importava affatto: nel suo improvvisato seminario sulla storia dell’idea dell’immortalità umana e dell’umana responsabilità, soppesava le parole con la massima cura, come se avessimo avuto innanzi a noi un tempo illimitato (…). Alla fine mi invitò a recarmi al più presto da lui perché voleva parlare più a fondo di quella questione (…). Non andai: quel giorno, infatti, da Ruzyně non tornai più a casa, e il colloquio con Patočka sull’immortalità umana è stato l’ultimo colloquio con una persona diversa dagli impiegati del ministero degli interni e della giustizia, se si esclude la breve visita di mia moglie alla presenza di un poliziotto».

Il diario è stato ritrovato per caso da David Dušek, nipote di Zdeněk Urbánek, un vecchio amico di Havel, traduttore e saggista. Dušek vi si è imbattuto mentre riordinava dei vecchi scatoloni del nonno, e inizialmente pensava fossero scritti suoi; la grafia però gli richiamava altri testi di Havel, perciò ha sottoposto il diario all’esame dei collaboratori della Biblioteca Havel. Nessuno degli amici e familiari del drammaturgo era a conoscenza di questi appunti, e lui stesso non ne aveva mai parlato.

Il volume, che uscirà in ceco col titolo Václav Havel: diario di un imputato, sarà pubblicato dalla Biblioteca Havel in facsimile, e accompagnato da alcuni saggi che contestualizzeranno l’epoca e l’autore.

«Il diario di una dei periodi più drammatici della vita di Havel contribuirà a una migliore comprensione della sua situazione di allora, del suo ambiente, degli interrogativi tormentosi di fronte ai quali era stato posto e di come il potere si accanì contro uno scrittore non conformista», ha affermato il direttore della Biblioteca Michael Žantovský.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sul mercato dal 2010 e aggiornata nel 2014, la Lexus CT200h iniziava a soffrire di uno sdoppiamento della personalità. A una meccanica moderna si accompagnava infatti una linea ardita sì, ma ormai un po’ datata. Una contrapposizione ora sanata dalla divisione di lusso Toyota che sottopone la propria berlina ibrida a un restyling sia estetico […]

L'articolo Lexus CT200h MY18: il cuore non si tocca proviene da RED Live.

Vernice opaca Verde Alpi, vetri posteriori oscurati e un’indole sportiveggiante: la Fiat 500X, una delle SUV compatte più apprezzate sul mercato, debutta nell’inedito allestimento S-Design, disponibile sia per la configurazione “cittadina” City Look sia per quella più fuoristradistica Off-Road Look. Prezzi da 19.950 euro. Vernice satinata a 1.300 euro La Fiat 500X, che condivide la […]

L'articolo Fiat 500X S-Design: urban look proviene da RED Live.

Il Festival della velocità si avvicina e, come ogni anno, la McLaren celebra il rito di Goodwood con una novità. Quest’anno tocca alla 570S Spider, vettura che va ad ampliare la gamma delle Sport Series in attesa dell’entrata a listino della nuova 720S, massima esponente della famiglia Super Series. Trasmissione a doppia frizione Non manca […]

L'articolo McLaren 570S Spider: io non ingrasso proviene da RED Live.

AMR, come Aston Martin Racing. La divisione sportiva della Casa inglese presenta una versione estrema della supercar Vantage, disponibile in configurazione sia coupé sia roadster e con entrambi i propulsori in gamma, vale a dire il V8 4.7 e il V12 6.0. Punto di congiunzione tra la strada e la pista, la Vantage AMR mutua […]

L'articolo Aston Martin Vantage AMR: la pista nelle vene proviene da RED Live.

Secondo le previsioni di Kia il segmento dei cosiddetti B-SUV sarà quello che avrà la maggior crescita nei prossimi anni. I vertici della Casa si aspettano che nel 2020 in Europa la quota di mercato dei SUV compatti salga al 10%, con un volume totale di due milioni di pezzi venduti. Con questa prospettiva hanno […]

L'articolo Vista e toccata – Kia Stonic proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana